Comprendere l’Autolesionismo

Comprendere l'Autolesionismo

L’autolesionismo rappresenta un fenomeno di importante rilevanza clinica e sociale, soprattutto per la sua gravità e la sua considerevole diffusione nella popolazione adolescenziale.

Con un esordio che si aggira intorno ai 12 anni, l’autolesionismo può essere classificato in più modi che va da lesioni o danni intenzionali del proprio corpo senza intento suicida.

Comportamenti che causano lesioni ma socialmente accettabili, come piercing o tatuaggi, generalmente non rientrano bella categoria di autolesioni non suicidarie.

Cos’è l’autolesionismo e perché le persone si fanno del male da soli?

Le formi più comuni di autolesionismo includono:

  • Taglio
  • Graffi
  • Bruciature
  • Morsi
  • Incisione
  • Colpi
  • Punzecchiatura
  • Battere la testa

 

Queste azioni sono meccanismi di coping disadattivi per regolare emozioni particolarmente negative come dolore o rabbia.

“L’emozione è così travolgente, così dolorosa, che l’autolesionismo è usato per togliere la coscienza dal dolore psichico e portarla sul fisico”

Così scrive Susan Lindau Prof.ssa Aggiunto del “Social Work Methods and Military Social Work, USC School of Social Work”.

In altre parole, attraverso l’autolesionismo il dolore psichico diminuisce, l’individuo può vedere l’impatto, sentire un dolore fisicamente, e spesso distrarsi dal dolore emotivo che li travolge.

 

Una meta-synthesis del 2018 di uno studio qualitativo sull’autolesionismo tra i giovani ha cercato di comprendere lo scopo dell’autolesionismo per la persona che lo compie.

Sono state identificate 4 funzioni generali:

 

1. Ottenere liberazione o sollievo da un peso o da un sentimento intenso.

Gli adolescenti hanno dichiarato che “farsi male” agisce come una necessaria liberazione dalla pressione o dall’angoscia. In alcuni casi, hanno espresso odio verso sé stessi. Tuttavia, altri hanno descritto l’atto come se permettesse loro di provare una scarica di sentimenti positivi, simile a una dipendenza, o semplicemente di sentirsi vivi.

2. Per ottenere il controllo e far fronte a sentimenti difficili.

Gli adolescenti hanno spiegato che gli atti di autolesionismo permettevano loro di liberarsi del dolore emotivo a volte associato a incidenti traumatici. È stato descritto come se desse loro un senso di controllo quando si sentono alienati o impotenti; aiutandoli a sentirsi insensibili o neutrali.

3. Per rappresentare sentimenti non accettati.

Gli adolescenti hanno descritto la difficoltà di trovare le parole giuste per esprimere i loro sentimenti e affermare sé stessi. Hanno espresso il desiderio di proteggere gli amici e la famiglia dai loro sentimenti e dallo scoprire che erano impegnati in questi comportamenti.

4. Per connettersi con gli altri.

Per alcuni adolescenti, l’autolesionismo ha permesso loro di connettersi a un gruppo che condivide problemi simili e di sentirsi come loro. Era anche usato per esprimere il dolore agli altri e chiedere aiuto.

 

Qual è la prevalenza dell’autolesionismo?

Uno studio del 2018 uno studio sull’autolesionismo tra i giovani delle scuole superiori americani ha mostrato che circa il 18% degli studenti delle scuole superiori ha praticato NSSI nell’ultimo anno, con una prevalenza maggiore tra le ragazze (23,8%) rispetto ai ragazzi (11,3%).

 

Lo stesso studio sull’associazione tra NSSI e rischi specifici per la salute, evidenzia come l’uso di droghe e alcol, litigi, cyber-bullismo, sono tutti stati associati con l’autolesionismo.

 

Segnali d’allarme dell’autolesionismo

Poiché c’è uno stigma che circonda l’autolesionismo, l’identificazione di tale condotta  può essere difficile. Se siete preoccupati che una persona cara si stia facendo del male, è essenziale sapere come riconoscere i segnali di avvertimento dell’autolesionismo.

 

Segnali comportamentali

I segnali d’allarme comportamentali dell’autolesionismo includono cambiamenti comportamentali quali:

  • umore basso/ pianto
  • Bassa motivazione
  • Perdita di interesse verso attività piacevoli
  • Isolamento
  • Restare fuori tutta la notte
  • Passare il tempo con un nuovo gruppo di amici
  • Parlare della morte
  • Mantenere segreti o cambiare il loro normale stile di comunicazione
  • Dormire troppo o troppo poco

 

Segni fisici

I segni fisici sono di solito identificati nell’aspetto:

  • Indossare bende
  • Riluttanza a mostrare parti del corpo
  • Qualsiasi nuova ferita inspiegabile o qualsiasi vecchia ferita che non sta guarendo bene
  • Indossare maniche lunghe e pantaloni lunghi tutto l’anno
  • prendere o perdere molto peso
  • Perdita di capelli, o peli in qualsiasi parte del corpo

 

Altri segni

Altri segnali di avvertimento possono includere

  • Passare troppo tempo a fare ricerche online sull’autolesionismo
  • Comprare una varietà di lame
  • Accumulare coltelli o rasoi nella propria stanza
  • Nascondere stracci insanguinati nella spazzatura

 

 

Vuoi saperne di più su come intervenire sull’autolesionismo in adolescenza?

▶️CLICCA QUI e leggi il programma “Autolesionismo in Adolescenza. Dalla valutazione al Trattamento”

Autolesionismo in Adolescenza. Dalla valutazione al Trattamento

 

Corsi correlati

Corso Online
10 ECM
Identità e varianze di genere in Età Evolutiva
La live si terrà il 05 luglio 2024
137€
Iscriviti al corso
Corso Online
Teoria Polivagale e Famiglia Moderna. Costruire Sicurezza e Connessione
La live si terrà il 14 giugno 2024
287€ 227€
o 76 € al mese a tasso 0.
Iscriviti al corso

Articoli correlati

Disturbi dell'Umore / Depressione
Effetti dello Yoga e della Meditazione sulla Depressione
Lo yoga è una pratica complessa che comprende consigli per uno stile di vita etico, attività...
ACT - Terapia di Accettazione e Impegno nell’Azione
ACT: verso un modello unitario di cambiamento comportamentale
I programmi di ricerca ben consolidati devono essere valutati in relazione ai progressi compiuti...

One thought on “Comprendere l’Autolesionismo

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>