Le Arti Espressive Sostengono la Neurodiversità

Cathy A. Malchiodi, PhD, ATR-BC, LPCC, LPAT, REAT, è un'arteterapeuta espressiva e arteterapeuta che ha trascorso oltre 30 anni lavorando con persone con stress traumatico e studiando come le arti su...
arti espressive - neurodiversità

Come e perché la terapia delle arti espressive è una forma di psicoterapia che supporta un modello di pratica che favorisce la neurodiversità?

Le pratiche e i modelli di neurodiversità o “neuroaffermativi” sottolineano l’esistenza di una diversità nella cognizione, nelle emozioni, nel comportamento, nei sensi e nell’essere umano.

Il termine neurodiversità è emerso per la prima volta negli anni ’90, quando Judith Singer lo ha utilizzato per descrivere le variazioni naturali nello sviluppo del cervello umano che si traducono in differenze nel comportamento, nella cognizione, negli affetti, nella percezione e nella comunicazione (Singer, 2017). Oltre al concetto di neurodiversità, oggi vengono comunemente utilizzati altri termini, come neurotipico e neuronormativo, due parole che suggeriscono che ci sono tipi di cervello che possono essere più “normali” a causa della maggiore frequenza nella popolazione generale.

Per quanto riguarda la definizione di neurodiversità, c’è ancora molto dibattito su quali “neurotipi” siano esattamente inclusi. Gli esperti concordano sul fatto che l’autismo e l’ADHD rientrano nella definizione. Ma altri ritengono che categorie come il trauma dello sviluppo, il disturbo da stress post-traumatico, l’ansia e la depressione, e persino condizioni mediche come la paralisi cerebrale o l’epilessia, debbano essere considerate neurodivergenti perché comportano caratteristiche identificabili nel funzionamento del cervello.

Come psicoterapeuta interessata alle strategie di neuroaffermazione per sostenere persone di tutte le età, sono particolarmente incuriosita da come gli approcci non verbali e impliciti possano essere utili. Mentre la psicoterapia si concentra in genere sulla comunicazione attraverso il linguaggio e approcci prevalentemente cognitivi, la maggior parte degli individui neurodiversi richiede strategie diverse. Gli approcci espressivi e sensoriali sono un modo per sostenere i punti di forza e le preferenze degli individui quando si tratta di neurodiversità.

Sebbene la terapia delle arti espressive sia un campo complesso, quando si parla di neurodiversità ci sono tre concetti rilevanti:

  1. l’espressione e la comunicazione non verbale e implicita;
  2. l’espressione attraverso molteplici sensi;
  3. la priorità delle capacità rispetto alla patologia.

Esprimere per affrontare

La psicoterapia tradizionale è generalmente guidata dal linguaggio e prevede strategie e interventi che dipendono dalla verbalizzazione. Ma quando si tratta di individui neurodivergenti, la sola parola può non essere l’approccio migliore per vari motivi. Infatti, per molte persone neurodivergenti, la verbalizzazione può essere quanto meno frustrante e spesso impossibile. Quando le parole sono difficili o non disponibili, le possibilità non verbali delle esperienze espressive sono essenziali.

Daniel Siegel ha coniato l’espressione “dargli un nome per domarlo” quando si tratta di affrontare le sfide emotive. Tuttavia, nella maggior parte dei casi i bambini non hanno il linguaggio per “nominarlo”. Nella mia esperienza con i sopravvissuti ai traumi, individui di tutte le età possono avere difficoltà con le parole per esprimere le loro sensazioni, emozioni e ricordi, in particolare quando il trauma è cronico o complesso.

La mia risposta all’ampliamento dell’accessibilità è un cambio di corsia nella comunicazione. “Esprimerlo per affrontarlo” apre possibilità meno esasperanti, più soddisfacenti e accessibili, e in ultima analisi sostiene l’auto-agenzia. In altre parole, quando non abbiamo parole per trasmettere le nostre esperienze, semplicemente non siamo in grado di “dargli un nome per domarlo”.

Il cambiamento avviene

Nella terapia delle arti espressive, gli operatori adottano un approccio integrativo basato sulle arti per lavorare con le persone. In altre parole, piuttosto che introdurre una forma d’arte come il disegno o il movimento, il terapeuta invita a una combinazione mirata di esperienze espressive. Anche se l’individuo può rispondere o preferire una forma d’arte a un’altra, l’obiettivo è fornire opportunità di espressione attraverso più sensi. Questo è ciò che viene chiamato “spostamento intermodale” o, come mi piace dire, “lo spostamento avviene” (Malchiodi, 2023).

Questo è un concetto importante nel lavoro con gli individui che si identificano come neurodiversi. Offre l’opportunità di comunicare attraverso una varietà di percorsi impliciti ed espliciti: ritmo, suono, immagine, movimento, enactment, gesto e vocalizzazione, per citarne alcuni. Spesso è attraverso questo spostamento che gli individui trovano una forma risonante di trasmettere sensazioni, emozioni e pensieri in modo risonante, perché le esperienze del corpo sono centralizzate piuttosto che le sole parole.

Questo spostamento strategico ha un altro scopo. Aiuta gli individui a differenziare uno stato affettivo, sensoriale o cognitivo da un altro attraverso il coinvolgimento del corpo in un modo orientato all’azione. Gli approcci alla psicoterapia basati sulle parole non sono generalmente in grado di cogliere questi spostamenti. Tuttavia, l’introduzione del movimento, del ritmo, del suono, della creazione di immagini, del gioco e/o della messa in scena sono collegati all’elaborazione sensoriale: l’interocettività, l’esterocettività, la propriocezione, il funzionamento vestibolare e la sicurezza gravitazionale.

Questo supporta la consapevolezza del senso interno (interocezione) e le esperienze di gusto, tatto, udito, vista e olfatto (esterocettività). Il movimento, il ritmo e la messa in scena portano alla consapevolezza del mondo circostante (propriocezione) e della nostra stabilità all’interno dell’ambiente (funzione vestibolare e sicurezza gravitazionale). L’elaborazione e l’integrazione sensoriale spesso non vengono prese in considerazione nella psicoterapia basata sul linguaggio, ma sono molto importanti per il mondo di un individuo neurodiverso.

La terapia delle arti espressive si concentra sulle capacità

Quando si tratta di introdurre la terapia delle arti espressive a qualsiasi individuo, la mia attenzione si è sempre concentrata sulla capacità. Le arti non sono espressioni, catarsi o manifestazioni di patologie o disturbi; esistono per trasformare, rivelare e guarire. Gli esseri umani hanno applicato le arti all’interno di cerimonie, rituali e procedure per migliaia di anni come rimedio per l’angoscia, il trauma, la crisi e la perdita (Malchiodi, 2020; 2022).

In “Traumatic Stress and the Circle of Capacity“, ho proposto un modello alternativo al popolare modello della “Finestra di tolleranza” (Siegel, 2009) utilizzato da molti specialisti del trauma.

Invece di insegnare agli individui come aumentare la loro finestra di tolleranza per l’iperattivazione o l’iperarousal, gli approcci espressivi e sensoriali ci incoraggiano ad aumentare le capacità di regolazione e di resilienza, nonché la gioia, il divertimento, la curiosità e la giocosità. In particolare, la terapia delle arti espressive fornisce momenti reali di auto-agency, fiducia e padronanza identificabili, qualcosa che le parole da sole non possono fornire e che spesso non sono al centro della maggior parte degli approcci psicoterapeutici.

Credo che aiuti naturalmente i terapeuti ad allontanarsi dai modelli basati sulla conformità che enfatizzano la modifica del comportamento. Si tratta di un cambiamento psicoterapeutico che porta a sostenere veramente gli individui come partecipanti responsabili della propria salute e del proprio benessere.

 

Un modello di affermazione della neurodiversità sottolinea che siamo in continuo apprendimento

Ciò che mi piace di più come operatore espressivo è offrire a persone di tutte le età modi di comunicare che siano autentici, risonanti e accessibili. Ma nonostante decenni di utilizzo e sviluppo di questi approcci, so ancora di dover imparare costantemente da coloro che si identificano come neurodivergenti.

Come psicoterapeuti, la maggior parte di noi ha imparato modelli medici che implicano un linguaggio carico di patologia, in particolare quando si tratta della prevalenza di “disturbi” e “disabilità” all’interno del sistema di salute mentale. Al contrario, i modelli di pratica neuroaffermativi ci incoraggiano a riflettere continuamente sui nostri approcci. So che sto ancora evolvendo le mie capacità in questo campo. Allo stesso modo, sono incoraggiata da come le strategie espressive migliorino le capacità, la comunicazione e l’empowerment. Esse hanno il potenziale per essere forme di trasformazione, riparazione e restauro a favore della neurodiversità per tutti gli individui quando le parole non sono sufficienti.

 

Autore: Cathy Malchiodi, su PsychologyToday.com, “Expressive Arts Are Neurodiversity-Affirming

Articoli correlati

Disturbi dell'Umore / Depressione
Effetti dello Yoga e della Meditazione sulla Depressione
Lo yoga è una pratica complessa che comprende consigli per uno stile di vita etico, attività...

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>