Accedi

Disturbo Borderline e processi di formazione dell’Identità in Adolescenza

Disturbo Borderline e processi di formazione dell'Identità in Adolescenza

L’identità è stata descritta come “un’organizzazione di autocomprensioni che definiscono il proprio posto nel mondo” (Schwartz, Montgomery, & Briones, 2006). Il compito di sviluppare un senso coerente di identità in adolescenza è un processo rilevante che può richiedere ai giovani di esplorare, impegnarsi e potenzialmente riconsiderare chi sono e chi vogliono essere (Crocetti & Meeus, 2015; Erikson, 1968; Kroger, 2004).

Formazione dell’identità in adolescenza

La formazione di un’identità coerente, soprattutto quando comporta un’eccessiva esplorazione e riconsiderazione dell’identità, può essere una sfida per molti giovani. Tuttavia, gli scienziati dello sviluppo hanno sostenuto che sottoporsi a tali sfide può essere produttivo per lo sviluppo e persino parte integrante del raggiungimento di un senso di sé più coerente nella tarda adolescenza o nell’età adulta (Becht et al., 2016; Kroger, 2004; Meeus, Van de Schoot, Keijsers, Schwartz, & Branje, 2010).

Tuttavia, alcuni giovani potrebbero non superare mai la confusione di identità o di ruolo, descritta da Erikson (1968) come un senso di sé incoerente o incoerente, un senso di confusione su obiettivi, ideali, valori o punti di vista personali. Questi giovani possono anche mostrare segni di disturbo dell’identità, ma questa possibilità non è stata riconosciuta apertamente nella letteratura sulla formazione dell’identità (Westen, Betan, & DeFife, 2011).

Il disturbo dell’identità comprende:

  • una visione negativa di sé,
  • un senso di sé instabile,
  • una sensazione di vuoto/inesistenza e
  • stati dissociativi sotto stress.

Più in generale, il disturbo dell’identità è uno dei nove criteri (insieme a caratteristiche come l’impulsività, l’instabilità delle relazioni interpersonali, l’instabilità affettiva e la paura e l’evitamento dell’abbandono) per la diagnosi di disturbo borderline di personalità (BPD) (APA, 2013). Ricerche condotte su popolazioni cliniche hanno dimostrato che il disturbo dell’identità è associato a sintomi di BPD tra gli adulti e tra gli adolescenti che ricevono cure per problemi di salute mentale.

Sviluppo e disturbi di identità in adolescenza

Nonostante un’ampia attività di ricerca, da una parte sulle difficoltà tipiche dello sviluppo dell’identità in adolescenza, dall’altra sul disturbo dell’identità, poche ricerche hanno preso in considerazione il fatto che ci possa essere un punto di congiunzione tra i due durante l’adolescenza (Hatano, Sugimura, & Schwartz, 2018; Jos- selson & Flum, 2015; Kaufman, Montgomery, & Crowell, 2014; Klimstra & Denissen, 2017). In effetti, sembra che manchi una conoscenza condivisa tra le prospettive cliniche e di sviluppo sull’identità (Pasupathi, 2014) e questa mancanza di integrazione è stata identificata come un limite al progresso in entrambi i campi (Kaufman et al., 2014).

Come esempio di mancanza di integrazione, non è ancora noto se gli aspetti dello sviluppo dell’identità che toccano la confusione identitaria (come l’esplorazione e la riconsiderazione dell’identità; Crocetti & Meeus, 2015) siano associati a segni di “patologia” sotto forma di disturbo dell’identità. Lo scopo generale del presente studio è stato quello di capire come molteplici aspetti dell’identità, tratti dalla ricerca clinica e sullo sviluppo, si relazionino tra loro e cozzino con i sintomi della personalità borderline.

Questo è stato intrapreso per iniziare a colmare il divario tra la teoria dell’identità dello sviluppo e la visione clinica del disturbo dell’identità e del BPD, considerando che queste interrelazioni si allineano bene con la metateoria della psicopatologia dello sviluppo, che sostiene lo studio dei processi di sviluppo sia tipici che atipici (Cicchetti, 1984, 2014; Cicchetti & Rogosch, 2002).

FORMAZIONE DELL’IDENTITÀ IN ADOLESCENZA

I teorici dello sviluppo hanno descritto l’angoscia e la confusione normativa che i giovani possono sperimentare quando cercano di formare un’identità coerente (Erikson, 1968; Kroger, 2004; Marcia, 1967). Nella sua classica teoria degli stadi dello sviluppo, Erikson (1968) ha descritto il processo di sintesi dell’identità come un dilemma conflittuale che consiste nell’integrare le precedenti identificazioni rilevanti per il proprio sé nell’infanzia in identificazioni che aiutano a trovare la competenza nell’età adulta.

Proseguendo in questa prospettiva, Marcia (1967) si è concentrato sull’esame di due aspetti della formazione dell’identità che i giovani intraprendono: l’esplorazione di possibili scelte identitarie alternative e l’impegno nelle scelte identitarie e, sulla base di questi processi, ha creato il suo modello di identità-status (si veda anche Luyckx, Goosens, Soenens, & Beyers, 2006b). I teorici contemporanei si sono orientati verso l’operazionalizzazione dell’esplorazione e dell’impegno per cogliere il processo di formazione dell’identità (Kaufman, Cundiff, & Crowell, 2015; Luyckx et al., 2006b; Meeus, 2001; Schwartz, 2001).

Uno di questi modelli contemporanei, il modello a tre fattori di sviluppo dell’identità proposto da Meeus, Crocetti e colleghi (Crocetti & Meeus, 2015; Crocetti, Rubini, & Meeus, 2008; Meeus, 1996), cerca di chiarire le sfide e il processo normativo di esplorazione e incertezza dell’identità durante gli anni formativi dell’adolescenza. Questo modello comprende l’impegno per l’identità, l’esplorazione approfondita e la riconsiderazione; ci si aspetta che i giovani attraversino questi tre processi o stadi mentre definiscono, considerano e riconsiderano chi sono, a cosa danno valore e dove si collocano in ambiti importanti, tra i quali spesso si concentrano l’istruzione e gli ambiti sociali.

L’impegno si riferisce al grado di fedeltà a un ruolo identificato e agli obiettivi e valori ad esso associati, mentre l’esplorazione approfondita è il processo adattivo in cui gli impegni e le identità esistenti e potenziali vengono esaminati attivamente e con attenzione (Crocetti, Sica, Schwartz, Serafini, & Meeus, 2013). La riconsiderazione dell’impegno è un processo di cambiamento durante i processi di formazione dell’identità, in cui gli impegni attuali vengono confrontati con alternative potenziali, valutati e abbandonati o modificati. Sebbene contenga elementi di esplorazione, la riconsiderazione dell’impegno comprende anche gli sforzi per cambiare gli impegni insoddisfacenti e un ripensamento del senso di sé (Crocetti & Meeus, 2015).

La ricerca empirica sull’impegno, l’esplorazione approfondita e la riconsiderazione illustra generalmente che un basso impegno è associato a sintomi internalizzanti, tra cui depressione e sintomi di ansia generalizzata, in studi trasversali (Crocetti et al., 2008; Crocetti, Schwartz, Fermani, & Meeus, 2010). Le prove suggeriscono anche che un basso impegno è associato a un aumento dei sintomi d’ansia a livello longitudinale (Crocetti, Klimstra, Keijsers, Hale, & Meeus, 2009). Al contrario, l’esplorazione approfondita e la riconsiderazione dell’impegno hanno avuto una relazione opposta con i sintomi in ricerche trasversali (Crocetti et al., 2008, 2010; Crocetti, Schwartz, Fermani, Klimstra, & Meeus, 2012) e longitudinali (Crocetti et al., 2009), con livelli più elevati di esplorazione spesso associati a livelli più elevati di sintomi internalizzanti o a sintomi crescenti nel corso dell’adolescenza.

 

International Meeting on Personality Disorders

International Meeting on Personality Disorders

 

In altri studi, gli adolescenti con un modello di basso impegno, fluttuazioni di esplorazione elevate e stabili e riconsiderazioni relativamente elevate e stabili, sia nel dominio dell’istruzione che in quello dell’amicizia, riportano più ansia e aggressività inizialmente e nei 5 anni successivi (Becht et al., 2016). A conferma della loro rilevanza per la comprensione dello sviluppo del sé, le dimensioni tipiche della formazione dell’identità sono state associate anche alla chiarezza del concetto di sé, definita come la misura in cui le convinzioni di sé sono internamente coerenti e stabili.

Ad esempio, gli adolescenti (Crocetti et al., 2008, 2010) e i giovani adulti (Luyckx, Schwartz, Soenens, Vansteenkiste, & Goossens, 2010) che riferiscono una maggiore riconsiderazione dell’impegno e dell’esplorazione approfondita riportano anche una minore chiarezza del concetto di sé, mentre coloro che riferiscono un maggiore impegno identitario riportano una maggiore chiarezza del concetto di sé.

Nel complesso, le prove suggeriscono che la formazione dell’identità, in particolare i livelli più elevati di riconsiderazione ed esplorazione degli adolescenti rispetto ai coetanei, può essere psicologicamente problematica.

Gli adolescenti con livelli relativamente più alti di riconsiderazione o di esplorazione riferiscono di avere una serie di difficoltà (Crocetti, Scrignaro, et al., 2012; Crocetti et al., 2010) ed è stato dimostrato che le difficoltà aumentano nel tempo (Becht et al., 2016; Crocetti et al., 2009). Tuttavia, non è noto se le dimensioni dell’esplorazione e della riconsiderazione esaminate in questi studi siano correlate al disturbo dell’identità. Inoltre, non è noto se tenere conto delle caratteristiche di un disagio identitario più grave, come quelle descritte nella teoria clinica e nella ricerca sul disturbo dell’identità, possa aiutare a spiegare e ampliare questi risultati precedenti, contribuendo così a chiarire la giunzione o la sovrapposizione tra impegno identitario, confusione (cioè, esplorazione e riconsiderazione) e disturbo.

 

CRITERI PER IL DISTURBO DELL’IDENTITÀ E IL DISTURBO BORDERLINE DI PERSONALITÀ

Il disturbo dell’identità è stato descritto come “un’immagine o un senso di sé marcatamente e persistentemente instabile“, “cambiamenti improvvisi e drammatici nell’immagine di sé, caratterizzati da un cambiamento degli obiettivi, dei valori e delle aspirazioni professionali” in cui gli individui “di solito hanno un’immagine di sé basata sull’essere cattivi o malvagi“, ma possono invece “a volte avere la sensazione di non esistere affatto” (APA, 2013, pp. 663-664).

Inoltre, il DSM-5 fornisce un modello alternativo di disturbo di personalità (si veda la Sezione III, “Misure e modelli emergenti”) e, con esso, una maggiore descrizione del ruolo che la formazione dell’identità svolge nei disturbi, come il BPD o i disturbi di personalità più in generale. All’interno di questo modello alternativo, il disturbo dell’identità è associato a una “immagine di sé marcatamente impoverita, scarsamente sviluppata o instabile, spesso associata a un’eccessiva autocritica; sentimenti cronici di vuoto; stati dissociativi sotto stress” (APA, 2013, p. 766).

Quindi, il disturbo d’identità è caratterizzato da un senso instabile di chi si è e di ciò che si apprezza e per cui ci si impegna, con associati sentimenti di vuoto in assenza di un’identità stabile. La ricerca empirica sul disturbo d’identità negli adulti ha riscontrato che esso è associato con deficit nella regolazione delle emozioni in un campione misto composto da adulti con BPD, con qualsiasi altra diagnosi DSM oltre al BPD e da controlli sani, portando gli autori a proporre che il disturbo dell’identità possa essere una caratteristica alla base di una maggiore diversità di psicopatologia rispetto a quanto osservato in passato (Neacsiu, Herr, Fang, Rodriguez, & Rosenthal, 2015).

Disturbi di identità in adolescenza

L’indagine empirica sul disturbo dell’identità e sui sintomi del BPD o del borderline negli adolescenti è limitata. Ciò potrebbe essere dovuto all’esitazione a valutare e diagnosticare gli adolescenti e i bambini con disturbi di personalità, a causa della percezione che la personalità sia soggetta a cambiamenti nel corso dello sviluppo e che quindi possa non essere compatibile con i requisiti diagnostici che richiedono che i tratti siano duraturi (Shiner & Allen, 2013).

Prospettive più contemporanee del disturbo di personalità (Shiner & Allen, 2013) riconoscono che i sintomi sono spesso presenti prima dell’età adulta e meritano di essere studiati sia a beneficio dei pazienti adolescenti, sia per aiutare a comprendere lo sviluppo dei disturbi di personalità (Cicchetti, 2014). Nonostante la letteratura sia limitata, le indagini condotte sui giovani hanno rilevato la presenza di sintomi di disturbo dell’identità in un campione di adolescenti della comunità scolastica (Chabrol & Leichsenring, 2006) e in giovani ricoverati con diverse diagnosi del DSM (Becker, McGlashan, & Grilo, 2006).

In particolare, Becker e colleghi (2006) hanno riscontrato che il disturbo dell’identità era associato ad alcuni criteri del BPD descritti nel DSM (come la rabbia incontrollata, l’impulsività e l’instabilità delle relazioni interpersonali), ma non ad altri criteri (come la paura dell’abbandono e i pensieri o gesti suicidi). Pertanto, valutare il disturbo dell’identità al di fuori di un quadro di BPD, tra giovani con sviluppo tipico e atipico, sarebbe utile in uno studio sulla formazione dell’identità adolescenziale.

 

LO STUDIO ATTUALE

Nel presente studio, l’obiettivo era quello di comprendere le interrelazioni tra quattro marcatori diagnostici (qui indicati come elementi) del disturbo dell’identità con i tipici processi di formazione dell’identità (impegno, esplorazione approfondita e riconsiderazione) e i sintomi borderline misurati tra gli adolescenti. Speravamo di colmare il divario tra le teorie e le ricerche sull’identità e ciò che nella letteratura di psicologia clinica è stato descritto come disturbo atipico dell’identità (Kaufman et al., 2014). Per raggiungere questo obiettivo, è stato necessario isolare concettualmente gli elementi del disturbo dell’identità, come descritto nel DSM-5 (APA, 2013), e individuare misure adeguate all’età per questi elementi.

I quattro elementi del disturbo dell’identità descritti nel DSM-5 sono:

  1. una visione negativa di sé,
  2. un senso di sé instabile,
  3. una sensazione di vuoto/non esistenza e
  4. stati dissociativi sotto stress.

Di conseguenza, sono stati misurati questi elementi di disturbo dell’identità. Abbiamo incluso anche una misura che comprendeva le altre caratteristiche diagnostiche del BPD, come gli stati d’animo intensi e mutevoli, la paura frenetica e l’evitamento dell’abbandono e l’impulsività.

 

I Comportamenti Disadattivi in Adolescenza

I Comportamenti Disadattivi in Adolescenza

 

DISCUSSIONE

Lo scopo generale del presente studio è stato quello di valutare come gli elementi (cioè i sintomi sottostanti identificati nel DSM) del disturbo dell’identità convivano con i processi di formazione dell’identità tipica, per fornire un punto di osservazione da cui considerare la giunzione tra le teorie e la ricerca empirica sullo sviluppo dell’identità tipica e il disturbo dell’identità tra i giovani. Questo studio è stato intrapreso anche per rispondere alle richieste di concentrare maggiormente la ricerca sui giovani che possono avere difficoltà nella formazione dell’identità e che sono a rischio di un disturbo dell’identità più grave, come spesso si manifesta negli individui con BPD (Josselson & Flum, 2015; Kaufman & Crowell, 2018). Questo scopo è in linea con una prospettiva di psicopatologia dello sviluppo che incoraggia lo studio della formazione dell’identità normativa insieme al disturbo dell’identità (Cicchetti & Rogosch, 2002; Kaufman et al., 2014).

CRITERI DEL DSM-5 PER IL DISTURBO DELL’IDENTITÀ

In questo studio sono stati identificati, sulla base della descrizione del disturbo nel DSM-5, quattro elementi che dovrebbero essere indicativi del disturbo dell’identità: bassa autostima, senso di sé instabile, dissociazione e vuoto. Sono state selezionate misure che rappresentassero questi quattro elementi e, sostenendoli come sintomi del disturbo borderline dell’identità, i quattro elementi sono stati corretti con misure autonome sia del disturbo borderline dell’identità sia delle caratteristiche della personalità borderline. Più in generale, queste associazioni suggeriscono che il disturbo dell’identità è ben descritto nel DSM-5 e catturato nelle attuali misure dei tratti borderline, anche quando viene utilizzato con gli adolescenti.

Sebbene tutti e quattro gli elementi di disturbo dell’identità correlassero come previsto con il disturbo dell’identità e le caratteristiche della personalità borderline, dei quattro elementi, la scarsa chiarezza del concetto di sé e il maggiore senso di vuoto erano i due che si distinguevano come correlati unici nelle nostre analisi multivariate. Ciò è in linea con precedenti indagini sul disturbo dell’identità in popolazioni cliniche adulte, dove l'”incoerenza dolorosa” (definita come angoscia o preoccupazione per la mancanza di un senso di sé coerente, compresa la sensazione di vuoto, irreale o falso) è risultata essere una caratteristica notevole che differenziava i pazienti con diagnosi di BPD da quelli con diagnosi di altri disturbi del DSM (Wilkinson-Ryan & Westen, 2000). In particolare, questi risultati sono nuovi in quanto evidenziano il vuoto come una correlazione particolarmente forte del disturbo borderline dell’identità e delle caratteristiche borderline in un campione misto, comprendente sia adolescenti a sviluppo tipico sia adolescenti in cerca di aiuto, risultati che hanno chiare implicazioni per la ricerca clinica e l’intervento.

Ci sono anche implicazioni per la ricerca sulla formazione dell’identità nello sviluppo che derivano dalla considerazione delle correlazioni delle misure tipiche dell’identità di impegno, esplorazione e riconsiderazione con il vuoto e il disturbo dell’identità borderline. La teoria dell’identità e l’indagine empirica supportano l’idea che il ripensamento dell’identità sia correlato a una peggiore salute mentale e comportamentale (come i sintomi depressivi e ansiosi, Crocetti, Schwartz, et al., 2012; Crocetti, et al., 2010, e i comportamenti esternalizzanti, Crocetti, Klimstra, et al., 2013), ma per definizione un individuo con un alto livello di ripensamento dell’identità ha mostrato segni sostanziali di impegno verso qualche forma di identità che viene poi riconsiderata.

Inoltre, l’esplorazione dell’identità, che a volte è considerata problematica per sintomi come l’ansia (Crocetti et al., 2009), dipende ancora una volta da una forma nascente di formazione dell’identità che è in fase di esplorazione. Le correlazioni suggeriscono che un minore impegno e una maggiore esplorazione possono essere associati al vuoto (a seconda del dominio identitario), ma sembra che la riconsiderazione, che dipende da un impegno precedente, sia più coerentemente associata al vuoto. Questo schema di risultati ci suggerisce che il vuoto può apparire in molte forme nelle tre sottoscale della formazione tipica dell’identità e che il vuoto può essere un indicatore più diretto di problemi significativi di formazione dell’identità che vanno oltre il disagio tipico della formazione dell’identità.

Anche se forse non è considerato un processo da cui entrare e uscire ciclicamente nel tempo, come i processi identitari di impegno, esplorazione approfondita e riconsiderazione descritti da Meeus, Crocetti e colleghi (Crocetti et al 2008), il senso di vuoto può essere una dimensione della formazione dell’identità che è importante considerare nelle future ricerche sulla formazione dell’identità tipica e atipica, al fine di descrivere e spiegare uno spettro più completo dello sviluppo (o della mancanza di sviluppo) dell’identità nei giovani. Qualsiasi campione di adolescenti e giovani adulti di dimensioni ragionevoli probabilmente include individui con problemi di salute mentale indifferenziati che possono o meno evolvere in sintomi di salute mentale più problematici (Cicchetti, 1984, 2014), ed esaminare la traiettoria del vuoto (come è stato fatto per l’impegno, l’esplorazione approfondita e la riconsiderazione; Crocetti, Klimstra, et al, 2013; Klimstra, Hale, Raaijmakers, Branje, & Meeus, 2010; Meeus, 1996, 2011) potrebbe avere importanti implicazioni per la ricerca sullo sviluppo e l’intervento clinico.

 

PROCESSI IDENTITARI TIPICI

Quando sono state analizzate le associazioni dei processi tipici di formazione dell’identità (cioè impegno, esplorazione e riconsiderazione dell’identità) con altre misure, la riconsiderazione, sia nel dominio dell’istruzione che in quello dell’amicizia, è stata associata a tutti e quattro gli elementi di disturbo dell’identità nella direzione prevista di una maggiore riconsiderazione covariante con un maggiore disturbo, oltre a essere associata a un livello più elevato di disturbo dell’identità borderline e di caratteristiche borderline. Inoltre, nelle nostre analisi multivariate, alcuni processi tipici dell’identità, in entrambi i domini dell’identità, li abbiamo associati a misure di disturbo borderline dell’identità e a caratteristiche borderline. Al di là dei quattro elementi di disturbo dell’identità misurati.

In particolare, sono state trovate associazioni specifiche per il dominio, in cui la riconsiderazione dell’istruzione è rimasta un predittore significativo di un maggiore disturbo dell’identità borderline, anche dopo aver tenuto conto dei quattro elementi del disturbo dell’identità. Sebbene si tratti di un’associazione minima, ciò corrisponde alle differenze di dominio ipotizzate, in cui l’impegno educativo e il ripensamento sono risultati particolarmente rilevanti per i sintomi della salute mentale (Crocetti et al., 2008; Klimstra et al., 2011).

Quando è stata presa in considerazione la nostra seconda misura del disturbo dell’identità borderline, la riconsiderazione dell’amicizia è stata un correlato dell’accentuazione dei tratti borderline, e questo è rimasto un correlato significativo anche nel modello multivariato. Questo risultato si allinea strettamente con l’importanza delle relazioni interpersonali instabili nelle presentazioni del BPD (APA, 2013; Leichsenring, Leibing, Kruse, New, & Leweke, 2011).

È sorprendente che vi sia una piccola ma significativa associazione positiva tra l’impegno nell’identità amicale e le caratteristiche borderline, quando si controllano i quattro elementi di disturbo dell’identità. Ciò suggerisce che non tutto l’impegno è benefico o protettivo e che in alcuni ambiti identitari (e forse solo per alcuni individui) potrebbe essere una caratteristica di disturbo.

Questo risultato concorda con un precedente studio del nostro gruppo, su un campione indipendente, che ha riscontrato una disregolazione depressiva ed emotiva superiore alla media in un gruppo di adolescenti con un elevato impegno amicale e un basso impegno scolastico (S. M. Campbell, Zimmer-Gembeck, & Duffy, 2018). Sebbene, anche in questo caso, l’associazione  fosse  piccola,  questa  scoperta  merita  un  ulteriore approfondimento perché la letteratura attuale, che di solito compendia le misure di impegno nei domini dell’istruzione e dell’amicizia, afferma che l’impegno è benefico per salute mentale (Crocetti, Klimstra, et al., 2013; Crocetti et al., 2008, 2009; Crocetti & Meeus, 2015).

Nello studio attuale, in cui abbiamo reclutato di proposito adolescenti provenienti da contesti scolastici e clinici, questo risultato potrebbe indicare che, per gli adolescenti che non hanno uno sviluppo tipico, l’impegno in domini identitari non amicali e più guidati da se stessi potrebbe essere più protettivo.

L’esplorazione approfondita spesso non è stata associata in modo significativo al disturbo dell’identità, né ai quattro elementi che abbiamo misurato qui né alle misure separate e autonome del disturbo dell’identità e delle caratteristiche borderline. Inoltre, laddove c’erano associazioni, queste variavano a seconda del dominio dell’identità. In generale, l’esplorazione nel dominio dell’amicizia è stata associata agli elementi di disturbo dell’identità (con l’eccezione dell’autostima). E l’esplorazione dell’amicizia è stata associata a maggiori caratteristiche borderline.

L’esplorazione in profondità sembra essere simile alla riconsiderazione, in quanto è spesso associata positivamente a sintomi di psicopatologia e a un senso di sé poco chiaro (Crocetti et al., 2010; Luyckx et al., 2006). Tuttavia, all’inizio dell’età adulta, l’esplorazione è risultata associata al benessere psicologico e sociale (Karas´, Cieciuch, Negru, & Crocetti, 2015). Inoltre, l’esplorazione dell’identità sembra funzionare in modo diverso a livello interculturale: in campioni olandesi (rispetto a quelli italiani; Crocetti et al., 2010) e giapponesi (Hatano et al., 2018), appare meno problematica in termini di sintomi internalizzanti.

 

Nuovi Disagi in Adolescenza. Diagnosi, Prognosi e Intervento

Nuovi Disagi in Adolescenza. Diagnosi, Prognosi e Intervento

 

DIREZIONI FUTURE E LIMITI

La ricerca futura è necessaria per individuare ulteriori fattori che possano aiutare i ricercatori e i clinici a distinguere tra la tipica confusione o disagio dell’identità e il disturbo dell’identità tra i giovani, al fine di aiutare chi ne ha bisogno più precocemente e potenzialmente distoglierlo da un percorso cronico di crescente disturbo dell’identità personale.

Lo studio attuale suggerisce che il “vuoto” può essere un marker di rischio saliente, ma possono esserci fattori all’interno del sistema psicosociale e al di fuori del processo di formazione dell’identità,

  • come le esperienze precoci di trauma (Wilkinson-Ryan & Westen, 2000),
  • lo stile di attaccamento (Meeus, Oosterwegel, & Vollebergh, 2002),
  • tratti come l’impulsività o l’autoconsapevolezza (Kaufman & Crowell, 2018),
  • o la disponibilità di opportunità di formazione o istruzione (Mor- timer, Lam, & Lee, 2015),

che contribuiscono ai sentimenti di vuoto e rendono il disagio nella formazione dell’identità più o meno probabile che si sviluppi in “disturbo”.” Le recenti richieste di indagini multilivello e multi-informanti sullo sviluppo dei tratti di disturbo della personalità, dall’infanzia all’età adulta, potrebbero valutare questi fattori (Cicchetti, 2014) e contribuire sia al campo dello sviluppo tipico dell’identità sia al trattamento del disturbo clinico dell’identità (Kaufman & Crowell, 2018; Kaufman et al., 2014).

Considerando che la formazione dell’identità è un processo che avviene nel corso dello sviluppo, la ricerca futura dovrebbe utilizzare disegni longitudinali per differenziare al meglio la confusione identitaria normativa dal disturbo identitario patologico. Lo studio attuale presenta numerose novità, ma è necessario riconoscere una serie di limitazioni.

In primo luogo, le misure utilizzate nell’attuale studio per misurare gli elementi del disturbo dell’identità non sono state studiate come strumenti diagnostici. E pertanto mancano dati su norme e soglie cliniche. Inoltre, il disegno trasversale utilizzato per questo studio rende difficile dedurre le direzioni delle associazioni. E non è in grado di indicare la gravità di questi risultati nel tempo. È possibile che anche il vuoto sia una parte normativa del processo di formazione dell’identità che si risolve nel tempo.

Indagini longitudinali sul “vuoto” insieme all’impegno, all’esplorazione approfondita e alla riconsiderazione dell’impegno potrebbero fare più luce sull’impatto del vuoto nell’adolescenza e nell’età adulta emergente. Inoltre, misurazioni più frequenti (cioè più volte al giorno) farebbero ulteriore luce su ciò che costituisce confusione o disturbo dell’identità, poiché la letteratura precedente suggerisce che il concetto di sé e i processi tipici dell’identità, come la riconsiderazione, possono fluttuare nel corso della giornata e tali fluttuazioni sono associate a sintomi diversi mesi dopo negli adolescenti (Schwartz et al., 2011).

Infine, è possibile che le associazioni testate nell’attuale studio differiscano a seconda della fonte di reclutamento; tuttavia, verificare questo aspetto nel contesto del presente studio è stato difficile a causa delle discrepanze nelle dimensioni dei campioni nei tre gruppi di reclutamento. Questa limitazione rende difficile la generalizzazione dei risultati a una popolazione clinica, in particolare perché il campione reclutato nei contesti di salute mentale comunitari era piccolo (n = 24).

Sono necessarie ricerche future, con campioni più ampi, per identificare le caratteristiche del disturbo dell’identità più rilevanti per le popolazioni cliniche. Allo stesso modo, la ricerca futura può considerare se il disturbo d’identità è caratterizzato da caratteristiche diverse a seconda delle fasce d’età, dato che lo studio attuale ha utilizzato misure appropriate per il livello di lettura dei partecipanti più giovani (12 anni) e che potrebbero non avere un’affidabilità e una validità simili per la fascia d’età dei partecipanti a questo studio.

 

CONCLUSIONE

Fondando questo studio sulla metateoria della psicopatologia dello sviluppo (Cicchetti, 1984, 2014; Cicchetti & Rogosch, 1996) e su una teoria contemporanea dello sviluppo dell’identità (Crocetti et al., 2008, 2009; Crocetti & Meeus, 2015; Crocetti, Sica, et al, 2013), nonché i criteri del DSM-5 per il disturbo dell’identità, la nostra attenzione all’impegno identitario, alla confusione identitaria (nelle forme di esplorazione e riconsiderazione dell’identità) e agli elementi del disturbo dell’identità ha implicazioni teoriche e cliniche.

In primo luogo, attingendo dal DSM-5 per concentrarsi su quattro elementi descritti di disturbo dell’identità – bassa autostima, bassa chiarezza del concetto di sé, vuoto e dissociazione – i risultati supportano questi elementi come criteri per il rischio di disturbo dell’identità tra i giovani.

In secondo luogo, i resoconti degli adolescenti sul senso di vuoto si distinguono come una caratteristica saliente per spiegare il disturbo d’identità e le caratteristiche borderline, prima e dopo aver tenuto conto di altri elementi del disturbo d’identità e dei processi tipici dell’identità. Una maggiore sensazione di vuoto può rappresentare l’assenza di un’identità impegnata o esplorata, che è un segno distintivo del disturbo dell’identità; l’attuale studio fornisce un sostegno preliminare a questa visione con associazioni tra un maggiore vuoto e un minore impegno scolastico.

Infine,  la  riconsiderazione  del  dominio  specifico  dell’impegno  è rilevante per la comprensione del disturbo dell’identità e dei tratti borderline, con una maggiore riconsiderazione riscontrata tra gli adolescenti che riferiscono maggiori disturbi. Questa scoperta di un ruolo unico di alcuni processi tipici dell’identità nelle caratteristiche della psicopatologia fornisce ulteriori prove del fatto che lo sviluppo dell’identità può essere difficile per alcuni giovani. In generale, i professionisti della salute mentale e i ricercatori potrebbero essere in grado di distinguere meglio tra la confusione e il disagio tipici dell’identità e il disturbo patologico dell’identità, valutando e misurando il vuoto insieme ai processi tipici di formazione dell’identità e confrontando questi processi tra i vari ambiti dell’istruzione e dell’amicizia

 

Favorire lo Sviluppo Mentale del Bambino e dell’Adolescente

Favorire lo Sviluppo Mentale

 

Articolo liberamente tradotto da Shawna Mastro Campbell, Melanie Zimmer-Gembeck and Amanda Duffy, “At the Junction of Clinical and Developmental Science: Associations of Borderline Identity Disturbance Symptoms With Identity Formation Processes in Adolescence” su Guilford Press https:// guilfordjournals. com/doi/ 10.1521/ pedi_2020 _34_484

Corsi correlati

Corso Online
8 ECM
La Schema Therapy per lavorare su Vergogna, Invidia e Rabbia
La live si terrà il 17 febbraio 2023
147€
Iscriviti al corso
Corso Online
36 ECM
Dialoghi sulla Relazione Terapeutica 2023
La live si terrà il 31 gennaio 2023
167€
Iscriviti al corso

Articoli correlati

Adolescenti
Depressione e uso di Social media tra gli Adolescenti
La depressione è una delle malattie mentali più frequenti in tutto il mondo, che genera...
Adolescenti
Depressione in Adolescenza: cause, correlazioni e conseguenze
La depressione in adolescenza è innanzitutto un grave problema di Salute pubblica. Recenti dati...

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Have no product in the cart!
0