La Fototerapia: esplorare i segreti delle Istantanee personali nella pratica clinica

fototerapia

Fototerapia: Le vite segrete celate negli scatti personali e nelle fotografie di famiglia

Ogni foto che una persona scatta o conserva è anche un tipo di autoritratto, una sorta di “specchio con memoria” che riflette indietro quei momenti e quelle persone che sono stati abbastanza speciali da essere congelati nel tempo per sempre. Collettivamente, queste foto rendono visibili le storie in corso della vita di quella persona, servendo come impronte visive che segnano dove sono stati (emotivamente, così come fisicamente) e forse anche segnalando dove potrebbero essere diretti.

Anche le loro reazioni a cartoline, foto di riviste e istantanee scattate da altri possono fornire indizi illuminanti sulla loro vita interiore e i suoi segreti. Il significato reale di qualsiasi fotografia sta meno nei suoi fatti visivi e più in ciò che questi dettagli evocano nella mente (e nel cuore) di ogni spettatore. Mentre guardano un’istantanea, le persone creano spontaneamente il significato che pensano provenga da quella foto stessa, e questo può essere o meno il significato che il fotografo intendeva originariamente trasmettere.

Quindi, il suo significato (e il suo “messaggio” emotivo) dipende da chi sta guardando, perché le percezioni e le esperienze di vita uniche delle persone inquadreranno sempre automaticamente – e definiranno effettivamente – ciò che vedono come reale. Perciò, le reazioni delle persone alle fotografie che ritengono speciali possono effettivamente rivelare molto su se stesse, se solo vengono poste le giuste domande.

 

Come i terapeuti usano le foto per aiutare le persone a guarire

Poiché le istantanee personali registrano permanentemente importanti momenti quotidiani (e le emozioni associate inconsciamente incorporate in questi), possono servire come ponti naturali per accedere, esplorare e comunicare su sentimenti e ricordi (inclusi quelli profondamente sepolti o dimenticati da tempo), insieme a qualsiasi problema psicoterapeutico che questi portano alla luce.

Sblocca i tuoi 50 crediti ECM in omaggio con i corsi FCP con ECM

Le foto dei clienti sono tangibili auto-costruzioni simboliche e oggetti metaforici di transizione, che offrono loro silenziosamente una “visione” interiore su cose che sono meno consapevolmente evidenti o verbalmente accessibili. Sotto la guida di un terapeuta addestrato nelle tecniche della PhotoTherapy, i pazienti esplorano ciò che le foto personalmente significative per loro e gli album di famiglia riguardano emotivamente, oltre a ciò che sono visivamente.

Tali informazioni sono latenti in tutte le foto personali, ma quando possono essere usate per focalizzare e incoraggiare il dialogo terapeutico, di solito ne risulta una connessione più diretta e meno censurata con l’inconscio. Durante le sessioni di PhotoTherapy, le foto non sono solo oggetto di una riflessione passiva in silenziosa contemplazione, ma anche attivamente create, messe in posa, discusse, ascoltate, ricostruite, riviste per formare o illustrare nuove narrazioni, ri-visualizzate nella memoria o nell’immaginazione, integrate in espressioni di arteterapia, o anche messe in dialogo animato con altre foto.

Questo permette ai pazienti di raggiungere, capire ed esprimere meglio parti di loro stessi in modi che le parole da sole non possono rappresentare o decostruire completamente.

 

Le tecniche di Fototerapia

Come le dita di una mano, le cinque tecniche di Fototerapia sono correlate e interdipendenti. Funzionano meglio quando sono combinate sinergicamente. La Fototerapia non consiste nell’interpretare le foto delle persone per loro; invece, l’input dovrebbe sempre venire dal paziente, guidato dalle domande del terapeuta stimolate dalle foto, mentre entrambi esplorano l’immagine (e il suo impatto emotivo) insieme.

Quando i pazienti discutono gli strati di significati contenuti nelle loro fotografie, rivelano anche molto su se stessi: il loro sistema di valori interni, le credenze, gli atteggiamenti e le aspettative che accompagnano inseparabilmente le loro parole. Questi. codici non verbali contengono importanti indizi su come le persone danno un senso al loro mondo (e al loro posto all’interno di. esso).

Fare le foto, o portarle alla sessione di terapia, è solo l’inizio – una volta che la foto può essere vista, il passo successivo è quello di attivare. tutto ciò che porta alla mente (esplorando i suoi messaggi visivi, entrando in dialogo con essa, ponendole domande, considerando i. risultati di cambiamenti immaginati o punti di vista diversi, e così via).

Pertanto, ciò che per i fotografi è di solito un punto finale (la foto finita) è, ai fini della Fototerapia, solo l’inizio…

Il ruolo primario del terapeuta è quello di incoraggiare e sostenere le scoperte personali dei pazienti mentre esplorano e. interagiscono con le normali foto personali e familiari che vedono, raccolgono, ricordano, o anche solo immaginano.

Ognuna delle cinque tecniche di Fototerapia è basata su uno o più dei seguenti tipi di fotografie, anche se in pratica queste categorie spesso si sovrappongono naturalmente:

1) Foto scattate o create dal paziente (sia usando effettivamente una macchina fotografica per creare l’immagine, sia “prendendo”. (appropriandosi) di immagini di altre persone attraverso la raccolta di foto “trovate” da riviste, cartoline, immagini Internet, manipolazione. digitale, e così via).

2) Foto scattate al paziente da altre persone (sia in posa di proposito o catturate spontaneamente senza saperlo).

3) Autoritratti, che significa qualsiasi tipo di foto che i pazienti hanno fatto di se stessi, sia letteralmente che metaforicamente (ma in tutti i casi, queste sono foto di pazienti in cui loro stessi hanno avuto il pieno controllo e potere su tutti gli aspetti della creazione dell’immagine).

4) Album di famiglia e altre collezioni foto-biografiche (sia della famiglia di nascita che della famiglia di scelta; sia formalmente. conservate in album o più “vagamente” combinate in narrazioni attraverso la collocazione sui muri o sulle porte dei frigoriferi, all’interno di. portafogli o cornici per la scrivania, negli schermi dei computer o nei siti web di famiglia, e così via).

5) “Foto-proiezioni”, che fanno uso del fatto (fenomenologico) che il significato di qualsiasi foto è principalmente creato da chi la guarda. durante il suo processo di percezione.

Guardare qualsiasi tipo di immagine fotografica, questa produce percezioni e reazioni che sono proiettate dalla mappa interiore della. realtà dello spettatore che determina il modo in cui dà senso a ciò che vede. Pertanto, questa tecnica non si trova in un particolare tipo di. fotografia, ma piuttosto nell’interfaccia meno tangibile tra una foto e il suo spettatore (o creatore), il “luogo” dove ogni persona. forma le proprie risposte uniche a ciò che vede.

Come molti approcci olistici, la Fototerapia soffre un po’ del fatto di dover essere smontata per essere studiata in un qualsiasi ordine. graduale, quando in realtà ogni tecnica è parzialmente formata da, e si sovrappone a, diverse altre. Perciò, l’applicazione più efficace di queste tecniche si verificherà quando sono combinate in modo creativo – perché esse comprendono un sistema integralmente. interconnesso che è molto più utile come un tutto, che in qualsiasi somma lineare delle sue parti.

 

Fototerapia – Il quadro generale

Poiché la Fototerapia coinvolge le persone che interagiscono con le loro uniche costruzioni visive della realtà (usando la fotografia più come. un verbo attivante che come un sostantivo passivo/riflessivo), queste tecniche possono essere particolarmente efficaci con persone. per le quali la comunicazione verbale è fisicamente, mentalmente o emotivamente limitata, socioculturalmente. emarginata, o in situazioni inappropriate a causa dell’incomprensione dei segnali non verbali.

Inoltre, poiché la Fototerapia riguarda la fotografia come comunicazione piuttosto che la fotografia come arte, non è richiesta alcuna. esperienza precedente con le macchine fotografiche per un uso terapeutico efficace. Man mano che il pubblico in generale diventa. sempre più compentente con l’uso della tecnologia elettronica e delle immagini digitali, sorgono possibilità più ampie per l’uso delle. foto come strumenti di consulenza con i pazienti che hanno scanner, fotocamere digitali, software di manipolazione delle foto, siti. web familiari, e/o coloro che sono in grado di partecipare alla terapia online.

 

I vantaggi della fototerapia nella pratica clinica:

In sintesi, poiché la Fototerapia è un insieme di tecniche flessibili, piuttosto che direttive fisse basate solo su una specifica modalità teorica o paradigma terapeutico, può essere utilizzata da qualsiasi terapeuta addestrato, indipendentemente dal suo orientamento concettuale, modello di intervento preferito o approccio teorico, o grado di familiarità precedente con la fotografia stessa. Fare una buona terapia, e farla bene, è di per sé un’arte, che ha bisogno di quanti più strumenti di intervento possibile per aiutare un paziente nel modo più vantaggioso per lo stesso.

 

Ti è piaciuto l’articolo? DICCI LA TUA!

Hai appena letto quali possono essere le applicazioni della fototerapia all’interno della pratica clinica.

Hai mai utilizzato la fotografia all’interno dei tuoi interventi? Condividi la tua esperienza professionale!

Quali pensi possano essere ulteriori vantaggi di questa tecnica?

😀 Condividi con noi la tua esperienza, lasciandoci un commento nel box qui sotto ⤵️

 

Vuoi saperne di più su come applicare la fotografia ai tuoi interventi?

▶️CLICCA QUI e scopri SUBITO il nostro nuovo corso:

La PhotoTherapy nella pratica clinica: autoritratto, sogno e narrazione di sé

La PhotoTherapy

Articolo liberamente tradotto e adattato. Fonte: Weiser, Judy. (2018). PhotoTherapy Techniques: Exploring the Secrets of Personal Snapshots and Family Albums. 10.4324/9780429478291. 

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>