La “classica” teoria dell’attaccamento applicata al contesto sportivo

Autore: Sergio Costa
Sono uno psicologo di Roma specializzato nella psicologia dello sport, grazie a diversi Master e Corsi sulle tematiche dell'integrazione ... Leggi la Bio
teoria dell'attaccamento

La teoria dell’attaccamento di Bowlby (1973; 1982) propone che gli individui sono biologicamente predisposti a formare legami selettivi ed entrare in interazione sociale con figure di cura prossimali come i genitori.

Dalla nascita, questo processo di interazione sociale si sviluppa gradualmente in risposta ai comportamenti di attaccamento dei bambini, come cercare la vicinanza o attirare l’attenzione con sorrisi o pianti per costruire una relazione di attaccamento tra il bambino e il “caregiver”.

L’attaccamento sicuro

Un attaccamento sicuro si costruisce quando una figura di attaccamento (p. es., madre o padre) riflette funzioni come il mantenimento della prossimità (cioè il desiderio di essere vicino), la creazione di un rifugio e di una base sicura (proteggendolo dalle minacce e permettendogli di esplorare il contesto) (Bowlby, 1988; Carr, 2013).

Il mantenimento della prossimità con i genitori è essenziale per il mantenimento e il ripristino della sicurezza, ed include i modelli cognitivi, affettivi e comportamentali stimolati dalla reattività e dalla sensibilità dei caregiver al desiderio innato di prossimità del bambino (Bowlby, 1973).

Quando i legami di attaccamento tra un genitore e un bambino sono sicuri, il genitore fornisce sensibilità, reattività e disponibilità ai bisogni dei propri figli (Bowlby, 1988). Esperienze ripetute di cura e attaccamento durante l’infanzia e l’adolescenza sviluppano gradualmente un sistema cognitivo, affettivo e comportamentale noto come modello di lavoro interno (Carr, 2009; Duchesne & Larose, 2007).

Sblocca i tuoi 50 crediti ECM in omaggio con i corsi FCP con ECM

Un modello di lavoro interno sicuro consente ai bambini di giudicare la propria autostima e di valutare la figura di attaccamento come fonte di conforto disponibile in caso di disagio (Carr, 2009; Duchesne & Larose, 2007). Questo attaccamento sicuro a sua volta promuove i bisogni psicologici di base come la competenza, l’autonomia e la relazione (Carr, 2013; La Guardia et al., 2000).

La teoria dell’attaccamento nello sport

Nello sport le caratteristiche dell’attaccamento tra genitori e atleti sono state studiate da Felton e Jowett (2013). Questi studiosi hanno esaminato come la sicurezza dell’attaccamento con i genitori, mediata dalla soddisfazione dei bisogni psicologici di base, ha influenzato il concetto di sé delle prestazioni degli atleti e il benessere psicologico e soggettivo.

I loro risultati hanno mostrato che gli stili di attaccamento insicuro erano correlati negativamente alla soddisfazione dei bisogni fondamentali dei genitori. Questi risultati supportano l’idea che la qualità delle relazioni di attaccamento non solo influenzi la motivazione e le prestazioni degli atleti, ma anche il loro benessere (Felton & Jowett, 2013), contribuendo alla costruzione dell’autostima (Kang et al. al., 2015).

La base sicura nella teoria dell’attaccamento

Inoltre, fornire una base sicura è di particolare importanza per gli atleti che affrontano situazioni di cambiamento (ad esempio, essere selezionati per una competizione o giocare in una nuova squadra), fornendo ulteriore conforto, nutrimento e rassicurazione quando le cose potrebbero non andare bene. Si potrebbe anche cercare un rifugio sicuro per facilitare la risoluzione dei problemi, alleviare il disagio e ripristinare la sicurezza, per poi ripartire con l’esplorazione, questo permetterà all’atleta di capire che il genitore c’è ed è disponibile quando necessario (Bowlby, 1988; Feeney, 2004).

Di conseguenza, la teoria dell’attaccamento di Bowlby mostra come, attraverso le loro interazioni con i genitori, gli atleti possono costruire un modello di lavoro interno che influenzerà successivamente il modo in cui percepiscono se stessi e gli altri, malgrado si sviluppi e cambi continuamente anche nel corso della vita (Dizdari & Seiler, 2020; Felton & Jowett, 2017; Lai & Carr, 2019).

 

Sei stanco delle “classiche” teorie psicologiche?

Vorresti capire come strutturare degli incontri personalizzati con i genitori nello sport?

Scopri e acquista il corso:

Il ruolo dei Genitori nel contesto sportivo e non solo. Uno strumento pratico per lavorarci al meglio

 

Sergio Costa

Psicologo dello Sport

PhD in Neuroscienze, Imaging e Scienze Cliniche

Preparatore Mentale FIT

https://www.sergiocostapsicologosport.com/

 

BIBLIOGRAFIA

Bowlby, J. (1973). Attachment and loss: Separation, anxiety, and anger (Vol. 2). Basic Books.

Bowlby, J. (1982). Attachment and loss: Attachment (2nd ed, Vol. 1). Basic Books.

Bowlby, J. (1984). Attachment and loss: Loss-sadness and depression (Vol. 3). Basic Books.

Bowlby, J. (1988). A secure base: Parent-child attachment and healthy human development. Basic Books.

Carr, S. (2009). Implications of attachment theory for sport and physical activity research: Conceptual links with achievement goal and peer-relationship models. International Review of Sport and Exercise Psychology, 2(1), 95–115.

Carr, S. (2013). Attachment in sport, exercise and wellness. Routledge.

Dizdari, H., & Seiler, R. (2020). Key players in sport teams. An exploratory study on the effects of attachment styles on intra-team relational networks. Psychology of Sport and Exercise, 51, 101798.

Duchesne, S., & Larose, S. (2007). Adolescent parental attachment and academic motivation and performance in early adolescence. Journal of Applied Social Psychology, 37(7), 1501–1521.

Harter, S. (1978). Effectance motivation reconsidered. Toward a developmental model. Human Development, 21, 34–64.

Kang, S., Jeon, H., Kwon, S., & Park, S. (2015). Parental attachment as a mediator between parental social support and self-esteem as perceived by korean sports middle and high school athletes. Perceptual and Motor Skills, 120(1), 288–303.

La Guardia, J. G., Ryan, R. M., Couchman, C. E., & Deci, E. L. (2000). Within-person variation in security of attachment: A self-determination theory perspective on attachment, need fulfillment, and well-being. Journal of Personality and Social Psychology, 79(3), 367–384.

Lai, Y.-H., & Carr, S. (2019). Is Parental Attachment Security Contextual? Exploring Context-Specific Child–Parent Attachment Patterns and Psychological Well-Being in Taiwanese Youths. Journal of Research on Adolescence, n/a(n/a).

Maccoby, E. E. (1992). The role of parents in the socialization of children: An historical overview. Developmental Psychology, 28(6), 1006–1017.

Ntoumanis, N. (2001). Empirical links between achievement goal theory and self-determination theory in sport. Journal of Sports Sciences, 19(6), 397–409.

Ryan, R. M., & Deci, E. L. (2017). Self-determination theory: Basic psychological needs in motivation, development, and wellness. Guilford Publications

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>