Madri con Disturbo Borderline (BPD): analisi delle implicazioni e suggerimenti di intervento

BPD

Il disturbo borderline di personalità (BPD) è caratterizzato da un pattern di relazioni intense e tempestose, rabbia incontrollabile,. scarso controllo degli impulsi, instabilità affettiva, disturbi dell’identità e cognitivi e comportamenti suicidari ricorrenti. È probabile che gli. individui con BPD affrontino una serie di esiti negativi, tra cui una scarsa risposta al trattamento e scarsi risultati sociali,. professionali e accademici (Bagge et al., 2004; Bender et al., 2001; Skodol et al., 2002).

La vita quotidiana di chi soffre di questo disturbo è legata ad alti livelli di sofferenza, che spesso persiste anche dopo che i sintomi di. impulsività e comportamenti suicidari scompaiono (Zanarini, Frankenburg, Hennen, & Silk, 2003). In ambito clinico, il 75% di coloro che. hanno una diagnosi di BPD sono donne (Skodol & Bender, 2003).

È probabile che un gran numero di donne con BPD siano anche madri, il che, se combinato con le vaste menomazioni funzionali. associate a questo disturbo, rappresenta un problema di enorme interesse pubblico. Pertanto, è in qualche modo sorprendente che gli effetti della BPD materna sui bambini siano stati al centro di poca attenzione empirica o sforzi di sviluppo del trattamento.

Dato che la genitorialità ha un impatto sia sulla madre che sul bambino, riteniamo che lo sviluppo di un intervento genitoriale. specifico per questa popolazione ad alto rischio sia uno sforzo particolarmente importante.

Questo articolo intende rivedere i meccanismi genitoriali che potrebbero spiegare la. trasmissione della vulnerabilità psicosociale dalle madri con BPD alla loro prole, dall’infanzia all’adolescenza.

Sblocca i tuoi 50 crediti ECM in omaggio con i corsi FCP con ECM

  1. Per prima cosa esaminiamo i modelli di interazione gene-ambiente per spiegare la trasmissione transgenerazionale del disturbo.
  2. In secondo luogo, esaminiamo le prove che suggeriscono che i figli di madri con BPD dovrebbero essere considerati un gruppo ad alto. rischio data l’ampia gamma di scarsi risultati psicosociali che sono stati trovati in questi bambini.
  3. Successivamente, evidenziamo le pratiche genitoriali che possono spiegare la trasmissione con un focus su particolari. meccanismi genitoriali che potrebbero essere particolarmente rilevanti per le madri con BPD attraverso le tappe fondamentali dello sviluppo.
  4. Infine, discutiamo le implicazioni per gli interventi con le diadi madre-bambino e forniamo raccomandazioni sui punti di. intervento per questa popolazione.

 

Trasmissione transgenerazionale della BPD

Ci sono buone prove per la trasmissione transgenerazionale di questo disturbo (per una revisione, vedere White, Gunderson, Zanarini, &. Hudson, 2003).

Ad esempio, studi familiari che valutano i tassi di diagnosi di BPD e tratti correlati nei parenti di primo grado hanno riscontrato un. aumento da 4 a 20 volte della prevalenza o del rischio di morbilità per BPD rispetto alla popolazione generale (p. Es.,. Barnow, Spitzer, Grabe, Kessler, & Freyberger, 2006; Zanarini, Gunderson, Marino, Schwartz e Frankenburg, 1988).

La ricerca supporta un’aggregazione familiare ancora più forte delle caratteristiche fondamentali della BPD, vale a dire instabilità affettiva e impulsività, rispetto al disturbo completamente diagnosticato (Silverman et al., 1991). È stato riscontrato che queste caratteristiche si. aggregano separatamente, suggerendo che possono essere ereditate indipendentemente. Data l’aggregazione familiare di questi tratti. nella BPD, non sorprende che i genitori con BPD siano anche a maggior rischio di disturbi psichiatrici correlati, tra cui. Disturbo Depressivo Maggiore (MDD), Disturbi da Uso di Sostanze e Disturbo Antisociale di Personalità (Riso, Klein , Anderson, &. Ouimette, 2000; Schulz, Soloff, Kelly, Morgenstern, Franco, & Schulz, 1989; Zanarini et al., 1988).

La trasmissione genetica del BPD

Dato l’elevato tasso di trasmissione familiare con il disturbo e le caratteristiche associate, la prole di genitori con BPD può ereditare geni. che li predispongono a un temperamento difficile, reattività emotiva e/o impulsività. Gli studi sui gemelli offrono prove per la trasmissione genetica della BPD.

In un ampio campione multinazionale di gemelli adulti basato sulla comunità, Distel e colleghi (2007) hanno riportato una stima di. ereditabilità del 42% per le caratteristiche BPD.

Torgensen (2000) ha riportato una stima di ereditabilità molto più alta del 69% per la diagnosi di BPD in un campione gemello. relativamente piccolo di partecipanti adulti indirizzati alla clinica.

La discrepanza nelle stime di ereditabilità è probabilmente dovuta alle differenze nella dimensione del campione e nell’accertamento del. campione tra i due studi. Inoltre, le influenze genetiche possono essere più forti per gli individui con forme più estreme del. disturbo (cioè, quelli che sono riferiti clinicamente e portano la diagnosi).

L’interazione gene-ambiente per il BPD

Pertanto, i risultati dello studio basato sulla popolazione suggeriscono un’influenza relativamente forte per esperienze ambientali sia. genetiche che uniche nel tenere conto della variazione nelle caratteristiche della BPD. I modelli di interazione gene-ambiente dimostrano. l’importanza dell’ambiente sociale unico di un individuo nel moderare gli effetti dei geni sullo sviluppo della psicopatologia e altri. risultati disadattivi (Cacioppo, Berntson, Sheridan e McClintock, 2000).

La genitorialità funge da importante contesto ambientale per la prole di madri con BPD. I modelli teorici (Fruzzetti, Shenk e Hoffman, 2005;. Linehan, 1993) ipotizzano che le esperienze genitoriali invalidanti interagiscano con le vulnerabilità genetiche di un. bambino per metterlo a rischio di esiti psicosociali poveri, tra cui BPD e psicopatologia correlata.

I bambini con una reattività emotiva inferiore possono avere maggiori probabilità di mantenere un rapporto genitore-figlio positivo. perché i loro caregiver sono disposti a rispondere positivamente alle loro espressioni emotive. Al contrario, le relazioni negative genitore-figlio possono esacerbare sia i sintomi di interiorizzazione che di esternalizzazione nei giovani che sono già emotivamente. disregolati (Feinberg et al., 2007; Huh, Tristan, Wade e Stice, 2006).

Una genitorialità calda e accogliente può proteggere un bambino da esiti negativi associati a vulnerabilità genetiche e fisiologiche (Eley et al., 2004). In alternativa, i bambini con determinati fattori genetici e fisiologici possono essere protetti dagli effetti di ambienti sociali. caratterizzati da abuso, abbandono e conflitto (Kaufman et al., 2006).

Evidenze empiriche sulle sfide nella genitorialità e BDP

Sebbene sia impossibile modificare le vulnerabilità genetiche di un bambino, le pratiche genitoriali possono essere modificate e. quindi offrire un contesto ambientale maturo per l’intervento. Diverse linee di evidenza suggeriscono che le persone con BPD. dovrebbero affrontare maggiori sfide nella genitorialità, che potrebbero avere un effetto deleterio sullo sviluppo del bambino.

1)

In primo luogo, Hobson e colleghi (1998) hanno dimostrato che gli individui con BPD mostravano una relazione disfunzionale momento per momento con uno psicoterapeuta, inclusa ostilità e scambi intensi, idealizzanti e svalutanti rispetto agli individui con distimia. Se questi. modelli di interazione sono tipici tra le madri con BPD e i loro figli, l’impatto sullo sviluppo socio-emotivo del bambino sarebbe. sostanziale.

2)

In secondo luogo, gli individui con BPD tendono ad avere stili di attaccamento classificati come disorganizzati e irrisolti (Levy,. 2005). Questi stili di attaccamento possono influenzare il modo in cui una madre si relaziona a suo figlio. In particolare, le madri. con traumi irrisolti possono relazionarsi al loro bambino in un modo che oscilla tra ostilità e passività (Main & Hesse, 1990).

L’evidenza suggerisce che la BPD materna influisce sull’affetto del bambino e sui primi marcatori delle capacità di regolazione di sé. e delle emozioni (Crandell, Patrick, & Hobson, 2003; Hobson, Patrick, Crandell, Garcı´a-Pe´rez, & Lee, 2005; Newman, Stevenson,. Bergman e Boyce, 2007).

In sintesi, i risultati degli scambi interpersonali momento per momento e delle strategie di attaccamento evidenziano che gli stili genitoriali. che oscillano tra il controllo ostile e comportamenti passivi e svalutanti possono portare a una scarsa regolazione nei neonati tra le. madri con BPD. Sulla base della teoria biosociale (Linehan, 1993), le madri con BPD possono creare inavvertitamente questi ambienti. invalidanti per i propri figli modellando le strategie dei genitori. In effetti, queste strategie genitoriali possono essere. “tramandate” di generazione in generazione.

Cosa caratterizza i bambini di madri con BPD?

Nonostante le prove epidemiologiche riguardanti l’ereditabilità delle caratteristiche BPD, pochi studi, relativi ad altre forme di psicopatologia materna, come la depressione, hanno esaminato direttamente i risultati della prole di madri con BPD.

Passiamo ora alla revisione dei risultati disponibili riguardanti una vasta gamma di esiti psicosociali dei bambini, dall’infanzia. all’adolescenza, le cui madri hanno BPD.

Risultati durante l’infanzia e la prima infanzia BPD

Studi con neonati BPD

Sono stati condotti tre studi con neonati di madri con BPD (Crandell et al., 2003; Hobson et al., 2005; Newman et al., 2007).

1)

Newman e colleghi (2007) hanno scoperto che i bambini di madri BPD  di età compresa tra 3 e 36 mesi erano meno attenti e meno. interessati alle interazioni con la madre durante un’interazione di gioco libero rispetto ai bambini di madri di controllo sane.

Gli autori ipotizzano che questo potrebbe portare a modelli di interazione evitanti tra i bambini e le loro madri. Il paradigma dello “Still face” è stato utilizzato anche per esaminare i risultati del bambino. Crandell e colleghi (2003) hanno scoperto che durante il paradigma dello ”Still face”, i bambini di 2 mesi di madri con BPD mostravano sguardi più storditi, più avversione per lo sguardo e meno reattività complessiva verso la madre rispetto ai bambini di madri senza disturbo psichiatrico.

Gli autori hanno interpretato questi risultati come suggestivi della disregolazione emotiva di fronte a una situazione interpersonale. stressante. Inoltre, dopo il paradigma del fermo immagine, le diadi madre-infante hanno mostrato meno recupero nelle loro. interazioni in quanto i bambini hanno continuato a mostrare un crescente affetto negativo e un reimpegno meno soddisfacente con le loro. madri.

Quando questo stesso gruppo di bambini aveva 12 mesi, l’80% presentava modelli comportamentali coerenti con un attaccamento. disorganizzato alle loro madri (Hobson et al., 2005). I neonati sono stati valutati come aventi più disorganizzazione. comportamentale e cattivo umore verso un estraneo quando si impegnavano nella procedura del fermo immagine.

Il tempo di recupero dalla procedura del viso fermo era più lungo, suggerendo una maggiore disregolazione affettiva.

2)

Macfie e Swann (2009) hanno esaminato le relazioni di attaccamento madre-figlio nei bambini in età prescolare e scolare (4-7 anni) di. madri con BPD. I ricercatori hanno somministrato 5 item del MacArthur Story Completion Task (Bretherton, Oppenheim, Buchsbaum,. Emde, & The MacArthur Narrative Group, 1990) e 5 item della Story-Stem Battery (Bretherton, Ridgeway, & Cassidy, 1990) a 30 bambini in età prescolare le cui madri avevano BPD, e 30 bambini sani di confronto dai 4 ai 7 anni.

Le storie riportate suscitano risposte riguardanti la relazione di attaccamento in situazioni interpersonali sempre più stressanti, come la. disciplina dei genitori, il conforto dei genitori e i litigi dei genitori. Si ipotizza che queste rappresentazioni narrative riflettano le esperienze. reali del bambino e i modelli di lavoro interni del caregiver, del sé e della coerenza o regolazione emotiva.

Utilizzando questi paradigmi narrativi aperti, i risultati hanno rivelato una più scarsa regolazione delle emozioni nelle narrazioni. dei bambini, caratterizzata da una maggiore probabilità di parlare di fantasie e di materiale di natura traumatica.

L’inversione dei ruoli (ad esempio, il bambino dice ai genitori che litigano: “Smettila! Vai in camera tua!”) era anche significativamente più. probabile che fosse presente nelle narrazioni dei bambini con una madre BPD. I bambini hanno anche esibito maggiori paure di abbandono, dove i tentativi sono fatti per risolvere una perdita anticipata nelle loro storie. Aspettative di relazione genitori-figli più negative, come le. relazioni caratterizzate da pericolo e/o imprevedibilità sono state trovate anche nelle narrazioni dei bambini in età prescolare.

Infine, i figli di madri BPD hanno anche mostrato più rappresentazioni di sé incongruenti (ad esempio, il bambino pulisce la. sua stanza e poi la rovina) e vergognose (ad esempio, il bambino dice di essere cattivo) nelle narrazioni. Riteniamo che questi costrutti. possano essere collegati a una varietà di risultati psicosociali.

1)

In primo luogo, un bambino che dimostra la paura dell’abbandono nelle sue narrazioni genitore-bambino e/o aspettative negative delle. relazioni parentali può dimostrare la stessa paura dell’abbandono in altre relazioni, rendendo difficile formare e mantenere. interazioni stabili e significative con gli altri.

2)

In secondo luogo, i bambini che dimostrano un senso di sé vergognoso e incongruente nelle loro narrazioni possono continuare a mostrare. disturbi dell’identità nell’adolescenza e nell’età adulta.

 

I disturbi nella formazione dell’identità sono una caratteristica distintiva del BPD e sono stati associati a comportamenti autolesionistici e. sintomi dissociativi (Ogawa et al., 1997; Yates, 2004). I deficit precoci nella regolazione delle emozioni hanno anche dimostrato di essere. associati a successivi disturbi internalizzanti ed esternalizzanti nell’infanzia (Eisenberg et al., 2001; Suveg, Hoffman, Zeman, & Thomassin,. 2009).

 

Risultati per i bambini in età scolare e adolescenti BPD

I bambini in età scolare e adolescenti che hanno madri con diagnosi di BPD sono a rischio di problemi sia di internalizzazione che di. esternalizzazione. Per esempio, impiegando un ampio range di età di bambini (4-18 anni), quelli con una storia materna di BPD (n 21). avevano più sintomi di BPD durante l’infanzia (come valutato con la sintomatologia adulta), disturbo da deficit di. attenzione/iperattività (ADHD) e altri disturbi del comportamento dirompente (Feldman, Zelkowitz, Weiss, Vogel, Heyman, & Paris, 1995). rispetto ai figli di madri di controllo (n 23).

1)

Abela e colleghi (1995) hanno studiato i bambini dai 6 ai 14 anni di madri con comorbilità di MDD e BPD (n 15) rispetto alle madri con. solo MDD (n 87). I figli delle madri con entrambi i disturbi hanno mostrato livelli più alti di sintomi depressivi e avevano 6,8 volte più. probabilità di avere avuto almeno un episodio di MDD.

Questi bambini hanno anche riportato una maggiore vulnerabilità cognitiva e interpersonale, come uno stile di attribuzione. negativo, uno stile di risposta ruminativo, atteggiamenti disfunzionali, autocritica, stile di attaccamento insicuro e ricerca eccessiva di. rassicurazione.

Questi risultati hanno tenuto anche quando si controllano i sintomi depressivi concomitanti delle madri, suggerendo che ci sono. vulnerabilità uniche associate ad avere una madre con BPD.

2)

In un piccolo studio pilota, 21 figli di madri con BPD sono stati trovati ad avere più diagnosi psichiatriche, come l’ADHD e tassi più. elevati di sintomi BPD nell’infanzia rispetto a 23 figli di madri di controllo (Weiss, Zelkowitz, Feldman, Vogel, Heyman, & Paris, 1996)..

Questi risultati si sono mantenuti anche dopo aver controllato il trauma infantile, dimostrando una certa specificità di questi risultati. Questo studio ha anche valutato i figli di madri con BPD come più alti nelle valutazioni globali di compromissione. Dopo aver controllato altri fattori che hanno contribuito (sintomi depressivi e trauma infantile), il BPD materno è rimasto un fattore significativo legato a risultati riscontrati per i bambini in età scolare e adolescenti. Coerentemente con i risultati durante il periodo scolastico, gli adolescenti dagli 11 ai 18 anni le cui madri avevano BPD (n. 23) hanno mostrato più problemi di attenzione, delinquenza e aggressività rispetto agli adolescenti le cui madri non avevano disturbi psichiatrici (n. 168; Barnow et al., 2006).

Questo stesso gruppo di adolescenti ha anche riportato più ansia, depressione e bassa autostima rispetto agli adolescenti di madri con disturbo depressivo maggiore, altri disturbi di personalità e controlli sani.

3)

In un campione comunitario di 4 madri STEPP, WHALEN, PILKONIS, HIPWELL, e LEVINE con bambini di 15 anni (n 354), i sintomi del BPD materno erano legati a risultati psicosociali scadenti negli adolescenti, tra cui una più bassa percezione sociale di sé, maggiori cognizioni di attaccamento timoroso, più stress cronico nella relazione madre-adolescente e maggiore ostilità materna (Herr, Hammen, & Brennan, 2008).

Questi risultati hanno tenuto anche dopo il controllo dei sintomi depressivi adolescenziali e materni, suggerendo che il BPD materno e i. sintomi depressivi possono essere fattori di rischio separati e unici.

Questi studi hanno dimostrato che, dall’infanzia alla prima adolescenza, il BPD materno mette i bambini a rischio per una serie di. problemi emotivi e comportamentali.

 

I limiti di questi studi BPD

Tuttavia, molti di questi studi sono limitati dalla vasta gamma di età nella prole, così come la varietà di condizioni comorbide nelle. madri. Inoltre, questi studi non hanno tenuto conto delle influenze bidirezionali inerenti alle relazioni madre-figlio.

In particolare, oltre al ruolo delle caratteristiche materne sullo sviluppo della psicopatologia infantile, le caratteristiche del bambino. esercitano anche un’influenza sui suoi risultati successivi. L’effetto delle pratiche genitoriali sui risultati dell’infanzia è più saliente. durante l’infanzia e la prima infanzia. Quando i bambini sviluppano più autonomia nella selezione del loro ambiente durante l’adolescenza, l’effetto dei coetanei e altre influenze sociali possono esercitare un effetto unico sul funzionamento del bambino.

Durante questo periodo, le pratiche dei genitori continuano a giocare un ruolo importante nella socializzazione delle emozioni e a fornire un. monitoraggio e una supervisione appropriati per assicurare risultati sani al bambino (Steinberg & Morris, 2001).

 

Quali meccanismi genitoriali sono coinvolti nella trasmissione della vulnerabilità?

Nonostante il suo posto come costrutto principale nella teoria di Linehan, il ruolo dell’invalidazione dei genitori nella trasmissione e nello sviluppo del BPD rimane in gran parte da verificare. In campioni normativi, la critica dei genitori o l’invalidazione delle emozioni dei bambini è stata associata a difficoltà sociali ed emotive nella prima infanzia (per esempio, Eisenberg, Fabes, & Murphy, 1996) e al disagio psicologico in età adulta (Krause, Mendelson, & Lynch, 2003).

Sulla base di questa teoria, ipotizziamo che le madri con BPD possano invalidare le emozioni dei loro figli, specialmente quando la madre percepisce in modo impreciso queste emozioni. Questo può a sua volta portare i bambini a negare o mettere in discussione le loro emozioni e le risposte emotive.

Questa invalidazione cronica delle esperienze emotive può interrompere lo sviluppo adattivo dei sistemi di elaborazione delle emozioni. È probabile che le madri con BPD, come risultato delle loro difficoltà a capire i loro sentimenti, la mancanza di competenze per gestire le proprie emozioni, e la loro storia infantile di invalidazione dei genitori avrebbe un tempo difficile modellare strategie di socializzazione delle emozioni appropriate.

Le madri con BPD possono quindi insegnare ai loro figli modi disadattivi di esprimere e gestire le emozioni.

I fattori ambientali invalidanti che correlano con il BPD includono la trascuratezza e l’abuso (Bandelow et al., 2005; Bornovalova, Gratz, DelanyBrumsey, Paulson, & Lejuez, 2006), che possono verificarsi all’interno della famiglia d’origine. Tuttavia, le specifiche pratiche genitoriali invalidanti che possono giocare un ruolo nello sviluppo del BPD hanno ricevuto poca attenzione empirica.

1)Rivediamo prima gli studi che esaminano le pratiche genitoriali tra le madri con BPD,

2)In seguito, data la poca attenzione empirica che è stata data a questo argomento, discutiamo le prove relative alla genitorialità di quelli con altri disturbi di personalità.

 

-Madri con BPD

a)

Il paradigma still-face è utilizzato per indagare i comportamenti genitoriali delle madri con BPD.

Crandell e colleghi (2003) hanno scoperto che le madri con BPD avevano maggiori probabilità di essere caratterizzate come intrusivamente insensibili in base alle valutazioni del loro discorso e comportamento sia durante il periodo di gioco libero prima del paradigma che durante il periodo di recupero dopo, rispetto ai controlli sani.

Gli autori hanno poi replicato questi risultati in un altro campione di diadi bambino-madre (Hobson et al., 2005).

b)

Hobson e colleghi (2009) hanno anche studiato la relazione tra i neonati di un anno e le loro madri con BPD.

Utilizzando le interazioni videoregistrate del paradigma Strange Situation, gli autori hanno scoperto che le madri con BPD hanno mostrato una comunicazione affettiva disregolata verso i loro bambini, compresi i comportamenti critici e intrusivi, la confusione dei ruoli, e comportamenti spaventati/spaventosi.

Inoltre, le madri hanno mostrato più comportamenti spaventosi e disorientanti rispetto ai  madri con depressione o senza un disturbo di personalità.

c)

Coerentemente con alcuni dei risultati degli studi osservazionali con i bambini, Macfie e Swan (2009) sostengono che l’inversione di ruolo durante il periodo infantile è particolarmente rilevante per i figli di madri con BPD.

Durante il periodo infantile, i bambini iniziano a sviluppare un senso di autonomia. Tuttavia, questa pietra miliare potrebbe essere scoraggiata nei bambini di madri con BPD, che potrebbero preferire che il bambino stia vicino per soddisfare i bisogni della madre. Le madri con BPD possono essere spaventate che il loro bambino possa abbandonarle.

Questo può provocare un’inversione di ruolo, cioè l’assunzione da parte del bambino di un ruolo adulto di pari, amico o genitore. In linea con questa teoria, l’attaccamento disorganizzato durante l’infanzia, che è anche un risultato probabile per i bambini di madri con BPD (ad esempio, Hobson et al., 2005), ha dimostrato di prevedere l’inversione di ruolo durante il periodo nei bambini (Macfie, Fitzpatrick, Rivas, & Cox, 2008) e la prima infanzia (Main, Kaplan, & Cassidy, 1985).

 

Il lavoro sui comportamenti genitoriali ha anche incluso una valutazione delle percezioni genitoriali (Newman et al., 2007).

Le madri con BPD sono state trovate meno sensibili e hanno dimostrato meno strutturazione nella loro interazione con i loro bambini rispetto alle diadi madre-infante psichiatricamente sane. Queste madri hanno anche percepito differenze nella loro capacità genitoriale, riferendo di essere meno soddisfatte, meno competenti e più angosciate con le loro capacità genitoriali.

Di interesse, gli autori hanno notato che i livelli di angoscia e le difficoltà percepite con i ruoli genitoriali possono essere un fattore che contribuisce alla trascuratezza e all’abuso. Sia la trascuratezza che il sottoinvolgimento emotivo da parte dei genitori, una forma estrema di invalidazione emotiva, sembrano contribuire allo sviluppo del BPD.

a)

Feldman e colleghi (1995) hanno riferito che i figli (di età compresa tra i 4 e i 18 anni) di madri con BPD erano esposti a instabilità ambientale sotto forma di frequenti cambiamenti di alloggio e di scuola, allontanamento dalla casa e tentativi di suicidio materni.

In sintesi, i comportamenti genitoriali che sono stati trovati per caratterizzare le madri con BPD includono forme insensibili di comunicazione, come commenti e comportamenti critici, intrusivi e spaventosi. Inoltre, queste madri possono essere suscettibili di impegnarsi in confusione di ruolo con i loro figli e possono rafforzare i loro figli per assumere il ruolo di un genitore o un amico. Infine, le madri con BPD riferiscono di sperimentare alti livelli di angoscia nei ruoli di genitori che potrebbero portare all’abuso per frustrazione e disperazione. Madri con disturbi di personalità Altri studi hanno esaminato l’effetto della patologia generale di personalità sulla genitorialità.

b)

Conroy e colleghi (2009) hanno reclutato un campione di 200 madri, 8 settimane dopo il parto, per partecipare a valutazioni e osservazioni a domicilio. Gli autori hanno trovato effetti principali significativi della depressione e dei disturbi di personalità sui punteggi delle pratiche di cura del bambino anche dopo aver controllato l’irritabilità del bambino.

In particolare, le donne con depressione e le donne con un disturbo di personalità hanno riferito di impegnarsi in meno pratiche di cura del bambino raccomandate (ad esempio, “il bambino viene messo supino a dormire di notte”, “il bambino non è mai esposto al fumo di sigaretta”) e valutazioni osservative più basse di coinvolgimento materno rispetto alle madri senza depressione e senza un disturbo di personalità.

Esaminando l’effetto del disturbo di personalità sulla cura del neonato a livello di cluster del disturbo di personalità (A, B e C), c’era un effetto principale per lo stato del disturbo di personalità del cluster B (che include BPD, istrionico, narcisistico e antisociale) sulle pratiche di cura del neonato, ma non sulle valutazioni osservative del coinvolgimento materno.

Limiti:

La mancanza di associazione tra lo stato del disturbo di personalità del cluster B e le valutazioni osservative della sensibilità materna non è coerente con i risultati di altri studi. Questa discrepanza può essere dovuta alla mancanza di specificità diagnostica come risultato del raggruppamento dei disturbi di personalità in cluster.

Inoltre, le valutazioni osservative erano basate su un’interazione di gioco videoregistrata di 3 minuti, che potrebbe non essere stata in grado di rilevare le differenze nella sensibilità e nella reattività materna.

 

c)

Il Children in the Community Study (CIC; e.g., Cohen, 1996) ha fornito un resoconto prospettico longitudinale della genitorialità, della psicopatologia dei genitori e degli esiti dei bambini ed è stato uno dei primi a esaminare l’educazione dei figli in genitori con disturbi dell’Asse II, ma non specificamente BPD.

In 10 articoli recenti che utilizzano dati della tarda infanzia e della prima adolescenza, hanno dimostrato che:

(a) il disturbo di personalità dei genitori è associato a una genitorialità problematica.

(b) una genitorialità disadattiva è predittiva di successivi sintomi di disturbo di personalità nella prole.

(c) il disturbo di personalità dei genitori è associato a sintomi e disturbi nella prole.

Questo lavoro illustra l’importanza della genitorialità nella trasmissione transgenerazionale dei disturbi di personalità.

 

Quali sfide genitoriali sono specifiche delle madri con BPD?

Una delle sfide affrontate quando si studia questa area tematica è capire come separare le pratiche di genitorialità che potrebbero essere uniche per le madri con BPD da quelle che sono legate ad altre forme di psicopatologia, come la depressione. Dagli studi esaminati, consideriamo che le strategie genitoriali materne caratterizzate da oscillazioni tra overinvolvement e underinvolvement siano specifiche per le madri con questo disturbo.

 

Vediamo queste oscillazioni come forme estreme di incoerenze.

Incoerenze nelle pratiche di socializzazione delle emozioni così come nella disciplina e nelle strategie di monitoraggio sembrano contribuire allo sviluppo del BPD (Bezirganian et al., 1993). Le madri con BPD possono oscillare tra comportamenti intrusivi e ipercoinvolti e comportamenti evitanti e ritirati.

Questi comportamenti possono anche manifestarsi come oscillazioni tra controllo ostile e freddezza. Per esempio, le madri con BPD hanno riportato risposte più trascuranti e punitive alle manifestazioni emotive dei loro adolescenti, anche quando si controllano i sintomi depressivi attuali (Whalen, Dahl, & Silk, 2009). Queste stesse madri hanno anche riportato quantità quasi uguali di ricompensa, una strategia di socializzazione delle emozioni di supporto rispetto alle madri depresse e sane di controllo, suggerendo che le madri con BPD possono essere più incoerenti nelle loro strategie di socializzazione delle emozioni.

Nel corso del tempo, questa incoerenza può portare i loro adolescenti a negare o mettere in discussione le loro risposte emotive aumentando il potenziale di vulnerabilità emotiva e ulteriore invalidazione da parte di altri o di se stessi. Inoltre, sembra che le madri con BPD possano impegnarsi in un maggior numero di comportamenti genitoriali negativi, che possono aumentare il rischio di psicopatologia della loro prole (ad esempio, Johnson et al., 2006).

 

Gli effetti combinati dell’incoerenza materna attraverso la socializzazione delle emozioni e il monitoraggio, per esempio, possono creare un ambiente abbastanza invalidante da contribuire allo sviluppo del BPD nella prole.

Per esempio, Bezirganian e colleghi (1993) hanno riportato esempi clinici di percezioni che le madri con BPD avevano sui loro figli. In un esempio una madre riferì che desiderava “mettere [suo figlio] nel congelatore in modo che non potesse mai diventare abbastanza grande da lasciarmi“. Ha continuato a descrivere le sue reazioni negative, come il broncio e le suppliche per la sua compagnia, ai suoi inviti ad uscire con gli amici. Tuttavia, lei lo lasciava sempre socializzare.

Queste interazioni erano caratterizzate da incoerenza in quanto le sue espressioni verbali ed emotive trasmettevano un significato, ma il risultato finale dell’interazione ne trasmetteva un altro. Inoltre, questo tipo di interazione potrebbe essere caratterizzata come emotivamente troppo coinvolta in quanto inibisce l’autonomia del bambino al fine di soddisfare i bisogni emotivi della madre.

Le madri con BPD possono trovare difficile bilanciare un’appropriata definizione dei limiti per l’incoraggiamento dell’esplorazione e della crescita dei loro figli. Può anche essere che le madri con BPD trovino difficile adattare le loro strategie genitoriali per soddisfare i bisogni di sviluppo dei loro figli. Per esempio, una strategia di disciplina che ha funzionato bene per un bambino potrebbe non avere lo stesso impatto su un adolescente.

Interventi attuali sulla base della nostra revisione, i figli di madri con BPD sono a rischio di risultati psicosociali poveri e la trasmissione di questa vulnerabilità può essere a causa di alcuni deficit nelle competenze genitoriali.

 

Interventi progettati specificamente per le madri con BPD e i loro figli non esistono. BPD

Tuttavia, gli autori hanno fatto raccomandazioni generali favorendo le terapie dell’attaccamento (cfr. Macfie, Fitzpatrick, Rivas, & Cox, 2008), soprattutto durante l’infanzia fino al periodo prescolare e/o interventi basati sulla psicoeducazione (cfr. Gunderson, Berkowitz, & Ruiz Sancho, 1997) per i membri della famiglia di quelli con BPD.

I-Interventi basati sull’attaccamento BPD

Gli interventi basati sull’attaccamento generalmente affrontano la prevenzione della trasmissione dell’attaccamento insicuro e/o disorganizzato dal genitore (di solito la madre) al bambino in uno dei due modi:

(a) psicoterapia individuale con la madre

(b) psicoterapia con la diade madre-neonato (o bambino).

 

a)

Gli interventi progettati con il genitore come paziente principale mirano a fornire esperienze di attaccamento “correttive” attraverso interazioni ed esperienze con il terapeuta (per esempio, Lieberman, Weston, & Pawl, 1991; Lieberman & Zeanah, 1999). Durante la psicoterapia individuale, la madre è incoraggiata a parlare delle proprie esperienze infantili e a collegare questi eventi alla sua attuale relazione con il bambino, permettendole di capire come perpetua il ciclo dell’attaccamento insicuro e/o disorganizzato.

Questo modo di migliorare la sicurezza dell’attaccamento attraverso una psicoterapia individuale con la madre non è stato ben manualizzato, il che ha impedito la diffusione e gli sforzi di valutazione.

 

b)

Il secondo approccio della psicoterapia basata sull’attaccamento interviene a livello della relazione tra la madre e il bambino (Stern, 1995). Come nella psicoterapia individuale, le madri discutono anche la loro storia di sviluppo in termini di interazioni ed esperienze con i caregiver. Tuttavia, la differenza con questo approccio è che il terapeuta osserva le interazioni tra la madre e il bambino per facilitare la madre a collegare le sue esperienze passate e il suo stile di attaccamento a quello della sua attuale relazione con il suo bambino.

Ci sono diversi esempi codificati di questo tipo di psicoterapia della relazione genitore-neonato, tra cui annoveriamo Watch, Wait and Wonder (WWW; Muir, Lojkasek, & Cohen, 1999), Preschooler-Parent Psychotherapy (PPP; indicato anche come Infantparent psychotherapy, e toddler-parent psychotherapy, es, Cicchetti, Rogosch, & Toth, 2000); e Circle of Security (COS; Marvin, Cooper, Hoffman, & Powell, 2002).

Questi interventi variano in termini di quantità di psicoeducazione, con WWW che fornisce il minor training per i genitori e COS che fornisce il formato più strutturato, in particolare per quanto riguarda le competenze necessarie per fornire una base sicura a neonati e bambini.

-Esempi di COS BPD

Per esempio, in COS, i genitori registrano le loro interazioni con il loro bambino e ricevono un feedback esplicito in una sessione di psicoterapia di gruppo per quanto riguarda le tecniche che usano mentre si impegnano con il loro bambino. Questi interventi sono stati ampiamente applicati con bambini maltrattati (per esempio, Toth, Maughan, Manly, Spagnola, & Cicchetti, 2002), diadi di genitori e figli svantaggiati (per esempio, Hoffman, Marvin, Cooper, & Powell, 2006) e madri depresse (per esempio, Cicchetti, Toth, & Rogosch, 1999).

 

-Esempi di WWW PD

Newman e Stevenson (2008) descrivono l’applicazione del WWW tramite 20 madri che avevano una diagnosi BPD. Tuttavia, non è stato modificato dalla sua forma originale. Anche se questa applicazione non ha comportato una valutazione dell’efficacia di questo trattamento nel migliorare i risultati della relazione madre-figlio, è l’unico articolo pubblicato di cui siamo a conoscenza, che descrive un’applicazione della terapia per madri affette da BPD.

WWW ha coinvolto da 12 a 14 sessioni di terapia in un periodo di 5 mesi.

La prima metà della sessione prevedeva che la madre fosse invitata dal terapeuta a seguire la guida del bambino nel giocare con i giocattoli.

La seconda metà della seduta prevedeva che il terapeuta discutesse con la madre le attività del bambino e la comprensione da parte della madre del comportamento del bambino durante la sessione di gioco.

Essi descrivono anche le difficoltà che i genitori hanno espresso ai loro terapeuti per quanto riguarda le competenze quotidiane dei genitori, per esempio il mantenimento degli orari giornalieri di alimentazione e di sonno dei loro bambini. Gli autori hanno scelto di non affrontare questi problemi, ma di attenersi strettamente al protocollo WWW, credendo che questo intervento sarebbe stato più utile ai fini dei risultati a lungo termine per il bambino rispetto alle tecniche di formazione alla gestione dei genitori.

 

I risultati riguardanti l’efficacia di questi interventi nel migliorare la sicurezza dell’attaccamento sono contrastanti (vedi Lieberman & Zeanah, 1999, per una rassegna).

C’è una grande variabilità riguardo alle tecniche impiegate nei diversi interventi basati sull’attaccamento, il che ha probabilmente impedito ai ricercatori di dimostrare la loro efficacia. I risultati di una metanalisi di van Ijzendoorn, Juffer e Duyvesteyn (1995) hanno dimostrato che, mentre le terapie basate sull’attaccamento con le madri aumentavano la sensibilità materna verso i loro neonati e bambini, avevano poco impatto sulla sicurezza dell’attaccamento della madre o del bambino.

Sforzi più recenti hanno incluso la manualizzazione di questi interventi, in particolare per le diadi genitore-figlio, il che ha portato a maggiori prove a sostegno della loro efficacia nel migliorare la sicurezza dell’attaccamento.

 

In particolare, PPP per madri depresse (Cicchetti et al., 1999) e bambini maltrattati (Toth et al., 2002)

COS per diadi svantaggiate genitore-neonato o genitore-bambino in età prescolare nei programmi Head Start e Early Head Start (Hoffman et al., 2006; Marvin et al., 2002).

Così come WWW per diadi madre-infante ad alto rischio (Cohen et al., 2002) hanno tutti dimostrato efficacia nel migliorare la sicurezza dell’attaccamento e/o l’organizzazione dell’attaccamento nei bambini.

 

Quali le difficoltà nell’applicazione di queste terapie BPD

Anche se le terapie basate sull’attaccamento stanno diventando codificate e i ricercatori sembrano desiderosi di dimostrare la loro efficacia nel migliorare la sicurezza dell’attaccamento nelle diadi genitori-figli ad alto rischio, l’utilità di queste terapie può essere compromessa.

Sembra esserci un divario tra gli obiettivi delle terapie basate sull’attaccamento e gli obiettivi delle madri affette da BPD quando cercano un aiuto professionale. I risultati della ricerca sulle pratiche genitoriali e sull’efficacia sottolineano questa preoccupazione (Conroy et al., 2009; Newman et al., 2007). È improbabile che le terapie basate sull’attaccamento, applicate senza un focus esplicito sulle competenze genitoriali, allevino il disagio e le preoccupazioni che esse hanno nel provvedere ai bisogni fondamentali dei loro figli.

Sembra che le madri affette da BPD possano richiedere una psicoeducazione e un training sulle abilità genitoriali prima di affrontare le strategie di attaccamento genitore-figlio.

 

II-Interventi psicoeducativi BPD

In contrasto con le terapie di attaccamento in cui il paziente è principalmente l’individuo affetto da BPD, gli approcci psicoeducativi tipicamente forniscono informazioni su una varietà di questioni rilevanti per i membri della famiglia della persona afflitta, compresi i coniugi, i figli adulti, gli amici e i genitori di adolescenti.

Anche se nessuno di questi trattamenti è stato sviluppato specificamente per le madri affette da BPD e la loro prole, li rivediamo qui a causa della loro rilevanza per un approccio sistemico al trattamento di questo disturbo.

Inoltre, molti dei principi guida della psicoeducazione familiare, compresa la formazione di reti di sostegno con altri individui nel gruppo (ad esempio, altre madri), nonché l’apprendimento di informazioni sull’individuo in questione (ad esempio, le tappe di sviluppo dell’infanzia e della prima infanzia), saranno rilevanti per un intervento genitori-figli per le madri affette da BPD.

I programmi di psicoeducazione basati sulla famiglia per individui con gravi malattie mentali hanno ricevuto un ampio supporto empirico per la riduzione dei tassi di ricaduta e per la riduzione dello stress e del carico familiare (per una revisione vedi Cohen et al., 2008).

Limiti e prospettive degli interventi di psicoeducazione BPD

Tuttavia, l’impatto della psicoeducazione familiare per gli individui affetti da BPD è rimasto indietro rispetto a quello di altre forme di malattia mentale grave, in particolar modo la schizofrenia.

Nonostante ciò, Gunderson e colleghi (1997) sostengono un approccio psicoeducativo familiare alla terapia del BPD. Descrivono lo sviluppo di un programma pilota Multiple Family Group (MFG) e riportano miglioramenti nella comunicazione familiare e nel carico familiare dopo 6 mesi di terapia.

-Esempi di terapie che inclusono la psicoeducazione BPD

Ci sono tre terapie che includono la psicoeducazione familiare come una componente del modello di terapia e hanno pubblicato almeno un articolo empirico sull’efficacia della terapia per le famiglie affette da BPD:

(a) Family Connections (FC; Fruzzetti & Hoffman, 2004),

(b) Systems Training for Emotional Predictability and Problem Solving (STEPPS; Blum, Pfohl, St. John, Monahan, & Black, 2002)

(c) Multigroup Family Skills Training come anche parte della Dialectical Behavior Therapy for adolescents (Miller, Rathus, & Linehan, 2006).

L’attenzione relativa ai membri della famiglia e ad altre persone di supporto rispetto all’individuo afflitto varia tra queste terapie.

Il FC si concentra esclusivamente sulla psicoeducazione della famiglia, mentre gli altri programmi si concentrano esclusivamente sull’individuo affetto da BPD e includono i membri della famiglia e altre persone di supporto in modo accessorio. Nel complesso, la ricerca sostiene la FC per alleviare lo stress del caregiver e STEPPS e la formazione delle abilità multifamiliari per migliorare i risultati del paziente.

Tuttavia, non siamo a conoscenza di ricerche che abbiano esaminato l’impatto degli approcci psicoeducativi familiari sia sullo stress del caregiver che sugli esiti del paziente. Inoltre, STEPPS e i gruppi multifamiliari non raccolgono abitualmente informazioni dai membri della famiglia o dagli amici coinvolti nel trattamento, il che limita la nostra capacità di determinare l’efficacia di questi trattamenti per il coinvolgimento della famiglia e degli amici nel trattamento.

Implicazioni per l’intervento genitoriale per le madri affette da BPD

Sulla base della nostra revisione delle pratiche genitoriali delle madri affette da BPD, così come gli scarsi risultati psicosociali caratterizzati da molti dei loro figli, è necessaria una terapia genitore-figlio specifico per le madri affette da BPD. Una terapia per madri e figli dovrebbe affrontare le sfide uniche di genitorialità che le madri affette da BPD sperimentano, vale a dire sperimentare oscillazioni tra controllo ostile e comportamenti introversi così come oscillazioni tra invadenza e freddezza.

È anche importante che questa terapia affronti comportamenti genitoriali che possano essere più efficaci date le vulnerabilità esistenti (ad esempio, il temperamento) nel bambino. Nelle prossime sezioni, descriviamo gli obiettivi di questa terapia che incorpora ciò che sappiamo sull’attaccamento e sugli interventi basati sulla famiglia per il BPD.

Psicoeducazione sullo sviluppo infantile

Come discusso in precedenza, pensiamo che le madri affette da BPD possano aver bisogno prima di tutto di una psicoeducazione di base sui compiti e sulle aspettative di sviluppo appropriati. Molte madri non hanno familiarità con le appropriate tappe dello sviluppo e possono avere difficoltà ad affrontare i normali comportamenti dei neonati, dei bambini e degli adolescenti.

Questo può portare allo stress materno e all’incapacità di soddisfare i bisogni del bambino. Imparando cosa succede quando un neonato si trasforma in un bambino e un bambino in un bambino in età prescolare, le madri possono essere più preparate per le sfide future e sviluppare aspettative ragionevoli dato l’attuale stato di sviluppo del bambino.

1)

Per esempio, le madri affette da BPD possono credere che i pianti della loro figlia o figlio neonato riflettano che sono dei cattivi genitori. Una psicoeducazione di base sui bisogni e sulle cognizioni di un neonato può alterare queste convinzioni e creare un rapporto più positivo tra la madre e il bambino.

2)

Le madri possono trarre beneficio dalla psicoeducazione per quanto riguarda le abilità genitoriali di base e la genitorialità positiva, come ad esempio come far andare a letto un bambino, come gestire l’alimentazione e le strategie di disciplina non fisica.

Imparare queste informazioni può aiutare la madre ad assumere la prospettiva del bambino e possono trovare utile sapere quali segni cercare nella crescita e nello sviluppo dei loro figli. Con l’aiuto di un terapeuta, le madri possono valutare e celebrare la crescita e lo sviluppo del loro bambino.

3)

Le madri possono imparare che ogni bambino è diverso e possiede i propri bisogni. Invece di punire o trascurare un bambino più piccolo perché non si comporta come un fratello maggiore, le madri saranno in grado di apprezzare il bambino per le sue qualità uniche e la sua traiettoria di sviluppo.

4)

L’educazione sulle tappe dello sviluppo deve anche estendersi oltre l’infanzia e la prima infanzia. Importanti cambiamenti fisici, emotivi e cognitivi avvengono durante l’infanzia e l’adolescenza. La conoscenza di questi cambiamenti può aiutare le madri a capire che il loro ruolo è ancora cruciale per facilitare risultati positivi nei bambini più grandi, anche se non sono più fisicamente dipendenti da chi si prende cura di loro.

5)

Le madri possono anche imparare che le precedenti esperienze genitoriali con i loro stessi caretaker possono essere una trappola, che porta a strategie genitoriali inefficaci con il loro attuale bambino. Possono aver bisogno di imparare come identificare le oscillazioni tra il controllo, la genitorialità punitiva e le pratiche genitoriali più permissive, come l’ignorarli o l’isolarsi da loro.

Competenze per promuovere la coerenza nella programmazione e nel monitoraggio

Come detto sopra, l’importanza della psicoeducazione alle tappe dello sviluppo si estende alla coerenza nella programmazione e nel monitoraggio.

Gli studi esaminati sopra suggeriscono che le madri affette da BPD possono avere difficoltà a mantenere un ambiente stabile ed educativo per i loro figli.

Per esempio, Feldman e colleghi (1995) hanno scoperto che i figli di madri affette da BPD erano esposti a diversi aspetti dell’instabilità ambientale, come frequenti cambiamenti di alloggio e di scuola, allontanamento dalla casa e tentativi di suicidio della madre. Inoltre, la ricerca suggerisce che le madri affette da BPD possono avere difficoltà a programmare e fornire tempi coerenti di alimentazione e sonno-veglia (Conroy et al., 2009).

1)Routine

Un importante obiettivo della terapia per madri affette da BPD sarà imparare l’importanza di fornire una routine coerente e prevedibile per il loro bambino, che consiste anche in tempi di transizione prevedibili, per esempio dal gioco al sonno.

Le routine forniscono sia un senso di struttura che di sicurezza ai bambini. Le routine aiutano i bambini ad imparare che il loro ambiente, o la loro casa, è un luogo stabile e sicuro, e la ricerca supporta gli effetti positivi delle routine e del monitoraggio dei genitori (Murphy, Marelich, Herbeck, & Payne, 2009).

Per esempio, gli adolescenti di madri con HIV/AIDS che si sono impegnati di più nello stabilire delle routine familiari hanno mostrato tassi più bassi di ansia, di depressione e di disturbo del comportamento (Murphy, Marelich, Herbeck, & Payne, 2009).

La routine familiare dei pasti è stata associata a minori sintomi depressivi, minor uso di alcol e di marijuana da parte degli adolescenti (Eisenberg et al., 2004).

2)Il monitoraggio

Il monitoraggio da parte dei genitori delle attività e dei comportamenti dei loro figli è una caratteristica chiave di un ambiente domestico stabile e prevedibile. È stato dimostrato che il monitoraggio e la supervisione costanti sono un fattore importante per ridurre gli infortuni infantili (ad esempio, Petrass, Blitvich, & Finch, 2009).

Inoltre, queste strategie genitoriali sono anche associate a un minor uso di sostanze e a un minor numero di comportamenti delinquenziali durante l’adolescenza e durante la giovane età adulta (per esempio, Clark, Kirisci, Mezzich, & Chung, 2008; Hoeve et al., 2007).

Le madri affette da BPD possono avere difficoltà a monitorare e a sorvegliare costantemente i loro figli, oscillando tra l‘uso di strategie punitive severe per controllare i loro figli e strategie permissive che forniscono poca guida ai loro figli.

Quindi, un obiettivo correlato per l’intervento con questa popolazione sarà quello di formare le madri a monitorare efficacemente, a supervisionare e a impostare i limiti con il loro bambino (cfr. Koestner, Ryan, Bernieri, & Holt, 2006).

 

In sintesi,

importanti obiettivi di terapia per questa popolazione saranno quelli di aiutare le madri a stabilire delle routine per il loro bambino e dei modi efficaci per aderirvi anche in circostanze difficili. Sarebbe utile imparare l’importanza psicologica delle routine (sia per sé stesse che per i propri figli) e imparare a iniziare, e a mantenere, efficacemente un programma.

Inoltre, sarebbe anche importante imparare come monitorare e sorvegliare coerentemente il proprio figlio in base alla sua fase di sviluppo e ai suoi bisogni individuali.

L’aumento di queste abilità promuoverà l’autoefficacia genitoriale e diminuirà l’angoscia relativa al loro ruolo di genitore. Si ritiene che le pratiche genitoriali legate alle emozioni giochino un ruolo chiave nella socializzazione della regolazione delle emozioni nei bambini (Morris et al., 2007).

Diversi studi suggeriscono che non riuscire a regolare le emozioni negative può essere associato alla psicopatologia durante l’infanzia e l’adolescenza (ad esempio, Eisenberg et al., 2001). La ricerca suggerisce che i genitori possiedono una “filosofia della metaemozione” che. guida le risposte alle espressioni emotive dei loro figli (Gottman, Katz, & Hooven, 1996). È stato dimostrato che il disagio dei genitori nei. confronti delle manifestazioni emotive è associato a una peggiore regolazione delle emozioni e a problemi di comportamento. (Lunkenheimer, Shields, & Cortina, 2007).

 

Data la ricerca sulla BPD materna esaminata, sembra che queste madri possano essere suscettibili nell’impegnarsi in. comportamenti di disagio emotivo dei genitori, mettendo i loro figli in difficoltà nella regolazione delle emozioni.

Anche le risposte materne all’espressione emotiva del bambino giocano un ruolo significativo nell’insegnare al bambino a gestire le proprie. emozioni (Eisenberg et al., 1996; Morris et al., 2007). Le madri che rispondono positivamente alle manifestazioni emotive dei loro figli. sostengono la regolazione delle emozioni del bambino incoraggiando l’uso di strategie più adattive, come la rivalutazione e il. problem solving.

Le risposte materne di supporto possono anche aiutare i bambini a praticare strategie di gestione delle emozioni durante le. interazioni sociali più stressanti con coetanei e adulti. Madri affette da BPD possono utilizzare strategie di socializzazione emozione non di supporto e invalidare le emozioni dei loro figli.

 

Le madri che percepiscono in modo impreciso le emozioni dei loro figli sono particolarmente propense ad avere. risposte invalidanti alle manifestazioni emotive dei loro figli (Gottman, Katz, & Hooven, 1997).

Criticare, deridere o punire un bambino per la sua espressione emotiva può incoraggiare la soppressione delle emozioni e l’uso di. strategie di regolazione delle emozioni evitanti o aggressive (ad esempio, Eisenberg et al., 1996).

Questo può a sua volta portare i bambini a negare o a mettere in discussione le loro emozioni e le loro risposte emotive. Diversi studi. esaminati sopra, suggeriscono che le madri affette da BPD possono impegnarsi in risposte non di supporto alle manifestazioni. emotive dei loro figli (ad esempio, Johnson et al., 2006).

Quando questi bambini si trovano in seguito di fronte a situazioni che provocano emozioni negative, possono imparare a sopprimere. l’espressione emotiva mentre sperimentano ancora un elevato eccitamento fisiologico (Gross & Levenson, 1997).

Un obiettivo importante per queste diadi madre-figlio sarà quello di facilitare la risposta positiva e coerente della madre alle manifestazioni emotive dei loro figli. Sarà anche importante aiutare la madre a pianificare come fornire costantemente calore e. nutrimento anche durante i momenti di estremo disagio emotivo e gli impulsi a evitare, o a voler controllare, l’espressione emotiva del. bambino.

 

Mindfulness-Based Parenting Skills per facilitare la coerenza comportamentale ed emotiva

Per impegnarsi a fornire un supporto comportamentale ed emotivo coerente ai loro figli, le madri affette da BPD possono beneficiare di. strategie di mindfulness-based parenting. Dumas (2005) descrive la natura abituale di molti disaccordi e conflitti che sorgono tra. genitori e figli e sostiene che le strategie genitoriali basate sulla consapevolezza possono aiutare le famiglie a “sbloccarsi” da questi. modelli negativi.

Dopo 8 settimane di training di mindfulness con genitori e adolescenti con disturbi esternalizzanti, i bambini hanno riportato una. riduzione significativa dei sintomi sia internalizzanti che esternalizzanti e i genitori hanno riportato un miglioramento nel. raggiungimento degli obiettivi con i loro figli (Bgels, Hoogstad, van Dun, de Schutter, Restifo, 2005).

L’obiettivo dell’autoconsapevolezza potrebbe aiutare la madre affetta da BPD a guadagnare obiettività in situazioni genitoriali. difficili, specialmente quando il bambino sta provando una forte emozione o sta suscitando una forte emozione nella madre.

L’autoconsapevolezza potrebbe anche aiutare le madri affette da BPD a imparare i propri limiti nella genitorialità e a riconoscere quando. è necessario chiedere supporto e consigli. Questo “metacompito” intessuto durante l’intera durata della terapia potrebbe portare ad un. miglioramento nella capacità di fornire un ambiente domestico sicuro, stabile e accogliente.

Limitazioni BPD

Nonostante il forte fondamento logico di una terapia specifica per le madri affette da BPD, ci sono diversi fattori che possono limitare. lo sviluppo della terapia.

1)In primo luogo, c’è una mancanza di informazioni su questo argomento. Per esempio, non abbiamo nemmeno stime accurate sulla. prevalenza delle madri affette da BPD.

2)In secondo luogo, riconosciamo che molti figli di madri affette da BPD sono resistenti agli esiti negativi e che gli esiti positivi. possono essere dovuti alle eccezionali capacità genitoriali di alcune madri affette da BPD. Ci rendiamo anche conto che una. varietà di fattori ambientali, non solo le pratiche genitoriali, che mettono i bambini a rischio di sviluppare la BPD.

Tuttavia, riteniamo che le madri affette da BPD, a causa di aspetti specifici della loro malattia, possono affrontare sfide speciali alla. genitorialità e che una maggiore ricerca in questo settore è assolutamente necessaria.

Il presupposto alla base di questa revisione è che le abilità genitoriali sono suscettibili di cambiamento e che questi cambiamenti. possono avere profondi effetti positivi sui risultati dei bambini, soprattutto quando questi deficit di abilità sono mirati durante il. primo sviluppo.

 

Conclusioni BPD

In sintesi, le vulnerabilità genetiche e ambientali mettono i figli di madri affette da BPD a rischio di BPD e psicopatologie. correlate. Un contesto ambientale che può conferire il rischio è la genitorialità. Le madri affette da BPD possono incontrare sfide. genitoriali uniche, soprattutto alla luce della scarsa efficacia che sentono come genitori.

La strategia genitoriale che potrebbe essere più deleteria per i figli di madri affette da BPD può essere l’oscillazione tra forme estreme. di controllo e passività che forniscono poca coerenza per l’esperienza quotidiana del bambino.

Affrontando le competenze genitoriali, ci aspettiamo di vedere miglioramenti nelle interazioni genitore-figlio, che porteranno a. riduzioni del disagio della madre e del bambino.

Sulla base della nostra revisione approfondita della letteratura, delineiamo diversi punti per una terapia genitoriale, vale a dire. psicoeducazione, coerenza nella programmazione e nel monitoraggio, coerenza nell’accudimento, così come. l’applicazione di strategie genitoriali basate sulla mindfulness.

Lo sviluppo di un intervento per le madri affette da BPD è fondamentale per migliorare i problemi di genitorialità e promuovere l’adattamento positivo dei bambini. Speriamo che questa revisione generi nuove domande di ricerca riguardanti le strategie. di genitorialità nelle madri affette da BPD, così come stimolare gli sforzi di sviluppo di una terapia per questa popolazione.

 

Ti è piaciuto questo articolo sul BPD?

Ti abbiamo appena presentato un interessante studio su quelle che sembrano essere le implicazioni sulla genitorialità legate a un disturbo Borderline e gli interventi suggeriti dalla letteratura.

Dalla tua esperienza professionale, quale pensi possa essere un ulteriore intervento che pensi possa essere efficace in questa tipologia di casi?

😀 Condividi con noi la tua esperienza, lasciandoci un commento nel box qui sotto ⤵️

 

 

Vuoi saperne di più su come intervenire su casi di Genitori con Disturbi di Personalità?

▶️CLICCA QUI e scopri SUBITO il nostro nuovo corso:

Parenting e Personalità Disfunzionale

Disturbi della personalità e parenting disfunzionale, con Gwen Adshead

 

 

Articolo liberamente tradotto e adattato. Fonte: Stepp, Stephanie & Whalen, Diana & Pilkonis, Paul & Hipwell, Alison & Levine, Michele. (2011). Children of Mothers With Borderline Personality Disorder: Identifying Parenting Behaviors as Potential Targets for Intervention. Personality disorders. https://www.researchgate.net/ publication/221800023_Children_of_Mothers_With_Borderline_Personality_Disorder_Identifying_Parenting_Behaviors_as_Potential_Targets_for_Intervention

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>