Memoria Dopo Il Lockdown: I Primi Risultati

lockdown

Gli scienziati hanno scoperto che l’effetto del “Giorno della Marmotta” del lockdown influisce sulla nostra memoria e sulle nostre capacità cognitive.

Sebbene manchino dati sull’esperienza del lockdown australiano, uno studio sugli italiani isolati per circa due mesi l’anno scorso ha rilevato un aumento sempre più comune delle distrazioni e dei vagabondaggi mentali.

Il professor Brett Hayes della School of Psychology dell’UNSW afferma che uno studio su 4000 intervistati ha rilevato che il 30% ha sperimentato un certo grado di cambiamento nella propria cognizione quotidiana.

Alcuni dei problemi quotidiani più comuni erano problemi di memoria, come perdere il cellulare dentro casa o la difficoltà a concentrarsi per leggere un libro o guardare un film.

Letteralmente iniziare un lavoro e senza pensarci, iniziarne un altro senza finire il primo“, dice lo psicologo cognitivo.

Era anche peggio per le persone che avevano problemi emotivi, che si sentivano depresse, o stressate e ansiose, avevano anche più di questi sintomi.”

Sblocca i tuoi 50 crediti ECM in omaggio con i corsi FCP con ECM

Ma anche per chi non presentava problematiche aggiuntive, queste mancanze cognitive erano molto comuni”.

Come il cervello deposita i ricordi durante il lockdown

Lo studio suggerisce che il motivo per cui la nostra memoria quotidiana peggiora durante il lockdown è perché stiamo vivendo una sorta di Giorno della Marmotta, che a sua volta rende più difficile per il nostro cervello depositare ricordi e recuperarli in seguito.

Quello che sappiamo della memoria umana è che il contesto è davvero importante. Potresti fare tante cose a casa: lavorare, chattare con un amico o guardare un film“, afferma il prof. Hayes. “E quando abbiamo queste esperienze, potremmo essere concentrati sulla parte principale delle stesse, ma il nostro cervello in realtà sta anche codificando molte altre cose, come dove e quando sta avvenendo“.

Dice che il nostro cervello è sensibile a questo contesto di fondo, che ci aiuta a fissare i nostri ricordi in modo che sia facile per noi recuperare quelle esperienze in seguito.

Quindi, quando il contesto sta cambiando, come accade normalmente nella vita di tutti i giorni quando ci muoviamo e visitiamo luoghi diversi in diversi momenti della giornata, allora è facile stabilire ricordi e richiamarli“, afferma il prof. Hayes.

Ma quando sei in isolamento, le tue opportunità di muoverti nell’ambiente e di impegnarti in diverse attività sono molto limitate”.

E quando entri nel ciclo del Giorno della Marmotta, con poche variazioni sulla stessa cosa ogni giorno, è allora che i giorni tendono a confondersi l’uno nell’altro, perché abbiamo lo stesso contesto ogni giorno.

Questo rende più difficile per il nostro cervello separare quelle esperienze e questo è uno dei motivi per cui sperimentiamo la nebbia della memoria durante il lockdown“, dice.

Il recupero è rapido quando le restrizioni si attenuano

Uno studio sul lockdown di due mesi in Scozia lo scorso anno ha selezionato alcuni soggetti per testare la loro memoria, il processo decisionale e l’attenzione selettiva.

Hanno scoperto che le prestazioni erano più scarse durante il lockdown, ma una volta allentate le restrizioni, in particolare l’isolamento sociale, si sono ripresi abbastanza rapidamente.

Anche i livelli di interazione sociale durante il lockdown erano correlati alle prestazioni cognitive.

Le persone che sono state in grado di mantenere di più la loro interazione online durante il lockdown hanno fatto meglio in queste attività“, afferma.

Quindi l’isolamento completo è davvero molto negativo per il nostro funzionamento cognitivo, ma se riusciamo a mantenere quel livello di interazione con chiunque sia a casa nostra o online, questo sembra essere positivo per il nostro funzionamento cognitivo“.

I ricercatori hanno anche scoperto che le persone che hanno avuto conversazioni negli ultimi tre giorni erano un po’ più protette dai problemi cognitivi durante il lungo lockdown.

Altri studi stanno esaminando come le opzioni delle persone sono state limitate durante il lockdwon e hanno sottolineato l’importanza di avere un po’ di variazione ed esercizio fisico ogni giorno.

Da un punto di vista della memoria, se sei in grado di allenarti fuori casa, varia quei percorsi di esercizio di giorno in giorno solo per consentire che il tuo cervello codifichi un contesto diverso, se vuoi essere in grado di ricordare quello che hai fatto di giorno in giorno un po’ meglio“, dice il prof. Hayes.

Cambiare la routine di allenamento durante il lockdown

Variazioni su esercizi e attività in casa o appartamento aiutano anche a evitare la nebbia della memoria.

Il prof. Hayes dice che c’è una stretta connessione tra una buona capacità cognitiva e l’attività fisica.

Quindi mantenere un regolare esercizio fisico è bene cercare di mantenere la nostra memoria e il processo decisionale in forma il più possibile durante il lockdown“.

Lo yoga e la danza online erano cose che le persone riportavano come parte della loro attività e che, secondo lui, sembravano avere un effetto benefico sulla cognizione.

Anche se non c’è stato tempo per condurre ricerche sugli effetti a lungo termine dei blocchi sulla memoria, le prove finora mostrano che quando le restrizioni vengono allentate, questi problemi cognitivi dovrebbero migliorare, afferma.

 

Vuoi approfondire il tema delle conseguenze del lockdown? 

CLICCA QUI e scopri altri articoli sull’argomento!

Fonte: NewSouthWalesUniversity

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>