ACT E Disturbi D’Ansia: Esempio Di Protocollo

ACT e ansia

Lo sviluppo dell’ACT per i disturbi d’ansia

Come nascono le tecniche dell’ACT per l’ansia? Negli ultimi 40 anni, la terapia comportamentale ha portato allo sviluppo di interventi comportamentali e cognitivo-comportamentali di derivazione empirica e limitati per assistere coloro che soffrono di ansia e problemi legati alla paura (Barlow, 2002; Beck, Emery, & Greenberg, 1985). Questo lavoro continua coscienziosamente poiché ricercatori e professionisti lavorano per migliorare la forza, la durata e l’efficacia di tali interventi. Anche la conoscenza dei meccanismi e dei processi che mediano i risultati positivi continua a ricevere l’attenzione della ricerca. Nell’ultimo decennio, parte di questo lavoro si è concentrata sull’esplorazione della mindfulness e degli approcci basati sull’accettazione. Nella sua forma più elementare, la mindfulness consiste nel focalizzare la nostra attenzione sul momento presente e nell’avere un contatto diretto con le nostre esperienze presenti, accettandole senza difendersi, e con il minor giudizio possibile (Kabat-Zinn, 1994).

Questo lavoro ha portato ad applicazioni sperimentali e applicate innovative per un’ampia gamma di psicopatologie (Hayes, Follette e Linehan, 2004), compresa l’ansia (Hayes, 1987; Orsillo, Roemer, Block-Lerner, LeJeune e Herbert, 2005) e la depressione (Segal, Williams e Teasdale, 2002). La terapia dell’accettazione e dell’impegno (ACT; Hayes, Strosahl e Wilson, 1999) fa parte di questa nuova linea di esplorazione e gli studi hanno dimostrato che l’ACT può essere efficace per il trattamento del disturbo d’ansia generalizzato (Roemer, Orsillo e Salters-Pedneault, 2008), del disturbo ossessivo-compulsivo (Twohig, Hayes e Masuda, 2006) e del disturbo post-traumatico da stress (Orsillo e Batten, 2005).

Il nostro scopo è descrivere un’applicazione integrata di ACT che può essere adattata nell’uso a un qualsiasi disturbo d’ansia (Eifert & Forsyth, 2005), comprendendo i dati sugli esiti di tre pazienti con diverse diagnosi di disturbo d’ansia. Desideriamo sottolineare che quanto segue è solo uno dei tanti modi (non IL modo) in cui l’ACT può essere applicata alle persone che soffrono di disturbi d’ansia.

 

L’ACT ha due obiettivi principali per l’ansia:

(a) favorire l’accettazione di pensieri e sentimenti problematici e inutili che non possono e forse non devono essere controllati;

Sblocca i tuoi 50 crediti ECM in omaggio con i corsi FCP con ECM

(b) l’impegno e l’azione per vivere una vita secondo i valori scelti.

 

Questo è il motivo per cui l’ACT riguarda l’accettazione e, allo stesso tempo, il cambiamento e quindi può essere efficace per l’ansia.

Applicata ai disturbi d’ansia, i pazienti imparano a porre fine alla lotta con il loro disagio correlato all’ansia, e ad assumere il controllo impegnandosi in azioni che li avvicinano agli obiettivi di vita prescelti (“valori”). Invece di insegnare strategie “diverse, migliori” per cambiare o ridurre pensieri e sensazioni indesiderate, l’ACT insegna ai pazienti le capacità per riconoscere e osservare pensieri e sentimenti spiacevoli così come sono. Questo modo meno evitante e più flessibile di rispondere all’ansia e ad altre forme di disagio emotivo crea uno spazio in cui gli individui possono agire verso la direzione degli obiettivi di vita prescelti, anche quando sono presenti pensieri, sentimenti e sensazioni corporee spiacevoli.

Un approccio ACT ai disturbi d’ansia si basa sulla nozione che i disturbi d’ansia sono caratterizzati da un evitamento esperienziale ed emotivo, definito come una tendenza a impegnarsi in comportamenti per alterare la frequenza, la durata o la forma di eventi privati indesiderati (cioè pensieri, sentimenti, eventi fisiologici e ricordi) e le situazioni che li provocano, quando tale evitamento porta a problemi di funzionamento (Hayes et al., 1999). La funzione dell’evitamento esperienziale è controllare o ridurre al minimo l’impatto delle esperienze interiori avverse. L’evitamento esperienziale può produrre un sollievo immediato a breve termine da pensieri ed emozioni legati all’ansia valutati negativamente, ma rafforza negativamente tale comportamento. Infatti, diventa problematico quando interferisce con il funzionamento quotidiano di una persona e il raggiungimento degli obiettivi di vita.

Come descritto più dettagliatamente altrove (Eifert & Forsyth, 2005; Forsyth, Eifert, & Barrios, 2006), si pensa che una rigida e inflessibile regolazione delle emozioni e dei pattern di evitamento emotivo ed esperienziale funzioni come una diatesi psicologica fondamentale alla base dello sviluppo e mantenimento di diverse forme di psicopatologia (Blackledge & Hayes, 2001; Hayes, Wilson, Gifford, Follette, & Strosahl, 1996; Kashdan, Barrios, Forsyth e Steger, 2006), inclusi tutti i disturbi d’ansia e la depressione (Barlow, Allen, & Choate, 2004). Ad esempio, Karekla, Forsyth e Kelly (2004) hanno scoperto che l’evitamento emotivo era più predittivo delle reazioni di panico rispetto ad altri fattori di rischio psicologico per il panico, come la sensibilità all’ansia, anche in individui sani.

Questo evitamento del disagio è collegato ai processi linguistici (es. il coinvolgimento nei propri giudizi e valutazioni), ai pattern regolati di azione e inazione (es. “Potrei diventare ansioso in quella situazione non familiare, quindi è meglio che non vada“) e autovalutazioni negative (ad es. “Sono inutile” o “Sono incompetente”). Tale evitamento è problematico perché si verifica nel contesto di approcci in competizioni, cioè azioni che i pazienti desiderano intraprendere come parte di una buona qualità della vita, e in quel contesto il comportamento di evitamento tende a dominare sul comportamento di approccio. Questo è il motivo per cui l’evitamento esperienziale è uno degli obiettivi terapeutici più importanti nell’ACT. Un atteggiamento di accettazione esperienziale, al contrario, implica vivere gli eventi pienamente e senza atteggiamenti difensivi…e implica di entrare in contatto con le funzioni di stimolo automatico o diretto degli eventi, senza agire per ridurre o manipolare tali funzioni, e senza agire sulla base esclusivamente delle loro funzioni verbali derivate (Hayes, 1994, p. 30).

L’accettazione, a differenza dell’evitamento esperienziale, riflette un’apertura verso tutti i tipi di esperienze (sia avverse, che piacevoli) e un impegno ad abbandonare il programma del cambiamento dove non funziona bene e quindi ha un impatto negativo sul funzionamento servendo solo ad aumentare il disagio, propriamente nell’ambito degli eventi privati (Marx & Sloan, 2004). Diverse linee di ricerca indipendenti (per un’ampia rassegna, vedi Hayes, Luoma, Bond, Masuda e Lillis, 2006) supportano l’idea che i tentativi rigidi e inflessibili (cioè, insensibili al contesto) di sopprimere e controllare eventi privati indesiderati sono in gran parte inefficaci, e possono provocare più (non meno) pensieri ed emozioni indesiderate (Koster, Rassin, Crombez e Näring, 2003; Purdon, 1999), aumentare il disagio, limitare il funzionamento vitale efficace (Marx e Sloan, 2004) e ridurre l’impegno in attività significative e attività di vita di valore, con una concomitante qualità di vita peggiore(Dahl, Wilson e Nilsson, 2004; Hayes et al., 2006).

Altre linee di lavoro correlate hanno dimostrato che le strategie di coping evitanti come la negazione, il disimpegno mentale e l’abuso di sostanze predicevano sintomi di panico fisico e cognitivo indotti da CO2 più frequenti e intensi rispetto alle strategie di coping basate sull’accettazione (Feldner, Zvolensky, Eifert e Spira, 2003; Spira, Zvolensky, Eifert, & Feldner, 2004). Allo stesso modo, Eifert e Heffner (2003) hanno scoperto che quando le donne altamente ansiose erano esposte ad aria con maggiori quantità di CO2, le partecipanti in un contesto di accettazione erano meno evitanti dal punto di vista comportamentale, riferivano una paura meno intensa, minori pensieri catastrofici ed avevano meno probabilità di abbandonare lo studio rispetto ai partecipanti del contesto di controllo. Questi risultati sono stati replicati in uno studio proceduralmente simile con pazienti realmente affetti da disturbo di panico (Levitt et al., 2004).

Un minore evitamento esperienziale e una maggiore accettazione migliorano anche la volontà di impegnarsi in esercizi di esposizione (Levitt et al., 2004) e possono prevenire l’abbandono della terapia (Karekla & Forsyth, 2004) nelle persone con disturbo di panico. Nel complesso, questo lavoro suggerisce che l’evitamento esperienziale è un processo potenzialmente tossico legato a forme di disagio e menomazione della vita e che le strategie che promuovono l’approccio o l’accettazione del disagio possono essere utili come alternative più sane. Come nel programma di terapia cognitiva per la depressione basato sulla consapevolezza sviluppato da Segal e colleghi (2002), una delle abilità fondamentali da apprendere nei programmi ACT è come uscire dagli intrecci con routine di evitamento comportamentali perpetue, autolesioniste, emotive e cognitive.

Ciò si ottiene insegnando ai pazienti varie abilità volte a minare il pensiero eccessivo e rigido e alla regolazione delle emozioni (Masuda, Hayes, Sackett e Twohig, 2004). Sulla base della maggior parte dei dati empirici che mostrano l’impatto negativo dell’evitamento esperienziale, l’ACT non cerca di aiutare i pazienti a controllare o gestire l’ansia, insegna loro, invece, come lasciar andare le dinamiche di controllo. Pertanto, l’ACT è diverso da ciò che molti pazienti e terapeuti si aspettano per risolvere i problemi di ansia. Perciò, è necessario un primo passo nel trattamento affinché i terapeuti aiutino i pazienti a sperimentare le conseguenze del rimanere intrappolati nell’idea che un efficace controllo dell’ansia sia un prerequisito per condurre una vita migliore, e come le strategie di controllo dell’ansia abbiano avuto un impatto negativo sul loro funzionamento vitale e un aumento del disagio quando non hanno funzionato come previsto (vedi anche Eifert & Heffner, 2003; Levitt et al., 2004).

 

Panoramica del trattamento ACT per l’ansia

Il programma ACT per l’Ansia è un protocollo di trattamento unificato che guida i terapeuti nell’applicazione flessibile dei principi e delle tecniche ACT per i pazienti che presentano un qualsiasi disturbo di ansia maggiore (Eifert & Forsyth, 2005). È disponibile anche una versione ampliata del protocollo sotto forma di manuale di auto-aiuto (Forsyth & Eifert, 2008). È in corso una valutazione formale e un confronto di questo protocollo ACT con un protocollo TCC unificato nell’ambito di uno studio clinico presso l’UCLA che esamina specificamente la relazione tra l’esito del trattamento e i processi di cambiamento nei due approcci terapeutici. Forniremo adesso una panoramica del protocollo ACT unificato originale per l’ansia, seguito dai dati sugli esiti di tre pazienti che hanno completato la sperimentazione clinica in corso. La consegna del protocollo di trattamento stesso è organizzata intorno a tre fasi intrecciate.

 

Fase 1 dell’ACT per l’ansia

L’obiettivo della Fase 1 (Sessioni da 1 a 3) è creare un contesto di accettazione per il disagio correlato all’ansia. Questo lavoro pone le basi per le restanti sessioni di trattamento. Con l’aiuto di metafore ed esercizi, i pazienti sperimentano le conseguenze degli sforzi passati per controllare e gestire l’ansia. Piuttosto che evitare le esperienze legate all’ansia, i pazienti iniziano ad apprendere alcune competenze base per stare con il disagio correlato all’ansia e guardarlo da una prospettiva di osservatore consapevole.

 

Fase 2 dell’ACT per l’ansia

Nella Fase 2 (Sessioni da 4 a 7), l’attenzione si sposta sull’identificazione degli obiettivi di vita (valori) più cari ai pazienti, e sulle abilità di insegnamento progettate per costruire modelli di comportamento più flessibili quando sorgono ansia e paura. Durante gli esercizi di esposizione, inquadrati nel contesto dei valori del paziente, i pazienti imparano a praticare le competenze della consapevolezza in presenza del disagio correlato all’ansia. La consapevolezza è un’abilità importante da apprendere perché contrasta le strategie di evitamento esperienziale passate volte a controllare o ridurre il disagio correlato all’ansia e che tendono a intralciare le azioni guidate dal valore. In queste sedute, i terapeuti aiutano anche i pazienti a prendere degli impegni per iniziare a impegnarsi in azioni che seguono quei valori.

 

Fase 3 dell’ACT per l’ansia

Nella Fase 3 (Sessioni dalla 8 alla 12) l’attenzione si amplia ulteriormente per aiutare i pazienti a impegnarsi in azioni guidate dal valore nel loro ambiente naturale, e a rimanere impegnati a proseguire anche di fronte agli ostacoli inevitabili legati all’ansia. Con l’aiuto di tabelle estrapolate dai programmi di attivazione comportamentale (ad es. Addis e Martell, 2004), terapeuta e paziente specificano obiettivi concreti e raggiungibili che derivano da uno o due valori identificati dai pazienti nella Fase 2.

 

Quando i pazienti si impegnano in tali attività finalizzate all’obiettivo, incontrano invariabilmente difficoltà legate all’ansia, che in precedenza erano ostacoli che causavano comportamenti di evitamento. I terapeuti dedicano molto tempo per insegnare ai pazienti a muoversi con tali barriere aiutandoli ad applicare l’osservazione consapevole e altre abilità di fronte al disagio legato all’ansia. Aumentare la volontà di un paziente di restare nell’azione commissionata e “portare con sé l’ansia per il viaggio“, se si presenta, è un obiettivo importante per il resto del trattamento. Una parte integrante dell’ ACT è l’uso di metafore e relativi esercizi esperienziali durante il trattamento. Questi esercizi consentono ai pazienti di stabilire un contatto esperienziale con pensieri, sentimenti, ricordi e sensazioni fisiche che sono stati temuti ed evitati perché erano troppo spaventosi per essere contattati direttamente.

Le metafore sono storie verbali che consistono di analogie e immagini.

In quanto tali, non possono essere presi alla lettera e consentono ai pazienti di stabilire un contatto esperienziale con un aspetto della loro esperienza in un modo nuovo e da un diverso punto di vista (per un’analisi RFT più dettagliata delle metafore, vedere Stewart, Barnes-Holmes, Hayes, & Lipkens, 2001). In tal modo, aiutano a creare distanza tra loro stessi e il modo in cui si stanno avvicinando alla propria ansia, aprendo anche la porta alle nuove soluzioni (per le descrizioni dettagliate di tutte le metafore e gli esercizi utilizzati nel nostro studio, vedere Eifert & Forsyth, 2005; Forsyth & Eifert, 2008).

 

Programma di trattamento sessione per sessione e obiettivi principali del processo ACT per l’ansia

Sebbene descriviamo il programma di trattamento sotto forma di linee guida sessione per sessione, l’effettiva somministrazione dell’ACT è più simile a una danza fluida attorno a diversi processi fondamentali piuttosto che a una progressione lineare. L’ACT è un approccio funzionale, non semplicemente una terapia o una serie di tecnologie per il trattamento. Si basa su un modello con diversi obiettivi di trattamento correlati che vengono continuamente rivisitati durante la terapia.

A livello pratico, ciò significa che i concetti, le metafore e gli esercizi introdotti all’inizio possono essere rivisti in qualsiasi momento necessario. I terapeuti sono incoraggiati a sequenziare e ad applicare esercizi e metafore in modo flessibile e creativo. Ciò può essere ottenuto individualizzando e modificando le tecniche in base alle circostanze e alle reazioni specifiche di ciascun paziente. Questa individualizzazione dovrebbe essere guidata da una comprensione dei processi fondamentali dell’ACT.

L’ACT può essere applicato a tutti i disturbi d’ansia, in parte, perché si rivolge a una serie di processi centrali che alimentano i problemi legati all’ansia, indipendentemente dalla forma specifica o dal sottotipo di ansia: la lotta con emozioni e cognizioni indesiderate e i bassi livelli di coinvolgimento in attività significative della vita (Hayes et al., 2006). L’obiettivo è cambiare la funzione (piuttosto che la forma o il contenuto specifico) dei pensieri e delle emozioni indesiderate in modo che non interferiscano più con un’azione efficace.

In effetti, una notevole quantità di tempo di trattamento viene spesa per aumentare nei pazienti le azioni della vita quotidiana coerenti a ciò che i pazienti vogliono e desiderano sia la loro vita. Laddove appropriato e necessario, il protocollo si rivolge con considerazioni specifiche al sottotipo di ansia e vengono fornite variazioni procedurali. Il protocollo fornisce anche ai terapeuti linee guida pratiche per integrare i principi e le tecniche ACT con gli aspetti più efficaci degli interventi cognitivo-comportamentali per i disturbi d’ansia. In particolare l’esposizione e l’attivazione comportamentale, nonché il training delle competenze sociali volte a rimediare alle mancanze causate dai problemi di ansia sociale in alcuni pazienti.

 

Orientamento al trattamento–Apprendere nuove competenze

La prima sessione cerca di fornire ai pazienti una comprensione della natura e dello scopo dell’ansia e di ciò che può rendere l’ansia problematica o un problema significativo nella vita. Qui, l’ansia e la paura sono descritte come emozioni adattive che possono, tuttavia, trasformarsi in problemi che sconvolgono la vita quando i pazienti rispondono ai loro pensieri, sentimenti e ricordi ansiosi in modi rigidi e inflessibili con l’obiettivo di non sperimentarli. I terapeuti introducono la nozione che la lotta e il controllo possono effettivamente interferire con il funzionamento quotidiano del paziente e il suo raggiungimento degli obiettivi, e quindi esplorano brevemente tale nozione in termini di esperienze di vita dei pazienti. La terapia è inquadrata come un’opportunità per apprendere e praticare modi nuovi e più flessibili di reagire quando si prova ansia. L’obiettivo è che i pazienti imparino capacità e modi per non lasciare che l’ansia sia ancora un ostacolo per fare ciò che vogliono, in modo da poter vivere una vita ricca e significativa. I terapeuti usano anche la prima sessione per enfatizzare la natura attiva, esperienziale e partecipativa dell’ACT, e si concentrano sullo sviluppo di un rapporto e sul dissipare i pregiudizi sulla paura e l’ansia (es. l’ansia è un male e un problema da risolvere).

 

Esaminare gli effetti del controllo dell’ansia: la disperazione creativa dell’ACT

Il primo passo in una nuova direzione è identificare e quindi abbandonare le strategie che non hanno aiutato i pazienti a migliorare il raggiungimento degli obiettivi e la qualità della vita, né hanno effettivamente fornito alcun sollievo duraturo dall’ansia. Per questo motivo, le sessioni 2 e 3 si concentrano sulla creazione di un contesto di accettazione per il trattamento come alternativa al controllo e all’evitamento dell’ansia. Ciò si ottiene esplorando delicatamente l’utilità (“lavorabilità”) e costi ed effetti delle varie strategie che i pazienti hanno utilizzato per affrontare e gestire l’ansia, incoraggiando i pazienti a fare spazio a nuove soluzioni.

Nello specifico, i pazienti esaminano:

  1. a) tutte le varie strategie che hanno impiegato per gestire e controllare la loro ansia e quanto bene queste strategie hanno funzionato, sia a breve che a lungo termine,
  2. b) come l’evitamento esperienziale e gli sforzi per controllare l’ansia hanno limitato o limitato la vita del paziente,
  3. c) come potrebbe essere il lasciar andare la lotta con l’ansia.

 

Ciò si ottiene con l’aiuto di esercizi esperienziali basati su metafore che vengono messi in atto in seduta dal terapeuta e dal paziente insieme. Lo scopo di questi esercizi è:

  1. a) lasciare che i pazienti sperimentino come tutti i loro vari tentativi di regolare le esperienze legate all’ansia (es., sensazioni corporee, immagini, preoccupazioni) non hanno funzionato e hanno costretto la loro vita,
  2. b) che lasciar andare le difficoltà e fare cose che vanno controcorrente non solo è possibile, ma può essere più praticabile. Per illustrare, forniamo due esempi di metafore che vengono tipicamente utilizzate ad un certo punto nella Sessione 2 o 3.

 

L’esercizio cinese della trappola per le dita

Una trappola per dita cinese è un tubo di paglia intrecciata lungo circa cinque pollici e largo mezzo pollice. Il terapeuta e il paziente prendono ciascuno una trappola per le dita e fanno l’esercizio insieme. Per prima cosa, fanno scivolare entrambi gli indici nel tubo di paglia, un dito in ciascuna estremità. Se si tenta di estrarre le dita, il tubo si stringe, causando disagio. L’unico modo per recuperare un po’ di libertà e spazio per muoversi è prima spingere le dita e poi farle scivolare fuori. Lo scopo di questo esercizio è far scoprire ai pazienti attraverso questa esperienza che il tentativo di allontanarsi dall’ansia, sebbene comprensibile e apparentemente logico (come uscire dalla trappola delle dita), crea solo più problemi: più si tira, più la trappola si stringe, riducendo lo spazio per muoversi e creando ancora più disagio.

Al contrario, fare qualcosa di controintuitivo, come spingere le dita verso l’interno anziché verso l’esterno, pone fine efficacemente al blocco e crea letteralmente più spazio (“spazio di manovra”). Dopo l’esercizio, i pazienti portano a casa la trappola per dita. Abbiamo adattato questo esercizio dalla metafora descritta da Hayes e colleghi (1999), che presentano la metafora ai pazienti solo in forma verbale. Sulla base dei risultati di uno studio condotto (Eifert & Heffner, 2003), suggeriamo che sia il terapeuta che il paziente mettano in atto la metafora con vere trappole per le dita e esplorino insieme gli effetti esperienziali di varie strategie (es., spingere vs. tirare).

 

Il tiro alla fune con il mostro dell’ansia

Simile alla trappola per le dita, questo esercizio metaforico crea una sfida, mentre indica soluzioni opposte a ciò che le persone di solito fanno in una lotta. È interessante notare che questa metafora è stata creata da una donna con agorafobia nel contesto del suo lavoro con un terapeuta ACT (Hayes, Wilson, Afari e McCurry, 1990). Mentre i terapeuti esplorano gli sforzi dei pazienti per sconfiggere le loro ansie e paure, suggeriscono gentilmente che questa lotta sembri come un tiro alla fune con un mostro dell’ansia.

Al paziente viene chiesto se è disposto a vedere come potrebbe svolgersi nella stanza. Per l’esercizio, i terapeuti svolgono il ruolo del mostro dell’ansia. Sia il terapista che il paziente prendono un’estremità di una corda (lunga circa 2-3 metri) e iniziano a tirare. Durante il tiro alla fune, i pazienti notano che gli sforzi per tirare più forte si traducono nel mostro che tira più forte di conseguenza. L’esecuzione di questo esercizio consente ai pazienti di sperimentare fisicamente quanta energia e concentrazione sono necessarie per tenere sotto controllo il mostro dell’ansia. Inoltre, quasi tutti i pazienti afferreranno la corda con entrambe le mani, e questo mostra drammaticamente come i loro sforzi per combattere l’ansia lascino mani e piedi bloccati e non più liberi di fare altre cose nella vita.

Un elemento chiave di questo esercizio è far capire ai pazienti che hanno una scelta: continuare a combattere o lasciar cadere la corda. Una volta che i pazienti lasciano effettivamente cadere la corda, sperimentano la differenza che fa questa azione e ciò che ne guadagnano: meno sforzo e più spazio per muoversi. I paziente imparano anche che la scelta non è se il mostro dell’ansia sia presente o meno, ma se riprendere la corda e combattere.

Quindi, i pazienti sperimentano in modo molto concreto ciò che non possono controllare (ciò che fa il mostro dell’ansia) e ciò che possono controllare, ciò che fanno con le mani e i piedi. Per migliorare l’esercizio, i terapeuti possono portare nella stanza importanti aree della vita, dove il mostro dell’ansia tende a manifestarsi e si mette in mezzo a ciò che vogliono fare. Per inciso, i terapeuti non devono preoccuparsi di finire in una rissa con i loro pazienti. Abbiamo scoperto che i pazienti riconoscono pienamente e rimangono entro i confini giocosi dell’esercizio.

 

Disperazione creativa

Queste metafore vengono utilizzate durante questa fase del trattamento per indurre la “disperazione creativa” (Hayes et al., 1999) facendo sperimentare ai pazienti che le soluzioni precedenti non hanno funzionato (disperazione) e che la terapia rappresenta un’opportunità per creare nuovi risultati con un approccio radicalmente diverso (accettare piuttosto che lottare). Per arrivarci, i pazienti devono abbandonare vecchie strategie che non hanno funzionato. Molti pazienti hanno difficoltà a capire cosa significhi lasciar andare in termini pratici e che aspetto abbia il comportamento di lasciar andare.

Un aspetto pratico del lasciar andare è imparare a osservare consapevolmente le esperienze legate all’ansia piuttosto che lottare o tentare di eliminare tali esperienze. Questo tema viene introdotto con un esercizio formale di consapevolezza ad occhi chiusi di 12 minuti (“esercizio di accettazione di pensieri e sentimenti”), che è stato adattato da versioni più generiche (Davis, Eshelmann e McKay, 2000; Segal et al., 2002) ai fini di questo programma per il trattamento dell’ansia.

L’obiettivo è che i pazienti si esercitino a prestare attenzione a un singolo punto focale, il loro respiro, e che imparino a osservare e a consentire ad altri eventi interni, come pensieri, sentimenti e sensazioni, di andare e venire. Se prestano attenzione alla loro esperienza, vedranno come cambia di momento in momento, come va e viene da sola, senza alcuno sforzo da parte loro. Ai pazienti viene chiesto di praticare questi esercizi almeno una volta al giorno a casa.

 

Identificare valori e obiettivi

L’ACT è un approccio costruttivo al cambiamento del comportamento con l’obiettivo di migliorare la qualità della vita. Questo è il motivo,  o forse l’obiettivo più importante del nostro programma: incoraggiare i pazienti a impegnarsi in comportamenti orientati agli obiettivi di vita come un programma alternativo alla gestione dell’ansia.

A tal fine, all’inizio (in genere al massimo nella sessione 3), i pazienti completano diversi esercizi esperienziali per esplorare i valori fondamentali nella loro vita. I pazienti sono incoraggiati a pensare a ciò che vogliono fare della loro vita, non a ciò che non vogliono avere o sentire. Questo riorientamento si ottiene aiutando i paziente a definire ciò che vogliono che sia la loro vita e come sia rappresentata in ambiti chiave della vita come la famiglia, gli amici, le relazioni romantiche, il tempo libero, la spiritualità, la salute, la carriera, l’istruzione e la comunità (vedi anche, Dahl & Lundgren, 2006).

In un secondo momento, utilizziamo ulteriori esercizi esperienziali e tabelle per l’attivazione comportamentale per definire obiettivi più specifici che li conducano nella direzione di quei valori. Quando i pazienti identificano i valori, spesso riconoscono che il comportamento di gestione dell’ansia li ha allontanati da questi. Ad esempio, una donna con una figlia alle elementari ci ha detto che il suo obiettivo di vita più importante era essere una buona madre. Tuttavia, ha riconosciuto che il suo comportamento di evitamento agorafobico le ha impedito di partecipare ai concerti scolastici di sua figlia. In effetti, non aveva partecipato a una sola recita.

Piuttosto che continuare a dedicare più tempo ed energie per tenere lontano il panico, ha scelto di imparare ad osservare e stare con il suo disagio in modo che alla fine sarebbe stata in grado di avvicinarsi all’auditorium della scuola precedentemente evitato e a guardare sua figlia esibirsi.

Vuoi saperne di più sulle tecniche della ACT?

▶️CLICCA QUI per scoprire il nuovo corso – La pratica ACT: Acceptance & Commitment Therapy

La pratica ACT

Articolo liberamente tradotto e adattato. Fonte: Eifert, Georg & Forsyth, John & Arch, Joanna & Espejo, Emmanuel & Keller, Melody & Langer, David. (2009). Acceptance and Commitment Therapy for Anxiety Disorders: Three Case Studies Exemplifying a Unified Treatment Protocol. Cognitive and Behavioral Practice. 16. 368-385. 10.1016/j.cbpra.2009.06.001.

One thought on “ACT E Disturbi D’Ansia: Esempio Di Protocollo

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>