Accedi

DBT-A per adolescenti di minoranze sessuali ad alto rischio di suicidio

DBT-A-minoranze

Nonostante gli sforzi di ricerca, politica e clinica incentrati sull’individuazione e la prevenzione, i tassi di suicidio sono aumentati del 28% negli ultimi 20 anni.

Gli adolescenti sono particolarmente vulnerabili all’ideazione e ai comportamenti suicidari.

 

Prove crescenti evidenziano la vulnerabilità degli adolescenti gay, lesbiche e bisessuali (LGBQ), che sono colpiti in modo sproporzionato dal suicidio.

Rispetto ai loro coetanei eterosessuali, gli adolescenti delle minoranze sessuali hanno una probabilità 5-7 volte maggiore di sostenere l’ideazione suicidaria e hanno una probabilità 2-4 volte maggiore di aver tentato il suicidio nell’ultimo anno. Inoltre, i loro tentativi di suicidio tendono ad essere più gravi e hanno maggiori probabilità di richiedere cure mediche.

Gli adolescenti delle minoranze hanno anche maggiori probabilità di autolesionismo non suicidario (NSSI), o l’inflizione intenzionale di danni al proprio corpo in assenza di intenti suicidari.

Rispetto agli adolescenti eterosessuali, gli adolescenti LGBQ hanno una probabilità 3-6 volte maggiore di impegnarsi in NSSI.

È importante sottolineare che pensieri e comportamenti suicidari spesso si verificano insieme e la ricerca rileva costantemente che l’autolesionismo non suicidario funge effettivamente da precursore dei successivi tentativi e completamenti di suicidio e, come tale, rappresenta un fattore di rischio ben documentato.

In effetti, l’autolesionismo non suicidario può essere un predittore di tentativi di suicidio ancora più forte rispetto alla storia dei tentativi precedenti.

Mentre il suicidio è aumentato tra gli adolescenti in modo più ampio, i tassi complessivi di comportamenti suicidari stanno aumentando a un ritmo più rapido tra le minoranze sessuali in particolare.

Diversi trattamenti hanno mostrato successo nel ridurre l’ideazione suicidaria e i comportamenti NSSI tra gli adolescenti, tuttavia l’orientamento sessuale non è stato raccolto o riportato in modo affidabile su in questi studi. Sarebbe presuntuoso presumere che i risultati positivi di precedenti studi clinici, che non hanno reso operativo l’orientamento sessuale, si generalizzino ai giovani LGBQ.

Il primo passo nella selezione di opzioni terapeutiche appropriate e accessibili per gli adolescenti LGBQ è testare la loro risposta agli interventi “gold standard” esistenti, basati sull’evidenza.

 

La Terapia comportamentale dialettica per adolescenti (DBT-A)

La terapia comportamentale dialettica (DBT) – inizialmente sviluppata per il trattamento di adulti cronicamente suicidari con diagnosi di disturbo borderline di personalità (BPD) – ha ottenuto un forte supporto empirico per migliorare i risultati oltre la sintomatologia del BPD.

La DBT è classificata come un trattamento “ben consolidato” nel ridurre l’ideazione suicidaria, i tentativi e la NSSI tra gli adulti in numerosi studi randomizzati controllati, che ha portato all’adattamento del Modello DBT per gli adolescenti e le loro famiglie.

Gli studi clinici sulla DBT-A hanno documentato miglioramenti nei pensieri e comportamenti suicidari degli adolescenti, nella disregolazione emotiva, nella psicopatologia e nel funzionamento psicosociale generale.

Tuttavia, nessuno di questi studi ha riportato sull’orientamento sessuale o se i giovani LGBQ possano o meno rispondere in modo differenziato alla DBT.

Oltre al solido supporto empirico per trattare con successo il suicidio tra gli adolescenti, esiste una forte giustificazione teorica per l’applicazione della DBT-A alle minoranze sessuali ad alto rischio. La DBT è fondata sul modello biosociale, che sostiene che la disregolazione emotiva si manifesta dalla transazione dell’invalidazione ambientale e dal temperamento biologico dell’individuo.

Le difficoltà nella regolazione delle emozioni (ER) sono implicate praticamente in tutte le forme di psicopatologia  e comportamenti disadattivi, inclusi il suicidio e l’autolesionismo non suicidario.

In linea con il modello biosociale, le minoranze sessuali probabilmente mostrano livelli più elevati di disregolazione emotiva e comportamentale, anche in assenza di una forte vulnerabilità biologica, a causa della loro esposizione a persistenti esperienze culturali, sociali e intrapersonali di invalidazione, discriminazione e rifiuto.

Coerentemente con la teoria dello stress della minoranza di Meyer, i giovani delle minoranze sessuali subiscono in modo sproporzionato l’invalidazione, inclusa la svalutazione da parte di genitori e coetanei. Rispetto ai loro coetanei eterosessuali, le minoranze sessuali hanno una probabilità 2-4 volte maggiore di essere vittime di bullismo a scuola, cyber-bullismo, minacciate o ferite con un’arma a scuola e ferite in una rissa fisica e subire violenza negli appuntamenti.

Una meta-analisi ha dimostrato che i giovani delle minoranze sessuali erano a maggior rischio di vittimizzazione tra pari e di abuso da parte dei genitori, che costituiscono entrambe forme estreme di invalidazione. Queste esperienze di invalidazione basate sull’identità continuano nell’età adulta; Il 55% degli adulti appartenenti a minoranze sessuali è stato molestato verbalmente e/o minacciato, il 28% è stato aggredito fisicamente e quasi il 10% ha ricevuto sputi a causa del proprio orientamento sessuale.

È importante sottolineare che diversi studi hanno collegato le esperienze di stress delle minoranze basate sull’identità – dalla vittimizzazione fisica alle microaggressioni – con tassi più elevati di pensieri e comportamenti suicidari (compresi i tentativi) e coinvolgimento NSSI tra adolescenti e adulti LGBQ.

Mentre l’adolescenza è associata alla maggiore rilevanza delle relazioni tra pari, l’ambiente familiare rimane particolarmente vitale per un sano sviluppo socio-emotivo; pertanto, l’accettazione familiare (o la sua mancanza) può avere un impatto significativo sugli esiti deleteri di salute mentale osservati tra i giovani LGBQ rispetto alle risposte di altri nell’ambiente sociale degli adolescenti.

Uno studio ha rilevato che i giovani adulti LGBQ hanno una probabilità 8 volte maggiore di tentare il suicidio se hanno riferito di aver sperimentato alti livelli di rifiuto familiare durante l’adolescenza a causa del loro status di minoranza sessuale.

La DBT-A fornisce un protocollo per lo sviluppo di strategie ER più adattive e per aumentare le interazioni di convalida, con i caregiver che apprendono abilità insieme ai loro ragazzi.

 

Lo studio attuale

Gli sforzi per sviluppare trattamenti per adolescenti LGBQ suicidi sono già in corso; tuttavia, la necessità per questa popolazione di accedere al trattamento attualmente è fondamentale.

DBT-A può probabilmente soddisfare le esigenze di questa popolazione grazie alla sua sensibilità all’invalidazione e all’elevato livello di educazione e coinvolgimento della famiglia.

Tuttavia, gli stessi fattori che contribuiscono e mantengono la vulnerabilità agli allarmanti tassi di morte per suicidio tra gli individui LGBQ (cioè la mancanza di accettazione da parte della famiglia) potrebbero anche potenzialmente interferire con l’efficacia del trattamento.

Lo scopo generale di questo studio è verificare se gli adolescenti LGBQ iscritti a un programma DBT-A completo dimostrino miglioramenti nei fattori di rischio psicosociale associati al suicidio e all’autolesionismo non suicidario (ad esempio, disregolazione emotiva; sintomi borderline, depressivi e ansiosi) dal basale al post-trattamento.

 

Risultati

Il suicidio è una delle principali cause di morte tra gli adolescenti e i tassi di ideazione e tentativi sono sproporzionatamente alti tra le minoranze sessuali adolescenti. Questo studio è stato istituito per esaminare preliminarmente se la DBT-A sarebbe particolarmente efficace per i giovani che si identificano come LGBT e/o che mettono attivamente in discussione la propria sessualità.

I risultati indicano che il DBT-A ha avuto effetti desiderabili sui sintomi ER, depressivi e borderline, oltre all’aumento dell’acquisizione di abilità e alla diminuzione del coping disfunzionale dal pre al post trattamento paragonabile alle loro controparti eterosessuali.

Questi risultati sono coerenti con la crescente letteratura sulla DBT-A come trattamento efficace e affidabile per gli adolescenti e hanno ulteriori implicazioni per i terapeuti che lavorano con questa popolazione vulnerabile. Di conseguenza, è possibile che gli adolescenti LGBQ che dimostrano comportamenti autodistruttivi possano trarre beneficio dal DBT-A nella sua forma attuale, sebbene ciò richieda ulteriore attenzione dato il piccolo campione dello studio attuale.

La scoperta che i partecipanti LGBQ hanno riportato sintomi borderline significativamente elevati rispetto agli individui non LGBTQ, se calcolati in media nel tempo, è coerente con ricerche precedenti che mostrano tassi più elevati di psicopatologia tra le minoranze sessuali.

L’aumento del rischio di suicidio e NSSI può anche essere spiegato da questi tassi di prevalenza più elevati. Tuttavia, una recente ricerca su campioni psichiatrici di adulti indica che le minoranze sessuali hanno quasi 2,5 volte più probabilità di ricevere una diagnosi di disturbo borderline di personalità anche dopo aver preso in considerazione solidi correlati clinici di BPD (ad esempio, età, sesso, PTSD e domini di personalità disadattivi.

Questo fenomeno deve ancora essere esaminato tra gli adolescenti e non è chiaro se questa disparità diagnostica rifletta il pregiudizio clinico e/o la fusione dei sintomi di BPD con l’esplorazione normativa dei problemi di identità e delle esperienze di stress minoritario.

Tuttavia, i nostri dati suggeriscono che i sintomi affettivi sono più pronunciati tra gli adolescenti LGBQ alla presentazione iniziale; tuttavia, i loro livelli più elevati di patologia non ostacolano i loro guadagni terapeutici. Pertanto, potrebbe essere opportuno che i medici si avvicinino alle esigenze specifiche degli adolescenti LGBQ implementando il modello DBT.

 

Discussione

Attualmente, c’è un grande divario nei trattamenti guidati empiricamente orientati verso individui LGBQ suicidi e autolesionisti. Mentre gli sforzi per colmare questa lacuna sono già in corso, sfruttando il gold standard esistente, i trattamenti supportati da prove che riducono il rischio di suicidio possono aumentare l’accessibilità più rapidamente. In precedenza, non potevamo presumere che ciò che ha funzionato per le popolazioni eteronormative avrebbe conferito gli stessi benefici favorevoli alle minoranze sessuali.

Il nostro studio ha mostrato cambiamenti clinicamente significativi in una serie di esiti comportamentali e basati sui sintomi tra gli adolescenti LGBQ iscritti a un programma DBT-A eterogeneo. Le dimensioni dell’effetto suggeriscono che DBT-A può avvantaggiare i partecipanti LGBQ in domini specifici in misura maggiore rispetto ai loro coetanei eterosessuali.

I risultati di questo studio forniscono un supporto preliminare, anche se promettente, per l’uso della DBT per ridurre la sofferenza tra i giovani delle minoranze sessuali. Gli studi futuri dovrebbero cercare di condurre ulteriori ricerche sui risultati e sulla diffusione del DBT-A all’interno di questa e delle relative popolazioni minoritarie.

 

Vuoi approfondire l’utilizzo della DBT negli adolescenti? Non perdere il corso “Aiutare i clienti a guarire dall’autolesionismo. Un approccio DBT per gli adolescenti”.

DBT-A minoranze

Fonte: Poon J, Galione JN, Grocott LR, Horowitz KJ, Kudinova AY, Kim KL. Terapia comportamentale dialettica per adolescenti (DBT-A): risultati tra le minoranze sessuali ad alto rischio di suicidio. Comportamento di minaccia di vita suicida. Giu 2022;52(3):383-391. doi: 10.1111/sltb.12828. Epub 2022 12 gennaio. PMID: 35019159; PMCID: PMC9233065.

Corsi correlati

Corso Online
Teoria Polivagale e Famiglia Moderna. Costruire Sicurezza e Connessione
La live si terrà il 14 giugno 2024
287€ 227€
o 76 € al mese a tasso 0.
Iscriviti al corso
Corso Online
18 ECM
Certificazione internazionale in Dialectical Behavior Therapy (DBT)
La live si terrà il 24 settembre 2024
327€ 287€
o 96 € al mese a tasso 0.
Iscriviti al corso

Articoli correlati

Disturbi dell'Umore / Depressione
Effetti dello Yoga e della Meditazione sulla Depressione
Lo yoga è una pratica complessa che comprende consigli per uno stile di vita etico, attività...
Counseling
Sull’origine della Vergogna
Tradizionalmente, la vergogna e il disgusto sono stati trattate come emozioni che hanno un...

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>