L’impatto del Covid-19 sulle comunità di colore

L'impatto del Covid-19 sulle comunità di colore

I disastri come i recenti uragani e le emergenze sanitarie, come la pandemia di COVID-19, hanno portato a delle significative interruzioni in tutti i settori della vita pubblica e privata all’interno delle comunità. Quello che stiamo ripetutamente vedendo nelle crisi nazionali e i disastri è che le comunità più emarginate tra la popolazione sono state colpite in modo sproporzionato a livello fisico, emotivo, economico ed educativo. E sono le stesse comunità che stanno già vivendo i pericoli della povertà, del crimine, della disoccupazione, del razzismo e delle discriminazioni.

Questi determinanti sociali e sistemici della salute non sono considerati fattori di rischio per il COVID-19 come lo sono le malattie cardiovascolari, il diabete, le malattie respiratorie, l’ipertensione o il cancro(Adams, Katz, & Grandpre, 2020), nonostante siano fattori portatori di stress tossico. Gli stress sociopolitici, razziali e ambientali che le comunità di colore stanno vivendo sono incredibilmente aumentati durante la pandemia.

Il presente articolo, seppur focalizzato sulla realtà americana, offre diversi spunti e riflessioni facilmente contestualizzabili nel nostro Paese.

Covid-19 e comunità di colore

Nell’Aprile 2020, i Centri per il Controllo e la Prevenzione (CDC) hanno riportato i dati nazionali sui casi confermati di coronavirus per razza ed etnia (National Center for Immunization and Respiratory Diseases & the Division of Viral Diseases, 2020). I dati disponibili suggeriscono che il virus stia avendo un impatto sproporzionato sulle comunità di colore. Si registrano casi confermati per il 34% tra gli afroamericani, anche se gli afroamericani rappresentano solo il 13% della popolazione americana. Gli ispanici e i latini hanno proporzioni simili a livello nazionale.

Allo Zuckerberg San Francisco General Hospital, i latini costituiscono il 20-25% dei casi COVID-19 ospedalizzati e l’80% degli accessi in terapia intensiva nello stesso mese. Tuttavia, a livello nazionale, la razza e l’etnia non sono specificate nella maggior parte dei casi riportati dal CDC. Quando i nativi americani sono stati inclusi sono stati riportati come “altro” (Nagle, 2020). Quindi l’impatto sulla salute delle comunità di colore è nettamente peggiore di quanto riportato.

Sblocca i tuoi 50 crediti ECM in omaggio con i corsi FCP con ECM

Di conseguenza, un numero crescente di stati ha cominciato a riportare i dati su razza ed etnia per casi e mortalità. Al Mission District di San Francisco (California), uno studio epidemiologico è in corso un test su scala comunitaria per identificare al meglio i pattern di trasmissione e vulnerabilità all’interno di questo quartiere latino, che è stato fortemente colpito dalla pandemia (Chávez & Mark, 2020). Questo tipo di dati fornirà un’ulteriore panoramica dell’impatto del COVID-19 sulla salute pubblica nelle comunità di colore nel Paese (Resnick, Galea, & Sivashanker, 2020; Thebault, Tran, & Williams, 2020).

Comunità di colore negli USA e diseguaglianze

È molto probabile che le diseguaglianze precedentemente esistenti sono alla radice di questo impatto sproporzionato della pandemia sulle minoranze etniche negli Stati Uniti. Queste includono:

  • La diseguaglianza nell’accesso alla sanità, la qualità e la copertura sanitaria limitata per le famiglie non assicurate o poco assicurate;
  • Le disparità sanitarie, come i bassi tassi di vaccinazione o screening del cancro nelle comunità di colore, che forniscono un ulteriore fattore di predisposizione;
  • I fattori sociali preesistenti relativi alla salute e alle malattie croniche che portano alla vulnerabilità e allo sviluppo di gravi complicazioni e malattie correlate al COVID-19;
  • Lavori con salari bassi. Essi non permettono il lavoro da casa o un’adeguata implementazione delle distanze di sicurezza e che mandano di benefici delle assenze per malattia;
  • Il digital divide nell’accesso a internet e al Wi-Fi e hardware tecnologici insufficienti e/o all’accesso all’uso delle tecnologie. Ormai è diventato essenziale per i servizi di telesalute e per l’educazione remota dei bambini;
  • Assistenza ai bambini non accessibile e scuole con poche risorse dove i bambini non sono in grado di crescere;
  • Soprannumero nelle prigioni correttive o di immigrazione, dove il rischio di una rapida diffusione del virus è alto;
  • Concentrazione delle minoranze nelle aree urbane, con una maggiore probabilità di vivere in famiglie o case numerose.

Assistenza sanitaria negli USA

A differenza di molti paesi europei, gli Stati Uniti non hanno una politica unica sanitaria. Invece, hanno ospedali con garanzie legali e basi di valutazione per fornire assistenza sanitaria agli individui senza tener conto della loro condizione assicurativa. Gli ospedali con garanzia legale sono per definizione ospedali pubblici a disposizione delle comunità, dei migranti e di altri meno abbienti che sono pubblicamente assicurati o non assicurati. Il bisogno di una risposta rapida al COVID-19, inclusa la creazione e lo sviluppo della telesalute, è una sfida per molti ospedali pubblici e organizzazioni per la salute.

Tuttavia, la capacità di fornire assistenza agli adulti e i bambini bisognosi è ancora un problema. Specialmente durante quello che sarà un lungo periodo di riabilitazione dal COVID-19.

Il rischio psicologico per famiglie e bambini nelle comunità di colore

I bambini che fanno parte di queste comunità appartengono a famiglie che hanno un maggiore rischio di esposizione al coronavirus, di malattia e di disoccupazione (Belmonte, 2020). I loro genitori non sono in grado di lavorare da casa, non hanno dei benefici di congedo per malattia, o semplicemente hanno perso il loro lavoro o delle ore lavorative. La perdita traumatica combinata con le risorse diseguali è un fattore di rischio per il disturbo post-traumatico da stress (PTSD) e conseguenze a lungo termine sulla salute fisica e mentale

L’esposizione a esperienze traumatiche multiple e all’ingiustizia sociale sono delle passività mediche e psicologiche per le comunità meno abbienti e per le persone di colore.

La perdita costante di una generazione di anziani a causa del COVID-19 è un’altra fonte dolorosa di dolore e lutto per le famiglie. Tutto ciò è un fattore di stress multigenerazionale che sfida i genitori a mantenere una regolazione emotiva (Gavidia-Payne, Denny, Davis, Francis, & Jackson, 2015), che è un cuscinetto necessario per i bambini che vivono già un rischio elevato di PTSD e disturbi relativi al trauma rispetto agli adulti (Herringa, 2017).

Esiste una stretta relazione tra l’esposizione al trauma, lo stress tossico e il rischio di conseguenze pervasive sulla salute mentale in età adulta. C’è bisogno perciò di una risposta focalizzata contro il COVID-19. Soprattutto per i giovani delle minoranze etniche che stanno già affrontando un rischio elevato. Sfortunatamente, la maggior parte delle scuole e delle comunità sono in generale impreparate a rivolgersi totalmente ai bisogni psicologici. E le scuole frequentate dalle comunità meno abbienti non hanno risorse. Sebbene ci siano molte scuole con missioni dedicate e con insegnanti compassionevoli a servizio degli studenti, le risorse necessitano un investimento societale.

Collaborazione per uscire dalla crisi da Covid-19

Le comunità e le collaborazioni tra settori saranno importanti per sostenere una risposta efficace alla crisi del COVID-19:

  • Promuovendo l’integrazione;
  • Enfatizzando il rispetto, il ragionamento e la leadership per dare forza a queste comunità per comportarsi in modo da rivolgersi ai bisogni comunitari;
  • Costruendo nella comunità e nelle istituzioni accademiche la capacità di partnership;
  • Creando ambienti e relazioni nelle scuole e negli altri ambienti comunitari (anche se virtuali) che aiutino i bambini a sviluppare attitudini di autocontrollo, relazionali e di problem solving, e il coinvolgimento nelle attività positive;
  • Promuovendo le competenze genitoriali, relazioni positive con i coetanei, ambienti comunitari positivi (che includano l’eliminazione delle esperienze razziste e xenofobe) e le opportunità economiche per le famiglie.
Articolo liberamente tradotto e adattato. Fonte: Fortuna, L. R., Tolou-Shams, M., Robles-Ramamurthy, B., & Porche, M. V. (2020). Inequity and the disproportionate impact of COVID-19 on communities of color in the United States: The need for a trauma-informed social justice response. Psychological Trauma: Theory, Research, Practice, and Policy, 12(5), 443-445. http://dx.doi.org/10.1037/tra0000889

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>