Accedi

Mindfulness e Mindful Eating: il Sé Saggio e Spirituale

Mindfulness

La Mindfulness-Based Eating Awareness Training (MB-EAT) (Kristeller e Wolever, 2014; Kristeller, 2016; Kristeller e Wolever, in press) integra la scienza della pratica della meditazione con la scienza del nostro rapporto con il mangiare, l’alimentazione, il cibo e la consapevolezza del corpo, insieme alle teorie di autoregolazione (Carver e Scheier, 1998; Shapiro e Schwartz, 2000).

Gli studi clinici hanno dimostrato un miglioramento significativo nella regolazione alimentare, sia in quelli con e senza il disturbo da alimentazione incontrollata (BED), e il miglioramento della depressione.

L’evoluzione del programma 

Il programma di base si è evoluto nel corso di diversi decenni, incorporando una vasta gamma di pratiche di meditazione mindfulness, pratiche di consapevolezza alimentare, e pratiche guidate legate all’autoconsapevolezza e all’autoaccettazione, ed è stato adattato a una serie di popolazioni, tra cui individui con vari livelli di obesità, con e senza BED, e diabete di tipo II (Miller et al., 2012; Daubenmier et al., 2016; Mason et al., 2016).

In tutti i programmi basati sul MB-EAT, indipendentemente dalle variazioni, un concetto importante è il valore di connettersi al “sé saggio” al servizio dell’autoregolazione, come alternativa all’attingere a regole esterne di diete, restrizioni alimentari e norme socialmente imposte riguardo al peso e all’aspetto del corpo.

Il sé saggio

Cosa intendiamo per ‘sé saggio’ e come potrebbe essere collegato al nostro sé ‘spirituale’? Il concetto contemporaneo di “saggezza” implica un maggiore accesso a parti del cervello che possono migliorare l’autoregolazione e il benessere quando si presentano scelte complesse, come è vero in molti aspetti della vita quotidiana.

L’impegno spirituale

Una crescente area di ricerca negli ultimi 20 anni ha dimostrato l’importanza dell’impegno spirituale, come un costrutto psicologico distinto dal coinvolgimento religioso (Hill et al., 2000; Koenig L.B., 2015), in molte popolazioni diverse tra cui giovani adulti emergenti, individui con malattie croniche, pazienti psichiatrici e adulti anziani.

Come misurare questo impegno

La capacità di impegno spirituale può essere facilmente misurata valutando le componenti della spiritualità come il significato, la pace, una connessione sperimentata con la fede/le credenze religiose e la connessione con qualcosa di sacro/universale. Gli autori del presente articolo credono che questa capacità di impegno spirituale si rifletta quasi universalmente nel desiderio di molte persone di “fare un passo indietro” dai loro sforzi per sperimentare una vita più soddisfacente e spirituale.

Le differenze nella spiritualità

Le differenze individuali nella spiritualità sono valutate attraverso una varietà di misure self-report, e una delle distinzioni importanti tra le misure è il grado in cui si fa ancora riferimento a credenze specifiche, o incorporate nella misura (come la credenza in Dio).

FACIT-Sp

Una delle misure più importanti, il Functional Assessment of Chronic Illness Therapy – Spiritual Well-Being subscale (FACIT-Sp), valuta due fattori, Significato e Pace, e Fede (Peterman et al., 2002). È stato sviluppato per essere applicabile a individui di diverse fedi, compresi gli atei, dimostra buone proprietà psicometriche ed è frequentemente usato nella documentazione sanitaria.

Le evidenze degli studi

Studi trasversali suggeriscono che il significato, la pace e le credenze di fede misurate dal FACIT-Sp sono associate alla qualità della vita nei pazienti affetti da cancro, così come al miglior funzionamento cognitivo e al supporto sociale (Kristeller et al., 2011; Jordan et al., 2014; Chaar et al., 2018).

Una serie di miglioramenti

Studi interventistici che utilizzano una varietà di trattamenti basati sulla mindfulness hanno portato a miglioramenti nella qualità della vita legata alla salute (Gross et al., 2017), riduzione dello stress legato al dolore cronico (Feuille e Pargament, 2015), e della spiritualità come valutato dal FACIT-Sp (Fish et al., 2014).

L’uso di esso per misurare il benessere spirituale nel programma MBSR ha dimostrato aumenti significativi su entrambi i fattori, correlati ad aumenti sulle misure di mindfulness e miglioramento su altre misure di benessere, tra cui depressione, ansia e sintomi medici riportati (Carmody etal.,2008).

Benefici attesi

Nella misura in cui la mindfulness può portare all’impegno spirituale (Kristeller e Jordan, 2018), ci si aspetta che i benefici per la salute probabilmente maturino in parte a causa di una migliore regolazione psico-biologica. Questi miglioramenti possono anche interagire con migliori comportamenti che sono associati alla salute.

È stato dimostrato che l’allenamento alla meditazione migliora i processi di autoregolazione e i risultati, abbassa le risposte del cortisolo e aumenta le risposte dell’immunoglobulina A secretoria (Tang et al., 2007).

 

Mindful Eating. Riconnettersi con il proprio corpo

Mindful Eating. Riconnettersi con il proprio corpo

 

Lo scopo del programma

L’intenzione  di MB-EAT è quella di aiutare gli individui a lasciar andare l’eccessiva preoccupazione per le questioni relative all’alimentazione e al peso, spostando di nuovo la loro attenzione e la loro energia su preoccupazioni e valori di livello superiore nella loro vita.

Il programma si basa sulla prospettiva che tutti gli aspetti del funzionamento umano possono essere potenziati attraverso l’uso della pratica della consapevolezza, e che questi includono la capacità spirituale come parte della costruzione della saggezza (Young-Eisendrath e Miller, 2000; Kristeller, 2003; Jeste et al., 2010).

Il concetto fondamentale della saggezza

MB-EAT attinge al concetto di “saggezza” in tutto il programma. Dalla prima sessione, il concetto di saggezza viene introdotto per sottolineare il valore della pratica di mindfulness per guardare dentro se stessi per fare scelte su cosa mangiare, quando mangiare, quanto mangiare, piuttosto che dipendere dalle rigide regole della mentalità della dieta.

Un insieme di pratiche

Il programma MB-EAT incorpora una vasta gamma di pratiche basate sulla mindfulness, tra cui la pratica della meditazione seduta; “mini-meditazioni” che durano da pochi secondi a pochi minuti, da utilizzare mentre si mangia e in altri momenti; esercizi di alimentazione guidata, iniziando con quattro chicchi di uva passa, e poi incorporando cibi e situazioni alimentari sempre più impegnativi; meditazioni guidate; e una sostanziale pratica a casa e discussioni di gruppo.

Una ricorrenza

Di nuovo, il termine ‘saggezza’ è usato in molte delle meditazioni guidate, culminando in una Meditazione di Saggezza nella Sessione 10.

Fino a questa pratica la parola ‘spiritualità’ non è esplicitamente menzionata, tuttavia non è raro che i partecipanti, la maggior parte dei quali si identificano come cristiani, notino che la loro pratica di meditazione a volte evoca il tono della preghiera.

Una domanda fondamentale

Questo ci riconduce alla domanda originale. Come potrebbero essere compresi i nostri concetti di “saggezza” e “spiritualità”, sia a livello esperienziale che nell’ambito delle neuroscienze del funzionamento, in relazione alla crescita delle capacità legate alla pratica della mindfulness?

Un connubio

Questi termini sono spesso collegati nella letteratura relativa al valore delle pratiche religiose e spirituali, con un riconoscimento del fatto che queste tradizioni aiutano gli individui non solo a sperimentare più profondamente la propria spiritualità, ma li aiutano anche a dedicarsi alla saggezza e a un maggiore benessere per se stessi e per le loro comunità (Young-Eisendrath e Miller, 2000; Henry, 2013).

Dati questi forti legami storici, è possibile che la pratica della meditazione, allentando il dominio dei modelli reattivi altamente condizionati relativi ai comportamenti di sopravvivenza (come mangiare), e le risposte emotive che possono essere in gran parte situate nelle regioni cerebrali inferiori, apre intrinsecamente l’accesso a quelle parti della mente coinvolte nell’esperienza spirituale.

Una possibile spiegazione

Ed è quindi possibile che queste esperienze spirituali coinvolte durante la pratica meditativa “tornino indietro” per modulare il potere di questi collegamenti più primitivi, facilitando l’accesso a scelte più complesse, o “saggezza”, aumentando l’autoregolazione complessiva (Kristeller, 2007; Sharp, 2011).

Gli obiettivi dello studio

Pertanto, gli obiettivi specifici di questo studio consistevano nell’esplorare la possibilità che i risultati precedenti riguardanti l’impatto del programma MBSR sul benessere spirituale (misurato anche dal FACIT- Sp) (Carmody et al., 2008) si estendessero a un programma più focalizzato basato sulla mindfulness, per quanto riguarda gli esiti emotivi e alimentari, e nell’esplorare il ruolo dei cambiamenti nella mindfulness, come misurato dal FFMQ, su tali effetti.

 

La Mindfulness applicata alla Terapia di Coppia, con Caroline Welch ed Ellyn Bader

La Mindfulness applicata alla Terapia di Coppia, con Caroline Welch ed Ellyn Bader

 

MATERIALI E METODI

Partecipanti

Sessantuno partecipanti sono stati assegnati in modo casuale al gruppo MB- EAT e 56 partecipanti al gruppo di controllo di lista d’attesa. Sono stati considerati completatori coloro che hanno partecipato ad almeno sette delle 10 sessioni settimanali. L’87% del campione dello studio era di sesso femminile e la composizione razziale/etnica era composta per l’88% da bianchi, non ispanici, per il 9% da afroamericani e per il 3% da altri.

L’età media era di 49,9 anni (SD = 12,3, range = 19-76). L’IMC medio era di 42,5 (range = 35- 63,8). Tutti sono stati reclutati a Terre Haute, IN, Stati Uniti. Sono stati selezionati individui che avevano un BMI di 35 o superiore.

I criteri di selezione

Circa il 25% ha raggiunto i criteri DSM-V per BED durante la fase iniziale. I criteri di esclusione includevano una precedente o attuale pratica regolare di meditazione; la partecipazione concomitante a un programma di perdita di peso; e rispondenti ai criteri di depurazione della bulimia, oltre a qualsiasi indicazione di necessità aggiuntiva attiva per la gestione psichiatrica.

In totale, il 67,5% ha completato l’intervento MB-EAT. Non ci sono state differenze nelle caratteristiche demografiche tra coloro che hanno completato l’intervento e coloro che non l’hanno completato.

Misure

I partecipanti sono stati valutati in una serie di aree, compresi i problemi legati all’alimentazione e al peso, la regolazione emotiva, lo stato di mindfulness e il benessere spirituale.

Le misure di valutazione qui riportate includono la Binge Eating Scale (BES) (Gormally et al., 1982), il Beck Depression-II and Anxiety Inventories (BDI-II; BAI) (Beck et al., 1996), il Five Facet Mindfulness Questionnaire (FFMQ) (Baer et al., 2008), e la Functional Assessment of Chronic Illness Therapy – Spiritual Well-Being Scale (FACIT-Sp) (Peterman et al., 2002).

Alimentazione e regolazione emotiva

Il BES, piuttosto che essere diagnostico del BED, è sensibile a vari aspetti della sovralimentazione compulsiva e ad altri fattori alimentari, come l’alimentazione emotiva ed è appropriato per individui con una gamma più ampia di problemi di sovralimentazione rispetto al BED.

Mindfulness

L’FFMQ, sviluppato per l’uso con non-meditatori e basato sull’analisi dei fattori di una serie di misure di mindfulness precedentemente pubblicate, ha cinque fattori distinguibili: Osservare; Descrivere; Agire con consapevolezza; Non giudicare; e Non reattivo.

Questi implicano, rispettivamente, osservare le esperienze del momento presente, descrivere le esperienze (applicando etichette verbali), agire con consapevolezza piuttosto che “senza pensare”/automaticamente, accettare le esperienze del momento presente senza giudizio, e non reagire alle esperienze negative.

Benessere spirituale

Il FACIT-Sp, contenente due fattori, Significato e Pace [Significato/Pace (S/P)], e Fede, è stato sviluppato per valutare questi aspetti separabili del coinvolgimento spirituale/religioso in individui con cancro e altre sfide mediche.

Gli item rappresentativi per Significato e Pace includono: “Sono in grado di raggiungere il profondo di me stesso per trovare conforto”; “Sento un senso di armonia dentro di me”; e per la Fede: “Ho rafforzato la mia fede o le mie convinzioni spirituali”; “Trovo conforto nella mia fede o nelle mie convinzioni spirituali”.

Procedura

Dopo la valutazione di base, i partecipanti idonei sono stati assegnati in modo casuale all’interno delle coorti all’intervento MB-EAT o a una lista d’attesa di controllo circa due settimane prima della sessione di trattamento iniziale. Ai partecipanti è stato fornito un breve orientamento individuale alla condizione loro assegnata.

I partecipanti sono valutati al baseline, a metà, subito dopo e a 1, 2 e 4 mesi di follow-up. Il punto di valutazione iniziale post-trattamento è stato dopo le 10 sessioni settimanali. I dati del FACIT-Sp sono raccolti immediatamente e al follow-up di 2 mesi.

Mindfulness-Based Eating Awareness Training

Il programma MB-EAT consiste in un intervento di 12 sessioni (10 sessioni settimanali con 2 sessioni mensili di richiamo). Le sessioni durano 2 ore e mezza, con 2 ore per le sessioni 11 e 12.

Il contrasto con gli approcci tradizionali e più restrittivi alla gestione del peso/perdita di peso è evidenziato fin dall’inizio, concentrandosi sulla flessibilità, e aumentando il piacere di mangiare. Il programma enfatizza continuamente lo sviluppo di modelli alimentari sostenibili per quanto riguarda la scelta del cibo, con un’enfasi sulla flessibilità giorno per giorno.

Le meditazioni

Le forme principali di meditazione includono la meditazione generale di consapevolezza, le meditazioni guidate per mangiare e le “mini-meditazioni” usate durante i pasti e nel corso della giornata. Modellata sul programma MBSR (Kabat-Zinn, 1990), la meditazione generale di mindfulness usa prima il respiro come focus della consapevolezza, seguito dalla meditazione di consapevolezza aperta, di qualsiasi pensiero, emozione o sensazione corporea sorga.

Le “mini-meditazioni”

Si basano concettualmente sul principio della pratica tradizionale di mindfulness di portare la consapevolezza momento per momento in tutte le attività.

La pratica della meditazione inizia con una meditazione generale di mindfulness di 10 minuti, che si estende a 20 minuti nella Sessione 3; circa a metà del programma, gli individui sono incoraggiati a provare a meditare senza la registrazione audio, e ad aumentare la loro pratica a 30 minuti.

Coltivare la consapevolezza

Molteplici pratiche di mindfulness alimentare guidate coltivano la consapevolezza delle esperienze di fame fisica, soddisfazione gustativa, segnali di sazietà (gusto, pienezza e sazietà corporea) e scelta del cibo, utilizzando piccole quantità di cibi sempre più impegnativi, oltre a pensieri, sentimenti e fattori socio-ambientali scatenanti il mangiare/abbuffarsi.

I cibi e le pratiche alimentari

Con l’eccezione del mangiare consapevolmente l’uva passa, adattato dal programma MBSR, tutte le pratiche alimentari sono sviluppate per MB-EAT, incorporando cibi spesso identificati come frequentemente mangiati in eccesso, tra cui formaggio e cracker, cioccolato, patatine di mais e biscotti.

Per un pasto al sacco nella Sessione 7, i partecipanti portano due piatti (uno “più sano” e uno meno, che rappresenta un cibo che vorrebbero continuare a mangiare con moderazione). Questa esperienza integra tutti gli elementi del mangiare consapevole all’interno di un’esperienza di pasto completo, preparando i partecipanti per un compito culminante di pratica a casa che consiste nell’andare a un “all you can eat buffet”.

Ulteriori pratiche incluse

Le pratiche di consapevolezza del corpo rappresentano un’altra componente del trattamento di “saggezza interiore”, tra cui lo yoga su sedia, un esercizio di scansione del corpo e l’auto-tocco curativo, che estende l’auto-accettazione alle dimensioni e alla forma del corpo.

I componenti di “saggezza esterna”

Con lo sviluppo del programma MB-EAT, i componenti di “saggezza esterna”, compresi i modi per affrontare con consapevolezza la gestione del peso, un’alimentazione più sana e l’aumento dell’attività fisica, sono diventati componenti fondamentali.

Questi includono la “500 Calorie Challenge”, mangiare in risposta ai bisogni energetici, modi per migliorare il contenuto nutrizionale pur mantenendo i cibi preferiti, e l’uso di un pedometro per aumentare la consapevolezza e aumentare gradualmente l’attività fisica.

Lo svolgimento

Ogni sessione inizia con una breve pratica di meditazione/consapevolezza del corpo, con istruzioni più estese nelle prime quattro sessioni. Questo è seguito da 15-20 minuti per l’indagine e la discussione dei progressi e delle difficoltà incontrate durante la settimana precedente.

Ogni sessione si concentra su un tema specifico relativo alla normalizzazione dei modelli alimentari, all’aumento di un’alimentazione più sana ed equilibrata e alla gestione dei fattori scatenanti non nutrizionali per la sovralimentazione.

 

Comprendere e gestire gli effetti negativi della Mindfulness con Willoughby Britton

Comprendere e gestire gli effetti negativi della Mindfulness con Willoughby Britton

Le pratiche domestiche

Esse includono la pratica della meditazione, esercizi di mindful eating, e altre pratiche specifiche per il tema di ogni settimana.

Analisi statistica

Ipotesi 1

Per testare l’ipotesi 1, che il MB-EAT accresca la spiritualità, sono state condotti due test ANOVA per determinare l’effetto del trattamento sulle misure FACIT-Sp S/P e Fede.

Ipotesi 2

Per testare l’ipotesi 2, che la spiritualità sarebbe associata a risultati emotivi e di comportamento alimentare salubri, sono stati calcolati i punteggi di cambiamento per i fattori FACIT e BDI-II, BAI, e BES .

Le analisi di correlazione sono state utilizzate per esaminare la relazione tra il cambiamento nella spiritualità e il cambiamento nei risultati del comportamento emotivo e alimentare.

Ipotesi 3

Per testare l’ipotesi 3, che la spiritualità è associata alla mindfulness, sono stati calcolati i punteggi di cambiamento per i fattori FFMQ, e sono state condotte analisi di correlazione per esaminare la relazione tra il cambiamento nella spiritualità e il cambiamento nei fattori FFMQ.

Ipotesi 4

Infine, per testare l’ipotesi 4, secondo cui la spiritualità avrebbe mediato la relazione tra i cambiamenti nella mindfulness e i risultati del comportamento emotivo e alimentare, sono stati condotti modelli di mediazione semplici.

Risultati e discussione

I risultati trovati in questo studio per gli effetti del MB-EAT sul benessere spirituale e la loro relazione con altre variabili sono in gran parte paralleli a quelli trovati nella ricerca precedente che indaga gli effetti del MBSR sul benessere spirituale (Carmody et al., 2008).

Anche se gli aumenti nel programma MB-EAT sui valori FACIT-Sp dal baseline ai risultati immediati erano un po’ più ridotti rispetto al programma MBSR, erano ancora significativi nella loro relazione con altri cambiamenti.

Ulteriori evidenze

Simili ai risultati trovati nello studio MBSR sono anche le chiare relazioni tra gli aumenti di Significato/Pace e Fede e le diminuzioni di ansia e depressione.

Vale la pena considerare ulteriormente l’evidenza del valore autoregolativo del benessere spirituale sul comportamento, coerente con un collegamento tra l’impegno spirituale/fede e il concetto di saggezza, al di là del valore emotivo positivo di tali esperienze spirituali o dei possibili effetti sulla depressione.

Un maggior benessere spirituale

I risultati suggeriscono che gli individui che sperimentano un maggiore benessere spirituale, possono anche impegnare più pienamente ciò che chiamiamo “saggezza” all’interno dell’intervento, mentre lasciano cadere le lotte croniche intorno al cibo, il loro peso e il loro senso di sé che avevano precedentemente sperimentato.

I limiti

Questo studio ha diverse limitazioni. In primo luogo, c’era un tasso di abbandono relativamente alto, e la possibilità di effetti di autoselezione non può essere completamente esclusa. In secondo luogo, abbiamo usato solo una misura di spiritualità.

Dato il dibattito sul costrutto della spiritualità, l’utilizzo di misure multiple, con concettualizzazioni un po’ diverse della spiritualità, può aiutare i futuri ricercatori a determinare quali aspetti della spiritualità sono più sensibili agli interventi che coinvolgono la mindfulness.

Una prospettiva futura

La psicologia della spiritualità continua a muoversi in direzioni interessanti e la ricca storia della mindfulness e degli interventi associati continuerà a incrociarsi con questo campo.

Come capacità umana universale, la comprensione della psicologia della spiritualità deve essere intrapresa piuttosto che ignorata.

 

ACT Acceptance and Commitment Therapy in azione, con Steven Hayes

ACT Acceptance and Commitment Therapy in azione, con Steven Hayes

 

 

Articolo liberamente tradotto e adattato.

Fonte: Kristeller, J. L., & Jordan, K. D. (2018). Mindful eating: Connecting with the wise self, the spiritual self. Frontiers in psychology, 9, 1271. https://www. frontiersin.org/ articles/ 10.3389/ fpsyg.2018.01271/full

Corsi correlati

Corso Online
24 ECM
Compassion Focused Therapy – Training di 1° livello
La live si terrà il 24 febbraio 2023
269€
o 45 € al mese a tasso 0.
Iscriviti al corso
Corso Online
L’uso della Libroterapia in contesti individuali e gruppali
La live si terrà il 12 gennaio 2023
223€
o 37 € al mese a tasso 0.
Iscriviti al corso

Articoli correlati

Famiglia e Genitorialità
Strategie di relazione per supportare genitorialità positiva
Una relazione di attaccamento sicuro con almeno un adulto sano è essenziale affinché un...
Disturbi dell'Umore / Depressione
Depressione: 9 interventi di Psicoterapia Sensomotoria
Dato il modo in cui le nostre vite sono state sconvolte negli ultimi anni, molti dei nostri...

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Have no product in the cart!
0