Accedi

Come l’IFS valorizza l’EMDR con C-PTSD

IFS - EMDR

L’articolo utilizza la storia di un cliente per illustrare come l’integrazione dell’EMDR con il linguaggio e gli intrecci IFS potrebbe aiutare la terapia a fluire, come l’acqua, attorno a tanti dei blocchi frequentemente riscontrati quando si utilizza solo il protocollo standard con casi complessi.

 

Un caso di studio composito

Sandra (nome di fantasia) è una donna di 40 anni. Suo padre morì davanti a lei per strada quando lei aveva 11 anni. Da bambina aveva subito abusi sessuali da parte del fratellastro maggiore, poi adescata dal patrigno. È venuta a trovarmi dopo aver ricevuto una diagnosi di disturbo borderline di personalità. Ha avuto crisi dissociative e attacchi di panico. Aveva una storia di autolesionismo e abbuffate, insieme ad abuso di droghe e alcol.

La cliente funzionava bene, svolgeva un lavoro impegnativo (anche se solo a tempo parziale quando ci siamo incontrati per la prima volta) e aveva un matrimonio con figli piccoli. Aveva ricevuto CBT e terapia della parola sin da quando era adolescente.

La presentazione del linguaggio IFS

La storia del cliente informa la concettualizzazione del caso EMDR e può aiutare a identificare potenziali cognizioni negative (NC). Utilizzando il modello IFS, le “parti” del cliente possono essere rilevate e presentate al cliente. Il modello descrive gli esuli, i vigili del fuoco, i manager e il Sé al centro della psiche.

Sandra è stata invitata a leggere No Bad Parts (Schwartz, 2021) che è un testo introduttivo a IFS accessibile ma autorevole. Trovo utile anche il linguaggio proposto da O’Shea Brown: “Voglio presentarvi un modello di terapia che utilizzeremo insieme. Si basa sull’idea che tutti noi abbiamo un sé fondamentale che incarna la nostra essenza e tutte le nostre migliori qualità, tra cui calma, curiosità, compassione, fiducia, coraggio, chiarezza, connessione e creatività. Siamo nati con queste qualità; questo è noto come autoenergia” (2021, p. 116).

Sandra ha fatto commenti del tipo “Ero così stupida a scuola”. Si vergognava di mostrare qualsiasi emozione da bambina. La sua cognizione negativa (NC) principale nell’EMDR era “Sono cattivo“. Ciò mi ha fatto capire che aveva a bordo un “manager critico” (termine IFS). Abbiamo utilizzato un genogramma per ottenere una storia dei primi anni di vita: questo ha rivelato sia il trauma dell’attaccamento, sia il trauma intergenerazionale.

I ricordi che hanno generato il manager critico

Nella mia esperienza, chiedere a un cliente di identificare i dieci ricordi migliori e i dieci peggiori, come suggeriscono alcuni trainer EMDR, non sempre suscita gli obiettivi più efficaci che corrispondono al modo in cui i comportamenti inutili sono stati inizialmente collegati alle reti neurali. Invece, ho utilizzato le parti di Sandra per guidarci verso i ricordi che hanno generato la necessità di questo manager critico, chiedendo al manager quando ha iniziato a svolgere quel lavoro per la prima volta.

Un ricordo era di essere stata derisa all’età di 11 anni dal suo patrigno, perché era andata a prendere il suo cardigan per il funerale di suo padre. Le disse “ora è ora che tu cresca e smetta di essere una bambina così orribile“. Sandra ha ricordato che questa era la prima volta che si dissociava. In altre parole, questo era un ricordo fondamentale. Non solo il suo manager critico è intervenuto per soddisfare tutti i suoi bisogni, dicendole che era cattiva e patetica, ma questa parte ha funzionato in un tag team con il suo pompiere della dissociazione per proteggerla dal suo patrigno critico.

Ci sono due tipi di protettori in IFS che funzionano in modi diversi e complementari per tenere fuori l’intensa emozione trattenuta dalle parti in esilio. Si tratta di manager che cercano di controllare l’ambiente e di vigili del fuoco che reagiscono per calmare e distrarre dall’emozione una volta scatenata. Sandra non poteva permettersi emotivamente di arrabbiarsi di fronte al suo patrigno perché lui l’avrebbe svergognata e criticata, quindi il suo critico lo ha fatto prima internamente. Quando ciò non funzionava, e lei era ancora turbata dai suoi commenti crudeli, la nuvola di dissociazione scendeva per allontanarla dal turbamento.

Aiutare alla stabilizzazione del cliente

Sandra ha trovato il modello IFS molto umiliante. Il modo relazionale di spiegare i suoi comportamenti inutili come semplicemente “una parte di lei” è stato utile. Apprezzava che la dissociazione fosse un vigile del fuoco (un termine IFS per un protettore reattivo) che cercava di tenerla al sicuro, di proteggerla senza turbare il suo patrigno arrabbiato. Le ho spiegato che questa parte potrebbe essere congelata nel tempo utilizzando strategie che le erano utili quando era bambina ma non oggi.

Per aiutarla con la stabilizzazione, l’ho incoraggiata a impegnarsi con risorse esterne alla terapia come un corso di arte comunitaria e un programma in 12 fasi. Si è sostenuto che i programmi dei dodici passi abbiano molto in comune con l’IFS, come ha spiegato Robert Falconer durante un podcast IFS “Il primissimo passo di 12 passi”, “siamo impotenti di fronte all’alcol e le nostre vite sono diventate ingestibili” , ha detto, riferendosi al primo dei 12 Passi degli Alcolisti Anonimi. Ha continuato: “Questo è quello che dice l’IFS, i nostri manager non potrebbero farlo. Questa parte è nella guerra civile, il manager non può farlo. Questo è il primo messaggio che vogliamo trasmettere in IFS, il manager non può farlo, dobbiamo rivolgerci al Sé e questi sono i passi due e tre” – ancora una volta, riferendosi ai 12 passi di Alcolisti Anonimi.

Ha continuato: “Sono arrivato a credere che un potere più grande di noi potrebbe riportarci alla sanità mentale. Questo è il Sé. Affidammo la nostra volontà e la nostra vita alla cura di Dio come noi lo intendevamo. Fondamentalmente, i primi tre passaggi sono: i manager non possono farlo, dobbiamo coinvolgere Self, che è esattamente ciò che un terapeuta IFS farà con un tossicodipendente”.

 

Integrare EMDR e Internal Family Systems (IFS) per il trattamento del Trauma

emdr-e-internal-family-systems

 

I programmi in 12 passi e il lavoro sul trauma

Così Sandra ha trovato un posto sicuro in un incontro locale di Narcotici Anonimi, l’incontro in 12 passi per le persone in recupero dall’uso di droga. Ha trovato un luogo in cui condividere, essere ascoltata, senza giudizio, esprimere i suoi sentimenti, trovare amicizia e appartenenza mentre iniziava a formare una relazione con un potere superiore.

Ciò l’ha aiutata a gestire emozioni intense senza marijuana, abbuffate o autolesionismo, il che ha completato bene la nostra terapia EMDR basata su IFS. Ha trovato uno sponsor e amici sani. Anche il gruppo artistico le ha dato un’altra comunità sicura e un modo per esprimere emozioni intense come immagini sulla pagina. Il vero elemento mancante nei programmi in 12 fasi è il lavoro sul trauma, motivo per cui sono così adatti alla terapia EMDR basata su IFS.

Modello IFS e connessione da parte a Sé

Il modello IFS ritiene che le tecniche di resourcing e grounding non siano necessarie. Si ritiene che il radicamento possa dare a parti come gli esuli di Sandra e i vigili del fuoco il messaggio che il loro affetto è travolgente, quindi necessita di risorse, cioè che sono indesiderati e repressi. Invece, l’IFS facilita il cliente a stabilire una connessione da parte a Sé, come una forma di rilassamento interno e di regolazione affettiva.

I terapeuti IFS di solito dedicano del tempo, a volte molte sessioni, a conoscere i protettori prima di passare al lavoro in esilio. Tuttavia, per Sandra, con la sua storia di autolesionismo e suicidio, ciò comportava un rischio che non ero disposto a correre. Un rischio che è ora chiaramente identificato da Joanna Twombly (2022) che sostiene che i clienti altamente dissociativi hanno bisogno di risorse perché non sono sempre in grado di accedere all’energia personale.

Le ho insegnato tecniche di radicamento come la respirazione scatolare e ho integrato gli esercizi con le figure delle risorse di Parnell (2013) (nutritori, protettori ed esseri saggi) e i colpetti a farfalla. Abbiamo mappato le sue parti utilizzando le carte Attive Interiori (Eckstein, 2012). Ciò l’ha aiutata a separarsi da loro, stabilendo così gradualmente una connessione da parte a Sé.

Utilizzo delle carte Attive Interiori

Ha scelto un’immagine per rappresentare il suo adulto auto-guidato e l’ha chiamata la sua “sorella maggiore Self“. Ciò è stato particolarmente efficace perché le ha dato un’immagine della sua energia del Sé con cui era facile connettersi, per vedere la mano calda e incoraggiante che la raggiungeva.

L’Orsa Madre era una delle sue principali figure di risorse educative. Il suo critico sembrava l’insegnante accigliato. Infine, c’era una parte che interpretava i filmati flashback, in particolare quelli della morte di suo padre all’inizio del nostro lavoro.

 

Valutazione potenziata e desensibilizzazione con IFS

Inizialmente, il critico di Sandra l’ha attaccata verbalmente e ha bloccato l’elaborazione quando il focus delle nostre sessioni si è spostato sugli obiettivi della prima infanzia. Integrare l’IFS nelle varie fasi dell’EMDR, le ha permesso di comprendere e apprezzare la funzione di sopravvivenza che queste parti avevano svolto per lei. Quindi, invece di sentire che stava interpretando l’EMDR in modo sbagliato, è stata in grado di dialogare con i suoi tutori durante la preparazione e la valutazione dell’EMDR per chiedere il loro permesso di elaborare i ricordi con l’EMDR.

Ciò è stato utile, ma ad un certo punto di ogni sessione la sua “nuvola grigia” di dissociazione (una parte del pompiere (FF)) appariva durante l’elaborazione. Il vero cambiamento è avvenuto quando il Sé del cliente è stato in grado di apprezzare profondamente quanto duramente la nuvola di dissociazione avesse lavorato per mantenerla al sicuro. Ad un certo punto Sandra pianse provando quella profonda gratitudine. Tali espressioni di gratitudine hanno aiutato i protettori a sentirsi ascoltati e apprezzati in modo che potessero iniziare a fidarsi dell’energia del Sé adulto e fossero quindi in grado di rilassare i loro comportamenti estremi.

Prima che il ricordo del funerale di suo padre potesse essere elaborato, dovevamo dialogare con la parte del vigile del fuoco della “nuvola”. Utilizzando le sei F: Find (Trova), Focus (Concentrati), Flesh it out (Rimpiccioliscilo), Feel towards (Senti attraverso), Be Friend (Diventa amico), Fear (Paura). Abbiamo lavorato, realizzando che la “nuvola” credeva ancora che ci fosse pericolo. La mia impressione era che la “nuvola” di dissociazione fosse bloccata nell’infanzia, quindi ho chiesto quanti anni pensava avesse Sandra oggi. La nuvola pensava che avesse circa 11 anni. Non sapeva che aveva 41 anni.

Richiedere SUD specifico per la parte attiva

Quando Sandra ha gentilmente informato la “nuvola” della sua età, il critico è intervenuto per dire: “si sta inventando tutto“, poi ha ripetuto il suo vecchio messaggio strategico secondo cui deve essere brava per non farcela, non essere sgridata. Quindi, la “sorella maggiore Sé” ha mostrato alla nuvola la sua vita oggi. Il suo amorevole marito, il lavoro e i figli piccoli. I protettori di Sandra si rilassarono, lei si sentì più calma e fu in grado di elaborare il ricordo del funerale di suo padre.

Una volta stabilita l’energia del Sé ed elencati gli elementi target dell’EMDR, al cliente può essere richiesto un SUD specifico per la parte attiva. Hersey suggerisce: “Chiedere alla parte quanto è intenso il disturbo da 0 a 10”. Per la parte di Sandra di 11 anni nella memoria funebre, il SUD era di otto.

La testimonianza e lo sgravio delle parti è un elemento cruciale nell’IFS. Ciò può essere integrato nella fase di desensibilizzazione dell’EMDR e, così facendo, la cornice relazionale Self-to-Part può essere estesa. Ho suggerito a Sandra in vari modi: quando le informazioni venivano condivise, le suggerivo di dire se le risuonava in risonanza: “Fai sapere alla parte che lo capisci”, e di suscitare tutte le parti finali del ricordo: “cos’altro ha bisogno la parte di sapere prima di iniziare l’elaborazione?” Per rassicurare la parte in esilio che il Sé era presente e in grado di fornire una relazione riparativa, ho detto “Fai sapere alla parte che rimarrai presente con essa durante l’elaborazione”. “La parte (in esilio) è in grado di essere qui con te e sentire quella sensazione nel tuo stomaco, mostrarti quell’immagine e iniziare con il pensiero: Sono cattivo?” (Hersey, 2013).

IFS e doppia consapevolezza nella memoria

In altre occasioni, ho stabilito una doppia consapevolezza nella memoria invitando l’adulto con molta energia del Sé a entrare nella memoria target dell’infanzia, quindi ponendo la domanda “sentire verso” (questo fa parte delle sei F dell’IFS). Le risposte compassionevoli indicavano che l’energia del Sé era attiva e potevo procedere invitando Sandra a guardare attraverso gli occhi di sua figlia.

È stato quindi possibile chiederle come si sentiva per la bambina, nel vedere lì la sua “sorella maggiore Sé”. La bambina è stata invitata a condividere la sua storia per essere testimoniata dall’adulto autodidatta. Essere visti e testimoniati da un’altra (Sandra autoguidata) può essere sufficiente per alleggerire tutti i pensieri e sentimenti scomodi dalla memoria in termini IFS, specialmente con l’aggiunta di BLS. Ma IFS offre un’ulteriore cerimonia di alleggerimento’”. In questo ricordo però, il BLS e le testimonianze sono stati sufficienti per ridurre a zero il SUD di Sandra.

 

Cognizioni positive ed energia del Sé

Le cognizioni positive (PC) tendono a sorgere con l’aumento dell’energia del Sé. Per Sandra ho seguito il suggerimento di Hersey (2013) nell’utilizzare una domanda relazionale per sollecitare i suoi PC: “C’è qualcosa che vuoi dire alla parte protettiva, o vuoi che sappia?” La risposta a questa domanda venne dall’energia del Sé, lei voleva credere “Va bene sentire… e io sono coraggiosa”. Ho rivolto l’indagine per la VOC specificatamente alla parte protettiva: “Chiedi quanto ci crede la parte in questo momento, da 1 a 7”.

La sua validità cognitiva (VOC) era inferiore a sette e questo suggeriva che fosse necessario più BLS e dialogare con le parti protettive per aumentarla a sette (completamente vero). Usando questo approccio, si rese conto che il suo patrigno stava usando il “controllo coercitivo” per deriderla e umiliarla, più o meno nello stesso modo in cui aveva fatto con sua madre. Il controllo coercitivo è diventato illegale nel Regno Unito nel 2015 perché è una delle fasi identificabili della violenza domestica. Questo non era ampiamente compreso quando Sandra era bambina. La sua situazione si trasformò in abusi domestici fisicamente più pericolosi da cui lei e sua madre in seguito dovettero fuggire.

Da adulta autodidatta, Sandra provò una sana rabbia nei confronti di quest’uomo, la nuvola protettiva della dissociazione poi disse che voleva rilasciare la sua pioggia in un buco nero. Nell’IFS questa è una forma di alleggerimento e può avvenire quando la parte sperimenta che il cliente è nell’energia del Sé in modo da poter rilasciare il peso del suo ruolo.

Nuova configurazione del suo sistema interno

Ne consegue che il vigile del fuoco della nuvola di Sandra (un protettore) ha potuto trovare un nuovo lavoro, portando ad una nuova configurazione del suo sistema interno. Nell’IFS è importante che i tutori scelgano un nuovo lavoro per se stessi, piuttosto che questo venga loro imposto da un’altra parte.

Risolvere i conflitti interni è fondamentale qui. Abbiamo chiesto se la nuvola vorrebbe un lavoro rivisto? La nuvola ha detto che vorrebbe essere un sistema di allerta precoce del pericolo perché può vedere il quadro generale dall’alto. Il suo PC “Va bene sentire… e sono coraggioso” è stato quindi installato con successo, con un VOC di sette.

Scansione corporea e attaccamento interno

Nell’EMDR, quando chiediamo al cliente di eseguire la scansione corporea, lo consideriamo come un controllo finale che non ci siano sensazioni corporee rimanenti dopo la desensibilizzazione, e nel linguaggio IFS è visto come un controllo che tutto il peso sia scomparso dal corpo dell’esule durante la “cerimonia di alleggerimento”. Può darsi che durante una scansione corporea EMDR emerga un’altra parte (nell’IFS una nuova parte target) che può ricevere lo stesso approccio relazionale delle sei F.

Questo non è successo con Sandra, quindi l’ho invitata a chiedere a questa parte infantile di cosa avesse bisogno per chiudere la sessione. A volte è bello dire a un cliente “la seduta è quasi finita ma la relazione continua, vorresti portare tua figlia a casa, rimboccandola in un posto sicuro del corpo e impegnandoti a controllarla ogni giorno per vedere come si sente fino alla prossima seduta?

La parte infantile di Sandra diceva che voleva essere messa insieme a Mamma Orsa, così avrebbe potuto essere conservata nel corpo. Sì, voleva anche check-in regolari. La settimana successiva Sandra ha riferito di aver tenuto un diario con la parte dell’undicenne disegnando due colonne, una per l’adulto autogestito per porre domande, l’altra per la parte del bambino per rispondere. Ciò sembrava rafforzare l’attaccamento interno tra la parte bambina di Sandra e la sua parte adulta autogestita, rendendo il mondo interiore di Sandra un luogo sicuro e nutriente in cui stare.

Ripetere gli schemi di auto-sabotaggio

Ho continuato a rivalutare Sandra durante le nostre sessioni. Sandra era stata ripetutamente abusata sessualmente dal fratellastro più grande e questi obiettivi rispondevano bene al protocollo standard EMDR con ogni clearing a SUD = 0. Nonostante ciò, spiegava come continuava a ripetere gli stessi schemi di auto-sabotaggio, non essendo in grado di motivarsi trovare un nuovo lavoro e avere ambizioni. Ogni volta, questi sintomi attuali venivano ricondotti a una camera da letto dell’infanzia, in attesa degli abusi da parte del fratellastro.

Come intreccio, l’ho invitata a chiedere alla sua bambina di sette anni: “Perché la piccola Sandra continua a tornare lì in quella scena?” La risposta è arrivata: “Papà era coinvolto”. Immediatamente, i protettori sono intervenuti per dire che non era vero, che se l’era inventata e la nuvola è scesa. Nelle sedute successive abbiamo potuto ritornare a questa bambina in esilio, ottenendo gradualmente il permesso da parte dei protettori – sia la nuvola che il critico – di testimoniare la sua storia di esilio: “Questo è qualcosa che ho sempre saputo essere vero”, ha detto Sandra.

Il cambiamento e la fine delle crisi dissociative

A poco a poco, il suo comportamento è cambiato. Sandra non soffre più di crisi dissociative. Si dissociava regolarmente al lavoro in modo da poter lavorare solo part-time. In effetti, tutti i suoi sintomi si sono risolti, quindi non si fa più del male, non si abbuffa di cibo o non abusa di alcol o droghe. Ora è in grado di lavorare a tempo pieno e qualsiasi dissociazione è così lieve che resta in silenzio per un po’ e usa questi momenti di attivazione come qualcosa da portare in terapia per individuare un ricordo bersaglio e una parte.

Anche i clinici innovativi dell’EMDR come Jim Knipe e Carol Forgash (2008) utilizzano gli stati dell’Io nell’EMDR e si possono notare somiglianze tra il loro lavoro e l’IFS. Gli “ovali” di Jim Knipe provengono dal lavoro sugli stati dell’Io di Watkins e Watkins (1997). Knipe suggerisce di portare il bambino fuori dalla scena e di farlo sedere sul divano accanto all’adulto (2015, p. 171).

Tale intervento è simile all’IFS e a quelli utilizzati con Sandra. Ciò che sembrava avere il maggior potere terapeutico era facilitare un profondo apprezzamento per la nube protettiva (dissociativa) di Sandra. Nel raggiungere questo obiettivo, pianse e gli disse che aveva notato quanto duramente e instancabilmente avesse lavorato per proteggerla. Ciò indicava che la sua “sorella maggiore Sé” era stata scissa dalla nuvola, quindi la nuvola poteva ora essere vista completamente, sentirsi al sicuro e avere fiducia nell’adulto sapendo che il trauma e il pericolo del passato erano finiti e che la forma dissociativa di protezione non era più presente, più necessaria.

 

Autoenergia: il fulcro di IFS ed EMDR?

Per molti, l’energia del Sé è vista come il fulcro e il mezzo di guarigione nell’IFS. Anche l’autoguarigione è al centro del sistema di elaborazione adattiva delle informazioni (AIP) e può essere rafforzata nel cliente attraverso la stimolazione bilaterale, gli intrecci e l’installazione di risorse.

Korn (2021) riassume le intuizioni delle neuroscienze nel tentativo di spiegare la potenza del BLS. Tra le ipotesi, i ricercatori hanno dimostrato che i movimenti oculari nell’EMDR attivano il sistema nervoso parasimpatico, portando a un rallentamento della respirazione e della frequenza cardiaca, e un riduzione dell’eccitazione. Altri hanno dimostrato che i movimenti oculari competono con il ricordo di ricordi traumatici, rendendoli meno vividi ed emotivi. Altri ancora hanno suggerito che i movimenti oculari attivano gli stessi processi neurologici che si verificano durante il sonno REM (Rapid Eye Movement), quando si verificano i nostri sogni più intensi, portando a meno emozioni negative, nuove associazioni tra ricordi, maggiore flessibilità cognitiva e migliore intuizione.

Tarquinio e Tarquinio (2015) sostengono che l’AIP è più una metafora che un modello reale, privo di fondamenti teorici adeguatamente sviluppati e incapace di soddisfare le sue funzioni organizzative, euristiche, predittive e di misurazione (in Rydberg & Machado, 2020, p. 3 ). IFS non utilizza BLS, invece l’energia del Sé è l’agente di cambiamento, la fonte spirituale di guarigione: “Il concetto di Sé IFS è analogo ai concetti spirituali, presenti in molte religioni del mondo, di un’anima, uno stato trascendente di compassione e calma” (Twombly & Schwartz, 2008).

Prospettiva profonda e più transpersonale sul Sé

Da una prospettiva transpersonale, Krystal (2002) scrive che l’EMDR ha “una sorprendente capacità di liberare stati espansivi di consapevolezza” – sostenendo, nella raccolta curata da Shapiro, che l’EMDR offre un movimento verso la trascendenza. “Ogni approccio valorizza la chiara auto-osservazione, il distacco, l’accettazione, la comprensione compassionevole e il perdono” (Norcross & Shapiro, 2002 p.344) che è simile al modo in cui IFS descrive l’energia del sé. “L’EMDR sembra attivare un processo di guarigione molto simile in molti clienti in cui vengono testimoniate scene del loro passato e alcune parti vengono alleggerite spontaneamente” (Twombly & Schwartz, 2008, p.305).

I terapeuti IFS dedicano tempo e impegno assicurandosi di poter massimizzare l’energia del Sé, in primo luogo sciogliendosi dalle proprie parti e contemplando una prospettiva profonda e più transpersonale sul Sé. Pam Krause suggerisce ai supervisionati: “Se rimani fedele all’obiettivo dell’auto-leadership aiutando le tue parti a disintegrarsi e a guarire i tuoi stessi esuli, scoprirai che puoi navigare con più chiarezza di quanto potresti aspettarti, date le potenziali complessità della consulenza su più sistemi integrati” (2022, p. 58). Quindi forse l’autoenergia è il carburante, il motore dell’AIP? “È come se ci fosse un pezzo di Dio – in mancanza di una parola migliore – in tutti noi e, a quanto pare, in tutte le nostre parti” (Schwartz 2021, p. 38). In IFS, il Sé non è una parte, ma un’energia condivisa da tutte le parti. Più il sistema è gravato, più l’energia personale è bloccata e non disponibile.

EMDR aiuta o ostacola l’accesso all’energia del Sé?

In che modo l’EMDR nella sua forma attuale, in particolare il protocollo standard, aiuta o ostacola l’accesso all’energia del Sé? Nella mia esperienza, i clinici EMDR a volte possono essere eccessivamente concentrati sulla ricerca dell’obiettivo giusto. Tanto che i clienti riferiscono di “sbagliare”. Questo vale anche per i terapeuti, quando condividono in supervisione la loro esperienza di sessioni con i clienti.

Nel criticare il paradigma mono-mente, Schwartz e Falconer ci ricordano che “la maggior parte dei terapisti cerca di risolvere i problemi che i clienti portano loro. Ciò spesso significa che si polarizzano con le parti dei clienti che utilizzano i loro problemi per proteggere o far arrivare messaggi al Sé del cliente e resistere a tali cambiamenti. Quanto più queste parti protettive si sentono sotto attacco, tanto più estreme diventano. Di conseguenza, queste parti estreme spesso diventano il focus esclusivo della terapia, oscurando il riconoscimento delle qualità curative del Sé interiore” (2017, p. 158). Nell’identificare e affrontare le parti, il terapeuta IFS è “come un’ostetrica” (in Shapiro 2002, p. 235), qualcuno che riconosce che gli intensi processi irrazionali dei sintomi sono la prova di qualche tentativo di guarigione e trasformazione.

IFS come strategia compatibile con l’EMDR

Come riassume O’Shea Brown: “L’IFS è una strategia aggiuntiva altamente compatibile con la psicoterapia EMDR, poiché sfrutta un linguaggio ottimizzato per comprendere le parti del sé al fine di promuovere la cooperazione e l’energia personale… Un approccio relazionale IFS afferma la necessità per parti e fornisce al cliente il linguaggio per impegnarsi in un dialogo che facilita l’auto-compassione e il resourcing positivo… Applicando concetti e metodi dalla struttura, dalle strategie e dalla narrativa della terapia familiare e delle subpersonalità, il modello IFS fornisce un linguaggio necessario per comprendere le proprie parti e lavorare attraverso i conflitti interni irrisolti” (2021, p. 120).

Sono stati questi conflitti all’interno di Sandra ad alimentare il suo autolesionismo, la dissociazione, l’abuso di cibo, alcol e droghe. Questi erano i suoi protettori vigili del fuoco che la tenevano distratta dal dolore dei ricordi del trauma insieme al suo critico che la rimproverava per aver sentito o ricordato. Insieme ostacolavano anche il raggiungimento dei suoi esiliati, le parti sottostanti trattenevano il dolore. Sandra ha risposto bene all’utilizzo del protocollo standard durante il trattamento, all’elaborazione dell’abuso sessuale del fratellastro e all’aver assistito alla morte di suo padre. Tuttavia, come spiegato in precedenza, questo non è stato sufficiente per risolvere tutti i suoi sintomi: è stato necessario combinarlo con l’approccio relazionale IFS.

I concetti di transfert e controtransfert

I terapeuti IFS sono formati per essere consapevoli delle proprie parti e per “sviluppare il proprio accesso al Sé” (Twombly & Schwartz 2008, p. 301). È un concetto noto anche come transfert e controtransfert nella terapia psicodinamica. Se la terapia EMDR deve essere vista come tipicamente relazionale come suggerisce la definizione del Council of Scholars, allora è necessario prestare ulteriore attenzione a ciò che accade all’interno del terapeuta EMDR, così come del cliente.

Dworkin definisce il controtransfert come “l’attivazione nel clinico di ricordi stato-dipendenti che sono stati innescati dal cliente, intenzionalmente o meno” (2005, p. 126). Non prestare attenzione ad esso può inibire l’elaborazione EMDR di un cliente (Dworkin & Errebo, 2010). Suggerisce, tuttavia, che l’attenzione al transfert e al controtransfert dovrebbe essere lasciata fino a quando il clinico non avrà compreso il modello EMDR (Dworkin, 2005, p. 144).

Dworkin invita inoltre i terapeuti a essere nell’equivalente dell’energia del Sé: “con l’intenzione consapevole di mantenere un cuore aperto che promette sicurezza e compassione (cioè avere una considerazione positiva incondizionata) avrai meno probabilità di essere colto di sorpresa durante elaborazione e attivarsi dal dolore del cliente” (2005, p. 143). Offre anche una serie di strategie per l’autoregolazione all’interno del terapeuta (2005, p. 149) che sono molto simili a quelle raccomandate da Twombly e Schwartz (2008, p. 301). Come consulente EMDR sollevo regolarmente il concetto di controtransfert, o di parti del terapeuta, con i supervisionati, ma sembra che non venga prestata sufficiente attenzione all’interno della comunità EMDR nel suo insieme, motivo per cui la nuova definizione nella posizione dello scorso anno Il documento del Council of Scholars rappresenta un utile punto di svolta.

 

EMDR per Bambini e Adolescenti
EMDR per bambini e adolescenti

L’approccio IFS valorizza EMDR

L’articolo utilizza la storia composita di un cliente per suggerire che l’integrazione dell’EMDR con l’IFS può aiutare i tirocinanti EMDR ad evolversi dall’utilizzo del solo protocollo standard al lavoro relazionale con casi complessi, utilizzando la psicoterapia EMDR, come definita dal gruppo di lavoro “Cos’è l’EMDR” del Position paper dell’EMDR Council of Scholars (CoS) nel 2021.

Nella storia composita del cliente, mostro come l’integrazione del linguaggio informato IFS con il protocollo standard EMDR ha consentito a un cliente con una presentazione complessa di trovare pace interiore, trasformazione e guarigione. La combinazione di questi modelli consente di offrire una teoria della molteplicità della mente, fornendo ai clienti un modo relazionale di lavorare internamente con le proprie parti, per migliorare l’elaborazione della memoria. In tal modo sembra che i rischi di resistenza o di problemi di transfert con il terapeuta siano ridotti al minimo.

Sono d’accordo con Francine Shapiro (2002, 2012, 2018) sul fatto che l’EMDR è sempre stato inteso e destinato a evolversi ulteriormente ricercando e combinando approcci complementari in altre terapie leader, tra cui le terapie schematiche, psicodinamiche e transpersonali. Questo articolo illustra la tesi secondo cui il modello dei Sistemi Familiari Interni offre un campo di integrazione particolarmente propizio e fruttuoso. Come ha affermato recentemente un supervisionato: “Utilizzare l’EMDR con IFS è come accendere le luci in una stanza buia. Ora so chi c’è nella stanza, mentre con il solo EMDR mi sento come se stessi lavorando nell’oscurità” (Saxby, 2022).

 

Articolo liberamente tradotto e adattato. Fonte: Annabel McGoldrick (2023), The flexible and relational approach of IFS enhances EMDR’s eight phases: A composite case study, EMDR Therapy Quarterly.

Corsi correlati

Corso Online
13.5 ECM
Certificazione Internazionale in Flash Technique – Liv.01, Ed.02
La live si terrà il 09 luglio 2024
247€ 197.6€
o 66 € al mese a tasso 0.
Iscriviti al corso
Corso Online
18 ECM
Certificazione Internazionale in Mindfulness, Edizione 02
La live si terrà il 11 ottobre 2024
277€ 227€
o 76 € al mese a tasso 0.
Iscriviti al corso

Articoli correlati

Trauma / PTSD
Deep Brain Reorienting sul disturbo da stress post-traumatico
Le conoscenze neuroscientifiche sul disturbo da stress post-traumatico e sui sintomi a esso...
Mindfulness
Lo Yoga per contrastare i sintomi del Trauma
Il trauma ha un impatto su molte persone, poiché la maggior parte della popolazione sperimenta...

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>