Accedi

Comportamenti e problemi del Sonno del Bambino

Problemi del sonno

I problemi del sonno segnalati dal caregiver sono comuni nella prima e nella media infanzia.

Sono frequentemente valutati utilizzando un singolo item valutato dal caregiver in particolare nella pratica clinica di routine. Tuttavia, pochi studi hanno esaminato quali comportamenti del sonno sono associati a problemi del sonno segnalati dal caregiver oltre l’età prescolare.

In un ampio campione di 287 neonati e bambini piccoli fino a 36 mesi di età provenienti da 17 paesi diversi, Sadeh ha scoperto che maggiori risvegli notturni e una prolungata latenza di insorgenza del sonno erano tra le 8 variabili più associate a grave problema del sonno segnalato dal caregiver in contesti culturali prevalentemente caucasici e prevalentemente asiatici. Un altro studio che ha esaminato la prevalenza di problemi del sonno e comportamenti del sonno nel tempo (da 6 a 36 mesi) ha rilevato che risvegli notturni frequenti, latenza prolungata dell’inizio del sonno e durata del sonno notturno ridotta erano costantemente associati a un problema di sonno segnalato dal caregiver.

Dato che la ricerca di aiuto per problemi del sonno del bambino è probabilmente guidata da preoccupazioni principalmente riportate dal caregiver, è importante identificare quali comportamenti del sonno siano associati alle percezioni del caregiver di un problema del sonno del bambino. Questa ricerca può fornire una guida per i medici sui comportamenti problematici del sonno comuni. Ciò è particolarmente utile, poiché i medici sono raramente in grado di amministrare indagini diagnostiche dettagliate sul sonno nella pratica di routine a causa della necessità di valutare più domini del bambino in un breve lasso di tempo.

Inoltre, è importante identificare se ci sono cambiamenti evolutivi in ​​cui i comportamenti del sonno sono percepiti come problematici dai caregiver in fasce di età dei bambini per guidare approcci di screening del sonno più mirati nella pratica clinica. Pertanto, lo scopo di questo studio era di esaminare la prevalenza dei comportamenti del sonno del bambino segnalati dal caregiver e identificare le associazioni tra questi comportamenti e una valutazione globale del caregiver dei problemi del sonno del bambino dall’infanzia fino alla mezza infanzia.

 

Lo Psicologo consulente sul sonno dei bambini

 

Metodi

Partecipanti e procedura

Abbiamo esaminato le prime 6 ondate della prospettiva Growing up in Australia: The 4 Longitudinal Study of Australian Children (LSAC)—Birth Cohort (B-cohort), che è stata descritta altrove. In breve, LSAC ha utilizzato un cluster a due stadi disegno di campionamento per iscrivere una coorte di 6 rappresentanti a livello nazionale. Un totale di 5 bambini di età compresa tra 0 e 1 anno sono stati arruolati nella coorte B7, hanno iniziato la raccolta dei dati nel 2004 (Onda 1) e sono stati campionati ogni due anni tra i 10 e gli 11 e 8 anni (Onda 6, 2014).

Un totale di 3 bambini (73,7%) sono stati mantenuti nello studio alla sesta ondata con bambini che avevano caregiver meno istruiti e quelli provenienti da ambienti non anglofoni che avevano una probabilità marginalmente maggiore di abbandonare lo studio. I dati erano raccolti a ogni ondata tramite un colloquio faccia a faccia a casa con il caregiver primario, che di solito era una madre. Sia le madri che i padri sono stati intervistati quando possibile. L’Australian Institute of Family Studies Ethics Committee ha approvato questo studio e gli operatori sanitari hanno fornito il consenso informato scritto.

 

Le misure

In ogni momento, i problemi del sonno del bambino sono stati definiti utilizzando la domanda riportata dal caregiver primario:

Quanto il ritmo o le abitudini del sonno di tuo figlio sono un problema per te?

I caregiver hanno indicato se il sonno del loro bambino fosse un problema grande, moderato, piccolo problema, nessun problema o non sono sicuro/non lo so. Le risposte sono state dicotomizzate in base alla precedente ricerca longitudinale e di intervento. Ovvero: un problema del sonno definito, coloro che avevano un problema moderato o grande e nessun problema del sonno definito, come nessun problema o piccolo problema. Non sono sicuro/non so che le risposte siano state codificate come mancanti. Tre comportamenti del sonno sono stati misurati tramite il rapporto del caregiver:

  • difficoltà ad addormentarsi la notte
  • non felice di dormire da solo
  • svegliarsi durante la notte

I caregiver hanno valutato ogni elemento individualmente. Hanno indicato se il comportamento si è verificato 4 o più notti a settimana (sì o no) o più di metà della settimana. Le variabili demografiche, inclusi il sesso del bambino e l’etnia indigena, sono state valutate alla nascita o più notti a settimana (sì o no) o più della metà della settimana. Le variabili demografiche, inclusi il sesso del bambino e l’etnia indigena, sono state valutate alla nascita. Il set di dati LSAC include anche una variabile di posizione socioeconomica composita (SEP) composta da reddito del caregiver, istruzione e prestigio professionale che sono stati standardizzati e combinati per indicizzare lo stato socioeconomico della famiglia.

 

Analisi statistiche

I metodi di indagine sono stati utilizzati nelle analisi per affrontare:

  •  la disparità di probabilità di selezione dei partecipanti nel campione
  • il logoramento del campione
  • il disegno di campionamento a più stadi e raggruppato.

Le interrelazioni tra problemi del sonno e comportamenti specifici del sonno sono state esaminate utilizzando regressioni logistiche, tenendo conto del sesso del bambino e dell’etnia.

 

Discussione

I risultati dello studio indicano cambiamenti evolutivi nella prevalenza dei comportamenti del sonno e problemi del sonno, nonché come i caregiver caratterizzano i problemi del sonno in base all’età del bambino. In linea con studi precedenti i problemi del sonno percepiti dal caregiver erano i più prevalenti nell’infanzia e sono diminuiti dalla prima alla metà dell’infanzia. Anche se i problemi del sonno hanno ancora un impatto su quasi 1 bambino su 10 di età compresa tra 6 e 11 anni. Svegliarsi durante la notte era il comportamento del sonno più comune durante l’infanzia e la prima infanzia. Riflettendo, quindi, i modelli normativi di consolidamento del sonno del bambino. problemi del sonno della prima infanzia, seguiti da difficoltà a dormire in modo indipendente.

Questi risultati corrispondono alle manifestazioni del disturbo dell’insonnia nello sviluppo iniziale, comprese le associazioni problematiche di insorgenza del sonno (ad es. Alimentazione o presenza dei genitori prima di coricarsi) e l’emergere comune di paure notturne e rifiuto di coricarsi nella prima infanzia. A differenza dei precedenti sviluppi, la difficoltà ad addormentarsi era più prevalente tra i 6 e gli 11 anni. Era associata alla più alta probabilità di avere problemi del sonno segnalati dal caregiver a queste età. Ciò è in linea con la ricerca basata sulla popolazione che mostra che la difficoltà ad addormentarsi è il sintomo più frequente di insonnia nella mezza infanzia.

Questo particolare sintomo può essere attribuibile a un aumento dell’ansia o iperattivazione correlata al sonno prima di coricarsi, o a disturbi dell’umore o d’ansia emergenti o concomitanti. I risultati dello studio mostrano collettivamente comportamenti del sonno più comuni che i caregiver identificano come problematici a diverse età dei bambini. Molti di questi comportamenti corrispondono a modelli legati allo sviluppo di consolidamento del sonno nelle prime fasi dello sviluppo e ai sintomi di disturbi dell’insonnia dalla prima alla mezza infanzia.

Questi risultati hanno implicazioni per l’uso di domande di screening mirate per comportamenti del sonno specifici nelle normali strutture sanitarie infantili, come le cure primarie, e per una guida preventiva per operatori sanitari e operatori pediatrici su circa 20 problemi del sonno comuni in base all’età. Ad esempio, domande specifiche sul consolidamento del sonno (risvegli notturni) sono più rilevanti durante lo screening dei problemi del sonno in pazienti molto piccoli. Invece, le domande sulle difficoltà con l’inizio del sonno sono più appropriate per le persone di 23 anni in età scolare. Ci sono una serie di limitazioni con lo studio attuale.

In primo luogo, questo studio non ha esaminato altri comportamenti del sonno che sono stati associati a un problema del sonno segnalato dal caregiver, come:

  • durata del sonno ridotta
  • sonno irrequieto
  • parasonnie.

Pertanto, la ricerca futura dovrebbe esaminare una serie di comportamenti del sonno che potrebbe caratterizzare un problema di sonno del bambino. In secondo luogo, l’uso di un singolo elemento globale segnalato dal caregiver per valutare i problemi del sonno del bambino fornisce informazioni limitate. Dato che l’approvazione di questo elemento potrebbe riflettere problemi del sonno eterogenei. Tuttavia, va notato che un unico item continua ad essere comunemente utilizzato per valutare i problemi del sonno nel contesto. Sia della ricerca che della pratica clinica. Quindi, evidenziando la necessità di continuare a valutare l’utilità di questo approccio. In terzo luogo, è stato riscontrato che le prospettive del caregiver sui problemi del sonno dei bambini nella prima infanzia variano in base alle cognizioni relative al sonno del caregiver e ai fattori socio-culturali, inclusi i comportamenti del caregiver prima di coricarsi e la sistemazione del sonno familiare.

Questi fattori, così come le aspettative e la tolleranza dei caregiver per i vari comportamenti del sonno dei bambini, dovrebbero essere esaminati in relazione ai problemi del sonno durante la mezza infanzia. In quarto luogo, questo studio non ha indagato altri fattori che potrebbero contribuire a un problema del sonno del bambino, come:

  • le pratiche di alimentazione e co-sonno nell’infanzia e nella prima infanzia
  • il temperamento del bambino
  • le condizioni di salute fisica o comportamentale comorbili col tempo.

Infine, ulteriori limitazioni dello studio includono l’uso di un campione australiano che potrebbe non essere generalizzato ad altri contesti culturali. Altra limitazione è l’uso di valutazioni soggettive del caregiver per i risultati dello studio, che introduce una varianza condivisa del metodo.

Nonostante queste limitazioni, i risultati di questo studio forniscono informazioni preliminari sui cambiamenti evolutivi nei collegamenti tra un problema del sonno infantile approvato dal caregiver e comportamenti modificabili del sonno. Questi risultati possono aiutare a informare sullo screening adattato allo sviluppo per i problemi del sonno in contesti di cura abituali. Tuttavia, sono necessarie ricerche future su ulteriori fattori socio-culturali e altri comportamenti del sonno che contribuiscono a un problema del sonno identificato dal caregiver.

 

Fonte: Williamson AA, Mindell JA, Hiscock H, Quach J, Child sleep behaviors and sleep issues from infancy to school-age, Sleep Medicine, https://doi.org/10.1016/j.sleep.2019.05.003

 

Corsi correlati

Articoli correlati

Arti Terapie Espressive
EMDR e Psicodramma: portare gioia nella vita, con Elsy Carvalho
In questo articolo, vi presentiamo la video intervista di Guy Macpherson a Elsy Carvalho, PhD....
CBT - Terapia Cognitivo Comportamentale
Psicoterapia con Sopravvissuti ad Abusi sessuali e Violenze. 2 scenari di caso clinico
La violenza e l’abuso sessuale possono provocare gravi traumi fisici ed emotivi per la vittima....

One thought on “Comportamenti e problemi del Sonno del Bambino

  • Ludovica says:

    Che validità può avere un articolo che analizza un campione di 5 bambini (che diventano 3 nel follow up) ?
    Credo che una poetale serio debba fare una minima selezione critica degli articoli prima di pubblicare

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Have no product in the cart!
0