Il “MODE-Work” nella Schema Therapy con bambini e adolescenti

Ph.D., Psicologo e Psicoterapeuta (TCC) specializzato nel lavoro con i bambini e gli adolescenti. Dottore di ricerca, lavora presso l’Istituto di Psicologia Sperimentale all’interno del Dipartimen... Leggi la Bio
Il "MODE-Work" nella Schema Therapy con bambini e adolescenti

Il gioco è il mezzo più comune ma altrettanto più espressivo dell’infanzia, e riguarda il bambino già nelle sue primissime fasi di sviluppo fino agli anni della scuola materna ed oltre.

Sebbene l’importanza del gioco nel setting clinico sia riconosciuta, molti terapisti lo usano per per costruire relazioni o come rinforzo per incoraggiare il “lavoro” terapeutico, piuttosto che come mezzo per il lavoro terapeutico.

Attraverso il gioco, nella Schema Therapy, si incoraggia il bambino ad esprimere sentimenti come rabbia o tristezza attraverso giochi simbolici e di finzione. Il gioco libero è uno spazio fantasioso per la crescita della consapevolezza dei bisogni e rappresenta diverse opportunità per il bambino di esprimere il proprio mondo interiore in modo non conflittuale.

Per i bambini fino all’età della scuola elementare è adatto giocare con figure di animali o con bambole che rappresentano situazioni ricorrenti, dinamiche familiari e ruoli, sebbene questa struttura terapeutica orientata ai MODE sia principalmente destinata ai bambini in età prescolare.

Abbiamo osservato che i bambini spesso presentano i loro MODE e le loro modalità di coping in modo stereotipato, come se la storia dovesse sempre girare secondo lo stesso schema. Come un regista di storie teatrali, il bambino ha un certo controllo sulle esperienze non elaborate. Da un lato, essere il regista gli consente di rimanere a distanza di sicurezza, pur avendo la libertà di esplorare le esperienze passate. In questo caso si può interpretare l’azione del bambino come un tentativo di auto-guarigione.

Sblocca i tuoi 50 crediti ECM in omaggio con i corsi FCP con ECM

Qui sta il potenziale creativo del gioco drammatico come piattaforma su cui le storie possono essere reinventate e riproposte. Simile a registi, sceneggiatori o altri artisti, il bambino esterna aspetti del suo mondo interno attraverso varie figure e assume i ruoli dei protagonisti per mostrare diverse modalità, diversi MODE.

Nella Schema Therapy il gioco è sfruttato per promuovere una modifica dello schema e la correzione dell’insieme delle modalità disfunzionali in bambini e adolescenti.

Schema Therapy per bambini e adolescenti esposti a deprivazioni e abusi emotivi traumatici
Schema Therapy per bambini e adolescenti esposti a deprivazioni e abusi emotivi traumatici. MasterClass con il Dr Christof Loose

Il gioco è uno spazio per sperimentare diverse modalità, un luogo per l’integrazione di parti dissociate. Giocare consente lo sviluppo di risposte alternative e adattive per soddisfare le esigenze emotive fondamentali attraverso prove ed errori. Le situazioni rilevanti dello schema possono essere investigate attraverso il gioco, piuttosto che evitate. Quando il bambino gioca mettendo in atto schemi di coping compensativi, il terapeuta mette in gioco alternative. Quando il bambino discute sulle proprie vulnerabilità, il terapista risponde con un comportamento simile a quella genitoriale ma limitato (come classicamente succede con gli adulti), fornendo protezione e assistenza.

Nella modalità dell’adulto maturo e premuroso possono trovare parole per quello che in precedenza non si riusciva a comunicare. Dovrebbero cercare attivamente l’accesso ai bambini vulnerabili o abbandonati durante la scena teatrale scegliendo il ruolo di un personaggio rassicurante, premuroso e educativo. Il terapista può rispondere al bambino arrabbiato nella scena teatrale e guidarlo verso un’appropriata espressione della rabbia, pur limitando le risposte aggressive proteggendo i materiali da gioco o le altre bambole.

Al bambino possono essere fornite esperienze emotive correttive nel gioco che facilitano l’indebolimento di alcuni schemi o modalità.

Figure minacciose, moleste o angoscianti sono indebolite e limitate nella loro azione (in alternativa all’uccisione o alla distruzione). Quindi, ad esempio, un drago malvagio può essere rinchiuso in un sacco, un mostro può essere reso immobile con una trappola e un fantasma può essere deriso, “Aiuto, ci sono delle persone e stanno ridendo di me…”. Gli animali vulnerabili possono suscitare cura e gentilezza, che sono quindi interiorizzati per aiutare a costruire l’autocompassione, “Mi prendo cura di questo coniglio, ho quindi bisogno di prendermi cura anche di me stesso.

Embeddiamo qui di seguito tre video ripresi dal canale SCHEMA TV, su YouTube

 

 

 

0 thoughts on “Il “MODE-Work” nella Schema Therapy con bambini e adolescenti

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>