Accedi

Compassion Focused Therapy. Applicazioni cliniche e Frontiere scientifiche

18 ore | Seconda edizione del Compassionate Summit ancor più ricca di contenuti, pratiche ed esperienze! Con relatori del calibro di Paul Gilbert, James Kirby, Russell Kolts, Marcela Matos e molti altri!

Corso Ondemand

187,00  IVA inclusa

oppure 31,17€ al mese a tasso 0!
Corso attivo dal giorno 26/02/2023
(43 Recensioni dei clienti)

Docenti:
Niki Petrocchi , Paul Gilbert , Hannah Gilbert , Chris Irons , James Kirby , Deirdre Fay , Angela Kennedy , Jon Taylor , Marcela Matos , Kerensa Hocken , Dennis Tirch , Laura Silberstein , Stan Steindl , Darcy Harris , Kate Lucre , Cristina Ottaviani , Beatrice Baldi , Russell Kolts , Anna Rita Verardo , Compassionate Mind Italia  

  • 18 ore di formazione
  • Accesso su dispositivo mobile
  •  Attestato di partecipazione

6.179 visualizzazioni totali

Il Compassionate Summit 2022, giunto alla sua seconda edizione, è un evento interamente dedicato alla Compassion Focused Therapy (CFT) e alle sue numerose applicazioni in ambito clinico e di ricerca.

 

Riunisce i principali esperti e ricercatori mondiali in Compassion Focused Therapy e approcci compassionevoli per condividere i loro dati di ricerca, vignette cliniche, pratiche di meditazione, le varie applicazioni cliniche della CFT con diverse popolazioni cliniche e in combinazione con altri potenti approcci terapeutici (Compassion Focused EMDR, Compassion Focused Chairwork…).

Il nostro obiettivo è creare una rete di clinici che possano integrare i principi della CFT nel proprio lavoro e aprire la strada a nuove applicazioni della CFT.

Il Summit inizia con un workshop di 4 ore, introduttivo alla CFT, guidato dal Prof. Paul Gilbert e dal Dr. Nicola Petrocchi, pHD, progettato per fornire a ogni partecipante le conoscenze necessarie per apprezzare e approfondire le applicazioni specifiche della CFT .

La formazione prosegue con talk e workshop che offrono la possibilità di tenersi aggiornati sulle applicazioni teoriche e pratiche della CFT per promuovere il benessere (attraverso una lente bio-psico-sociale) e trattare diversi disturbi clinici.

Infine, un ampio spazio viene dedicato alla ricerca: diversi esponenti della comunità accademica internazionale presentano gli studi scientifici più promettenti sulla CFT, con contributi da diversi Paesi e continenti.

 

Il Compassionate Summit 2022 è ancor più internazionale, ricco di strumenti e pratica clinica da subito utilizzabili, con numerose finestre di meditazione e di scambio tra ricercatori e clinici di diversi Paesi.

 

La CFT è stata sviluppata dal Prof. Paul Gilbert, psicoterapeuta e ricercatore di fama mondiale impegnato da anni nella ricerca scientifica sulla vergogna e l’autocritica, fattori trans-diagnostici di molti disturbi psicologici. Grazie a un crescente numero di dati di ricerca, la CFT è diventata uno degli approcci terapeutici più promettenti ed efficaci per il trattamento di gravi psicopatologie, tra cui psicosi e disturbi alimentari.

La CFT adotta una prospettiva evolutiva e bio-psico-sociale della psicopatologia e del suo mantenimento, basata sullo squilibrio di tre sistemi di regolazione emotiva nel nostro cervello: il sistema della minaccia, quello della ricerca dello stimolo e quello della connessione e della sicurezza.

Propone un processo di cambiamento (attraverso il riequilibrio dei sistemi emozionali) che avviene attraverso l’attivazione e l’allenamento di un sistema motivazionale innato (la compassione, sia per se stessi che per gli altri), che da anni è al centro di numerosi studi di neuroscienze e psicofisiologia per i suoi effetti positivi sulla regolazione emozionale, sull’autocritica, sulla nostra capacità di mentalizzare e persino sul nostro sistema immunitario e cardiovascolare].

Il Compassionate Summit è aperto a tutti gli psicologi, psicoterapeuti, psichiatri, medici, studenti di psicologia e medicina, che sono interessati a portare un approccio compassionevole nel loro lavoro.

Vision e Valori del Compassionate Summit

Il Compassionate Summit è nato con un desiderio profondo e condiviso: vedere la compassione in prima linea in ogni approccio terapeutico, per dare forza e sostegno a clinici, operatori sanitari, pazienti e in generale persone, per dare loro la possibilità di essere sostenuti dalla saggezza di un approccio compassionevole, soprattutto in un’epoca in cui le sfide che affrontiamo come umanità diventano sempre più complesse.

Ci piace immaginare un mondo in cui le sofferenze e le difficoltà che affrontiamo nella nostra vita personale e professionale possano essere affrontate con saggezza, tenerezza e coraggio, in cui possano diventare un motivo di comunione piuttosto che di separazione, in cui possano portare crescita e impegno all’azione.

Il Compassionate Summit vuole rappresentare una luce in questa direzione, un’opportunità per dare spazio a quei professionisti che sono impegnati nella ricerca e nella pratica della Compassion Focused Therapy. Desideriamo imparare ed essere ispirati dalla loro esperienza, lasciando che ci guidino nella nostra esplorazione della compassione e diffondendo le loro intuizioni.

Il Compassionate Summit è organizzato congiuntamente da Compassionate Mind Italia e Formazione Continua in Psicologia.

Compassionate Mind Italia è un’associazione senza scopo di lucro fondata dal dottor Nicola Petrocchi per portare avanti la missione della Compassionate Mind Foundation inglese, fondata dal professor Paul Gilbert.

Il suo scopo è quello di diffondere la pratica, la formazione e la ricerca della Compassion Focused Therapy in Italia. Come tale, è l’unica associazione italiana a garantire gli stessi criteri e standard formativi della Compassionate Mind Foundation inglese.

Nicola Petrocchi è un membro attivo della fondazione inglese, fa parte del comitato di ricerca inglese e collabora da oltre 10 anni con il Prof. Gilbert in progetti di ricerca sull’efficacia della CFT.

Programma

Le basi della Compassion Focused Therapy ed il lavoro con gli stati di depressione

Paul Gilbert, Nicola Petrocchi

La Compassion Focused Therapy è radicata nella comprensione delle origini delle nostre funzioni mentali e in particolare delle motivazioni, delle emozioni, delle competenze e dei comportamenti. La motivazione dell’accudimento, in particolare, ma non solo, nei primi anni di vita, è fondamentale per il benessere umano ed è legata a vari processi fisiologici.

La CFT aiuta i pazienti ad attivare questo sistema motivazionale quando si impegnano in vari processi terapeutici. Questo workshop esplorerà le basi della Compassion Focused Therapy e come utilizzarla nel lavoro con le persone depresse.

Esploreremo il quadro concettuale di base della CFT in termini di motivazioni di base, sistemi di regolazione emotiva, competenze cognitive e comportamenti, nonché il legame tra l’evoluzione del comportamento di accudimento, in particolare ma non solo, attraverso l’attaccamento e la coltivazione di una mente compassionevole. Sperimenteremo le pratiche per lo sviluppo di una mente e un sé compassionevole e capiremo come applicare i principi della compassion focused therapy con persone con stati di depressione.

 

Compassion Focused Parenting

James Kirby

In questo intervento presenterò l’importanza della motivazione compassionevole e il suo rapporto con la genitorialità e la creazione di relazioni calde, positive e sicure con i bambini.
Discuterò gli obiettivi di un approccio genitoriale incentrato sulla compassione, nonché i dati che hanno esaminato i legami tra la compassione e gli stili genitoriali e i risultati dei bambini. Infine, presenterò i dati relativi agli interventi di Compassionate Mind Training che sono stati condotti con i genitori per aiutare l’autocritica, per aiutare le madri che hanno subito un trauma da parto e/o difficoltà nell’allattamento al seno, nonché per aiutare i team di co-genitorialità tra nonni e genitori.

 

La CFT per la regolazione emotiva

Chris Irons

In questo intervento illustrerò come la Compassion Focused Therapy (CFT) possa svolgere un ruolo potente nell’aiutare ad aumentare le capacità di regolazione delle emozioni. Esploreremo inoltre un modello di regolazione delle emozioni che può essere utilizzato come parte della CFT per guidare terapeuti e clienti nella valutazione, formulazione e nel lavoro con le difficoltà che si possono incontrare nella regolazione delle emozioni.

 

Un approccio compassion-focused all’elaborazione EMDR

Angela Kennedy, Nicola Petrocchi, Anna Rita Verardo

L’EMDR è un metodo strutturato ed efficace per il processamento delle memorie traumatiche che si basa sull’utilizzo della stimolazione bilaterale. Sebbene questa tecnica sia evidence-based per il Disturbo Post Traumatico da Stress ( PTSD ), sempre più evidenze sottolineano l’influenza dei processi relazionali interpersonali (paziente-terapeuta) e intra-personali (autocritica e vergogna che il paziente sperimenta nel percorso terapeutico) sull’esito dell’intervento.

Affinché il paziente si senta al sicuro, tutte le mentalità sociali (Sistemi Motivazionali Interpersonali) devono funzionare in maniera armonica. Attraverso questa esperienza che ha, appunto, una funzione correttiva, è possibile far comprendere al paziente come i suoi sintomi derivino da apprendimenti disfunzionali, emozioni soverchianti e sensazioni fisiche particolari. La comprensione del funzionamento armonico o disarmonico delle mentalità sociali (SMI) è di fondamentale importanza per una comprensione approfondita del caso clinico e permetterà una maggiore efficacia dell’intervento terapeutico in base all’obiettivo condiviso.

In questa sessione esamineremo brevemente i temi specifici della Compassion Focused Therapy che potrebbero aiutarci ad affrontare la vergogna e i ricordi traumatici in modo produttivo nell’EMDR. Questa sessione esaminerà il ruolo delle emozioni positive e dell’attaccamento nella guarigione e nella crescita ed esplorerà un linguaggio che sia in grado di coinvolgere le persone con vergogna e trauma relazionale. La sessione delineerà un possibile modo di integrare queste pratiche nell’EMDR, illustrandolo attraverso degli esempi.

 

Pratiche forensi basate sulla compassione e interventi trauma-informed

Jon Taylor, Kerensa Hocken

Questa introduzione all’applicazione della Compassion Focused Therapy (CFT) in ambito forense inizia con una comprensione compassionevole delle origini del comportamento dannoso.

Illustra le considerazioni chiave per l’applicazione della CFT a coloro che commettono reati gravi, compreso un approccio alla formulazione del caso basato sulla sensibilità al trauma e sulla comprensione compassionevole delle difficoltà che possono emergere dalle strategie di sopravvivenza che gli esseri umani mettono in atto nelle avversità e dai loro legami con i bisogni criminogeni. Questo workshop illustrerà l’importanza di prestare attenzione alla vergogna e all’autocritica nella comprensione e nel lavoro con i comportamenti dannosi e illustrerà come le capacità di compassione aiutino gli individui a condurre una vita non dannosa.

 

Il trauma nel training del Bodhisattva moderno: pratiche compassionevoli per lavorare con paure, blocchi e resistenze

Deirdre Fay

La paura può essere contagiosa, soprattutto nei momenti di incertezza o quando siamo fisicamente, emotivamente e psicologicamente attivati. Quando c’è un trauma, molti si lamentano di non avere un “manuale di formazione” su come vivere questa vita, quando non c’è un percorso già tracciato per noi.

È qui che possiamo attingere all’integrazione della teoria dell’attaccamento e delle antiche tradizioni di saggezza per scolpire un percorso interiore per affrontare la realtà esterna. Un Bodhisattva è una persona che sceglie deliberatamente di trasformare la propria sofferenza in compassione. Da questa prospettiva, la vita/trauma è il manuale di formazione per noi. Il nostro compito è imparare a prendere queste materie prime, imparare i segnali che riceviamo da dentro di noi, decifrare i segnali provenienti dall’esterno, esplorare la matrice in modo da poter scegliere chi vogliamo essere e come vogliamo rispondere a questo momento che stiamo attraversando.

Diventare una versione diversa di se stessi: Come usare le pratiche di embodiment per lavorare con la vergogna nella CFT

Marcela Matos, Stan Steindl

La compassion focused therapy (CFT) è stata sviluppata, in parte, per lavorare con l’esperienza dolorosa e trans-diagnostica della vergogna. La vergogna stessa è caratterizzata da vari sentimenti, pensieri, focus dell’attenzione, sensazioni corporee e motivazioni, che insieme rappresentano lo schema cerebrale e corporeo del Sé che prova vergogna. Nella CFT, un modo per lavorare con la vergogna è attraverso il processo esperienziale dell’embodiment. In primo luogo, il terapeuta di CFT può lavorare delicatamente con il cliente per incarnare il Sé che prova vergogna, coltivando così la consapevolezza mentale, l’intuizione e la comprensione della vergogna, di come si esprime e di come può influenzare la sua esperienza di vita attuale.

Successivamente, il terapeuta CFT lavora con il cliente per cambiare la narrativa e i pattern associati; in altre parole, passando dallo schema cerebrale e corporeo del Sé che prova vergogna allo schema cerebrale e corporeo del Sé compassionevole, potenziandolo, per poter lavorare con l’esperienza della vergogna e le relative difficoltà di vita.

Questa presentazione fornirà un breve background della teoria e della ricerca sulla vergogna, sulle esperienze di vergogna e sulle memorie di vergogna, nonché un’attenta applicazione di esercizi di embodiment per esplorare la vergogna e lavorare con la vergogna attraverso il Sé compassionevole.

 

Usare la bussola della compassione: come coltivare una motivazione compassionevole nella pratica clinica

Kate Lucre, Nicola Petrocchi

Nella CFT è fondamentale aiutare i pazienti a comprendere e incarnare il concetto che la compassione è una motivazione e non semplicemente uno stato emotivo rilassante. Infatti, come afferma un recente articolo, adottare una motivazione compassionevole non significa ingoiare una pillola di benzodiazepina. Scegliere la compassione non lenisce il dolore, ma recluta la fisiologia del sistema calmante per aiutarci a gestire meglio la sofferenza che potremmo affrontare e per darci la stabilità e il coraggio necessari per aprirci completamente ad essa, rafforzando nel contempo la nostra corteccia prefrontale. Questo chiarimento è importante non solo da un punto di vista teorico, ma anche in termini di istruzioni pratiche e procedure cliniche che possono essere sicuramente più efficaci quando noi (e il cliente) vediamo la compassione non come uno stato fisso da raggiungere e in cui risiedere perennemente, ma come un orientamento motivazionale che può e deve essere scelto costantemente e deliberatamente.

In questo intervento profondamente esperienziale Kate e Nicola mostreranno come diverse tecniche incentrate sulla compassione (ad esempio, la compassione allo specchio, l’assunzione di ruoli, il tonglen) possano essere utilizzate in una seduta reale come modo per accedere all’orientamento compassionevole e superare i blocchi e le resistenze alla compassione.

 

Superare l’ansia con la Compassion Focused Therapy

Dennis Tirch, Laura Silberstein

I disturbi d’ansia sono tra i problemi più diffusi al mondo e la nostra realtà dell’era pandemica li ha intensificati a dismisura. Come possiamo affrontare al meglio la sfida di una comunità globale traumatizzata che lotta con la dittatura e la complessità del nostro sistema di rilevamento delle minacce “sempre attivo, 24 ore su 24, 7 giorni su 7, better safe than sorry”? La Compassion Focused Therapy ci fornisce un percorso chiaro per superare l’ansia e un programma passo dopo passo per imparare a vivere con maggiore coraggio e agio.

Il dottor Dennis Tirch (autore di The Compassionate Mind Guide to Overcoming Anxiety) e la dottoressa Laura Silberstein Tirch (autrice di How to Be Nice To Yourself) vi guideranno attraverso un mini-workshop profondamente esperienziale, informativo e di facile utilizzo. Nel corso di questa formazione imparerete tutto ciò che vi serve per iniziare a integrare la CFT per l’ansia nella vostra pratica. Verranno approfondite tecniche come l’esposizione focalizzata sulla compassione e la prevenzione della risposta, l’immaginazione focalizzata sulla compassione per l’ansia e l’allenamento alla flessibilità compassionevole. Esercizi di ruolo, lavoro didattico intimo e meditazioni guidate coinvolgenti faranno parte di questo mini-workshop simile a un ritiro. Tutti questi metodi possono aiutare a liberare i vostri pazienti dall’ansia e possono anche aiutarvi a gestire meglio lo stress derivante dal lavorare a stretto contatto con la sofferenza umana, sbloccando la vostra resilienza compassionevole.

Questo mini-workshop è adatto a operatori di tutti i livelli di esperienza e non è richiesta una conoscenza preliminare della teoria e della pratica della CFT. Verranno forniti materiali per ulteriori pratiche, come registrazioni di meditazioni, fogli di lavoro e contenuti scaricabili, in modo che questo mini-workshop possa essere più di un’esperienza di formazione di breve durata e possa servire come base per ulteriori pratiche di Compassion Focused per affrontare ansia, preoccupazione e paura, per i vostri clienti e per voi stessi.

 

Compassion Focused Therapy per il lutto

Darcy Harris

La Compassion-Focused Therapy (CFT) è di particolare interesse nelle situazioni di perdita e lutto a causa dell’intensità delle emozioni con cui si lavora e della necessità di fornire ai clienti una base sicura da cui iniziare il processo di ricostruzione della propria vita dopo una perdita significativa.

Gli approcci basati sulla compassione sono particolarmente utili per le esperienze di perdita che hanno un decorso prolungato, in cui le persone devono convivere con la perdita e il lutto per un lungo periodo di tempo e in cui non c’è una fine prevedibile. Questi approcci sono molto utili anche per affrontare un lutto accompagnato da vergogna, privazione dei diritti ed esaurimento.

Questa sessione integrerà la teoria e la pratica della CFT con la ricerca e le teorie più attuali relative alla terapia del lutto, identificando ciò che è fondamentale nel lavoro clinico con le persone in lutto e i modi in cui la CFT può svolgere un ruolo unico per rispondere ai bisogni delle persone in lutto e dei clinici che le sostengono.

Applicare la compassion focused therapy nel trattamento della rabbia problematica

Russell Kolts

Aiutare i nostri pazienti a lavorare con la rabbia può essere impegnativo. In questo intervento presenterò il motivo per cui ritengo che la CFT sia adatta ad aiutare gli individui che combattono con la rabbia problematica ed esploreremo come comprendere e affrontare il trattamento della rabbia dalla prospettiva della CFT.

Considereremo perché i problemi di rabbia sono così difficili da gestire per le persone, come aiutare i nostri clienti a passare dall’evitamento all’assunzione di responsabilità per i loro comportamenti rabbiosi ed esploreremo i modi per sostenere, modellare, plasmare e formare i clienti sui punti di forza compassionevoli che li aiuteranno a lavorare con la loro rabbia. Introdurremo anche modi per utilizzare la pratica della compassione per il Sé per aiutare i nostri clienti a lavorare con i fattori scatenanti della rabbia.

La Compassion Focused Therapy e il mondo della ricerca. Dati da una metanalisi

Nicola Petrocchi, Cristina Ottaviani

Nicola Petrocchi e Cristina Ottaviani coordineranno questa ultima giornata di lavori interamente dedicata alla presentazione di alcune delle più avanzate frontiere di ricerca scientifica sulle applicazioni cliniche della Compassion Focused Therapy.

Simposio sulla ricerca

  • Deanna Varley – Il rapporto tra l’attaccamento in età adulta e le paure della compassione
  • Laura Santos – La Compassion Focused Therapy per i caregiver
  • Ruben Sousa – Cambiamenti nei modelli HRV del sistema Soothing dopo la consegna del programma PSYCHOPATHY.COMP nei giovani delinquenti
  • Maria Di Bello – La compassione nel corpo. Fisiologia della prosocialità

CFT e LGBTQ+

Nicola Petrocchi, Roberto Baiocco, Hanna Gilbert

 

Durata: 18 ore

Docenza in lingua inglese, con TRADUZIONE SIMULTANEA in ITALIANO

 

Modalità di fruizione

Corsi Ondemand sono formati da videolezioni registrate. Una volta acquistato, lo troverai disponibile nella tua Area riservata e potrai seguirlo quante volte vorrai per 12 mesi dalla data di acquisto. Da desktop, da tablet, da smartphone.

Docenti


Niki Petrocchi

Niki Petrocchi è dottore di ricerca, psicoterapeuta cognitivo comportamentale e insegna Psicologia della Salute alla John Cabot University-Roma. Ha ottenuto la certificazione internazionale di...
Vai al Profilo di Niki Petrocchi
Paul Gilbert

Paul Gilbert

Paul Gilbert, FBPsS, PhD, OBE, è il creatore di Compassion-Focused Therapy (CFT). È professore di psicologia clinica presso l'Università di Derby e professore onorario in visita all'Università...
Vai al Profilo di Paul Gilbert

Hannah Gilbert

La dottoressa Hannah Gilbert Psicoterapeuta La dottoressa Hannah Gilbert ha una laurea in antropologia e un dottorato in sociologia. La sua ricerca di dottorato ha esplorato le narrazioni...
Vai al Profilo di Hannah Gilbert

Chris Irons

Chris Irons è uno psicologo clinico, ricercatore, scrittore e formatore specializzato nella Compassion Focused Therapy. È co-direttore di Balanced Minds (www.balancedminds.com), un'organizzazione...
Vai al Profilo di Chris Irons
James Kirby

James Kirby

James Kirby è docente senior e psicologo clinico presso la Scuola di Psicologia dell'Università del Queensland. È anche il co-direttore del Compassionate Mind Research Group. Ha ampi interessi...
Vai al Profilo di James Kirby

Deirdre Fay

Deirdre Fay, MSW (Master in Social Work), è una leader di pensiero con oltre 35 anni di esperienza nell'esplorazione dell'intersezione tra le tradizioni di saggezza e la psicoterapia contemporanea...
Vai al Profilo di Deirdre Fay
Angela Kennedy

Angela Kennedy

Angela Kennedy ha lavorato per il Servizio Sanitario Nazionale nel Regno Unito dal 1990, specializzandosi come psicologa clinica nel trattamento del trauma. Ha lavorato principalmente con adulti con...
Vai al Profilo di Angela Kennedy

Jon Taylor

Il Dott. Jon Taylor è un psicologo e psicoterapeuta forense che ha lavorato per quasi 30 anni in carcere, negli ospedali di sicurezza e nelle comunità forensi. Con un forte interesse per lo sviluppo...
Vai al Profilo di Jon Taylor
Marcela Matos

Marcela Matos

La dott.ssa Marcela Matos è una psicologa clinica e ricercatrice di facoltà presso il Centro di Ricerca in Neuropsicologia e Intervento Cognitivo Comportamentale (CINEICC), Università di Coimbra,...
Vai al Profilo di Marcela Matos

Kerensa Hocken

La dott.ssa Kerensa Hocken è una psicologa forense registrata. Lavora da 22 anni con persone condannate per reati gravi e ricopre un ruolo di primo piano nel Servizio carcerario e di libertà...
Vai al Profilo di Kerensa Hocken
Dennis Tirch

Dennis Tirch

Il dottor Dennis Tirch è il direttore fondatore del Centro per la CFT a New York; presidente della Compassionate Mind Foundation. USA; Past-President e Fellow dell'Association for Contextual...
Vai al Profilo di Dennis Tirch
Laura Silberstein

Laura Silberstein

La dottoressa Laura Silberstein è il direttore del Centro per la CFT di New York e membro del consiglio della Compassionate Mind Foundation, USA. È stata professore aggiunto all'Albert Einstein...
Vai al Profilo di Laura Silberstein
Stan Steindl

Stan Steindl

Il dottor Stan Steindl è uno psicologo clinico che esercita privatamente presso Psychology Consultants Pty Ltd, e un professore associato aggiunto alla Scuola di Psicologia, Università del...
Vai al Profilo di Stan Steindl

Darcy Harris

Darcy L. Harris, R.N., R.S.W., M.Ed. (Couns.), Ph.D., FT, è professoressa di tanatologia presso il King's University College di Londra, in Canada, dove ha anche mantenuto una pratica clinica privata...
Vai al Profilo di Darcy Harris
Kate Lucre

Kate Lucre

Kate Lucre è una terapeuta e supervisore specializzato nell'uso della CFT per traumi complessi, personalità e difficoltà relazionali di gruppo e individuali. È la coordinatrice regionale di...
Vai al Profilo di Kate Lucre
Cristina Ottaviani

Cristina Ottaviani

Cristina Ottaviani è professore associato presso il Dipartimento di Psicologia, Sapienza Università di Roma, Italia. La dottoressa Cristiana Ottaviani ha conseguito prima un PsyD in Psicologia...
Vai al Profilo di Cristina Ottaviani
Beatrice-Baldi

Beatrice Baldi

Beatrice Baldi è insegnante di Yoga certificata 500H RYT con una specializzazione in Yoga Terapia (si occupa in particolare di Yoga per Disturbi Alimentari), Trainer di I° Livello in Compassion...
Vai al Profilo di Beatrice Baldi

Russell Kolts

Russell Kolts è professore di psicologia alla Eastern Washington University e direttore dell'Inland Northwest Compassionate Mind Center di Spokane, Washington, USA. È autore o coautore di articoli...
Vai al Profilo di Russell Kolts

Anna Rita Verardo

Anna Rita Verardo, Psicologa e psicoterapeuta, Trainer certificato EMDR Europe per adulti, bambini ed adolescenti,  membro del comitato europeo per l'applicazione dell'EMDR ai bambini ed agli...
Vai al Profilo di Anna Rita Verardo

Compassionate Mind Italia

Compassionate Mind ITALIA è un'associazione senza scopo di lucro nata per proseguire in Italia la mission della Compassionate Mind Foundation Inglese, creata dal Prof. Paul Gilbert. La...
Vai al Profilo di Compassionate Mind Italia

43 recensioni per questo corso

  1. Fabrizia Casula (proprietario verificato)

    Interessantissimo

  2. Geltrude Muglia (proprietario verificato)

    Eccellente! Come al solito.

  3. Rita Faso (proprietario verificato)

    Corso molto stimolante, completo ed esaustivo

  4. Maria Maddalena Moretti (proprietario verificato)

    Ottima esperienza formativa

  5. Marta Zighetti (proprietario verificato)

Carica altre recensioni
Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Corso Ondemand
Corso attivo dal giorno 26/02/2023
  • 18 ore di formazione
  • iscrizione a 187,00 €
    oppure 31,17€ al mese a tasso 0!

    Domande frequenti sul corso

    Le registrazioni dei corsi a cui ti sei iscritta/o sono elencati nella tua Area Riservata, a cui puoi accedere effettuando il login. Ciascun corso, gratuito e/o a pagamento, ti rimane accessibile per 12 mesi dalla data di registrazione, salvo differenti informazioni fornite nel programma.

    L’eventuale presenza di crediti ECM, ed il relativo numero di crediti, viene indicata ad inizio pagina e nel box di iscrizione. Se presenti, all’interno del programma c’è un paragrafo “Crediti ECM” in cui poter visualizzare la data a partire dalla quale potrai effettuare il quiz ECM e la data massima entro cui riuscire a superarlo con successo. Tali informazioni e date sono riportate anche nel box di iscrizione.

    Per calcolare le tempistiche di accreditamento bisogna far riferimento alla “Data di scadenza del Quiz ECM” indicata nello specifico corso di formazione, NON alla data in cui viene superato il Quiz ECM. La data di scadenza del Quiz ECM la trova indicata nella pagina del corso, sia nel box di iscrizione che nel paragrafo dedicati a Crediti ECM.
    Ebbene, entro 90 giorni dalla data di scadenza del Quiz ECM dobbiamo comunicare i dati ad AGENAS. A sua volta AGENAS trasmetterà i dati al COGEAPS e solo a quel punto le risulteranno accreditati.
    Mediamente, consigliamo quindi di calcolare circa 4 mesi dalla data di scadenza del Quiz ECM. Precisiamo, in ogni caso, che l’Attestato di acquisizione ECM del corso a cui ha partecipato, vale come certificazione dei crediti acquisiti.

    Sì, il corso rilascia un attestato di partecipazione.

    Tutti i corsi di FCP, con speaker internazionali, dispongono di traduzione in italiano. In particolare: i Corsi online e le Master Class dispongono di interpretariato simultaneo, i Corsi Ondemand dispongono di sottotitolazione e/o voice over in italiano, i Corsi residenziali – in-person – dispongono di interpretariato simultaneo o consecutivo. Tali informazioni vengono generalmente specificate sulla pagina di presentazione di ciascun corso.

    La presenza di materiale extra dipende dal docente e dal corso specifico: solitamente ci sono pdf contenenti i power point del docente.