Accedi

Narcisismo e Suicidio: il ruolo della Disregolazione Emotiva

Narcisismo

L’ideazione del suicidio è definita come il desiderio di suicidarsi e/o di pianificare tentativi di suicidio (O’Carroll, Berman, Maris, Moscicki, Tanney & Silverman, 1996). La ricerca sui fattori di rischio per l’ideazione suicidaria ha implicato diverse caratteristiche (Klonsky, May & Saffer, 2016), inclusi i disturbi della personalità (May, Klonsky & Klein, 2012) e la disregolazione emotiva (Ong & Thompson, 2018).

La maggior parte degli studi che esaminano la relazione tra comportamento suicida (cioè qualsiasi azione che potrebbe causare la morte di una persona) e disturbi della personalità è stata condotta tra individui con disturbi di personalità borderline. Tuttavia, altri disturbi della personalità erano positivamente collegati a comportamenti suicidi, inclusa l’ideazione suicidaria (Sz€ucs, Szanto, Aubry e Dombrovski, 2018).

Uno sguardo al narcisismo

Il narcisismo è considerato la base per i bisogni di convalida e di autoaffermazione (Pincus, Ansell, Pimentel, Cain, Wright & Levy, 2009), quando risulta in esiti patologici i cui meccanismi adattivi per mantenere un’immagine relativamente positiva di sé sono compromessi (Kealy & Rasmussen, 2011).

In questi casi si osservano difficoltà nell’autostima e nelle relazioni interpersonali, ma anche nell’elaborazione di strategie utili per far fronte a delusioni, fallimenti e minacce alla propria immagine. Le lotte nella gestione di bisogni così intensi di convalida e ammirazione portano a conseguenze psicopatologiche che si manifestano come un’essenza grandiosa, un tipo di narcisismo identificato dal DSM-5 (American Psychiatric Association, 2013).

Una prospettiva psicoanalitica narcisistica

Il disturbo di personalità può essere descritto come un continuum che vede, da un lato, un individuo invidioso e avido che richiede costantemente l’attenzione degli altri e, dall’altro, un individuo vulnerabile, sensibile ai giudizi esterni, che tende facilmente all’auto-frammentazione (Gabbard, 2014).

La manifestazione del narcisismo grandioso sembra essere caratterizzata da predominio, vendetta, sfruttamento interpersonale, sperimentazione di rabbia e aggressività, ricerca costante di auto-miglioramento e mancanza di consapevolezza dell’impatto che i suoi comportamenti possono avere sugli altri (Dickinson & Pincus, 2003) . Allo stesso modo, anche nel narcisismo vulnerabile quando si disprezzano le aspettative grandiose, si generano esplosioni di rabbia e ostilità, ma in questo caso queste reazioni sono seguite da esperienze di vergogna e depressione. Tuttavia, le fantasie e le affermazioni di grandiosità si nascondono dietro la timidezza, l’attenzione per gli altri, la paura della disapprovazione e del giudizio degli altri, l’evitamento sociale, la freddezza emotiva e la paura di provare vergogna a causa dei propri bisogni (Dickinson & Pincus, 2003).

Una differenza

Partendo dal presupposto che entrambe le forme di narcisismo presentino deficit condivisi, soprattutto per quanto riguarda le questioni identitarie, legate a sentimenti contrastanti di grandiosità e vulnerabilità (Given-Wilson, McIlwain & Warburton, 2011), la differenza sostanziale tra i due tipi di narcisismo risiede nel manifesto o nascosto carattere di fantasie grandiose, sebbene la maggior parte degli individui mostri un certo grado di fluttuazione espressiva tra grandiosità e vulnerabilità.

Quindi, le manifestazioni fenotipiche di grandiosità e vulnerabilità sono semplicemente modi prevalenti di gestire, affrontare e manifestare il nucleo del narcisismo patologico (cioè, preoccupazione e assorbimento autodiretti, disprezzo per gli altri). La grandiosità narcisistica è caratterizzata da un’immagine di sé eccessivamente positiva associata a comportamenti e atteggiamenti basati su caratteristiche di arroganza, presunzione e dominio; la vulnerabilità narcisistica è caratterizzata da un fluttuante senso di autostima associato a esperienze di vergogna, vuoto, disperazione e ritiro sociale (Akhtar, 2003; Dickinson & Pincus, 2003; Pincus et al., 2009; Ronningstam, 2005).

Nonostante ciò, gli autori sottolineano che queste caratteristiche non devono essere confuse con gli elementi che definiscono la patologia, in quanto rappresentano esclusivamente elementi descrittivi delle due modalità espressive del narcisismo patologico (Pincus & Roche, 2011).

Inventario del narcisismo patologico

Il risultato del processo di operazionalizzazione di questa concettualizzazione del narcisismo è stato l’Inventario del narcisismo patologico (PNI; Pincus et al., 2009). Preceduto da un’attenta revisione della letteratura teorica ed empirica sul narcisismo (Cain, Pincus & Ansell, 2008), il PNI è stato costruito con l’esplicito scopo di misurare il narcisismo patologico sia nelle sue manifestazioni grandiose che vulnerabili, con particolare attenzione non solo all’aspetto comportamentale ma anche alle caratteristiche del funzionamento tipico di questa patologia, che risiede nella coesistenza di bisogni narcisistici rigidi e pervasivi con deficit di autoregolazione.

Attualmente è l’unico strumento che consente una valutazione multidimensionale del narcisismo patologico (Pincus, 2013; Pincus et al., 2009; Wright et al., 2010).

Suicidio nelle personalità narcisistiche

I disturbi di personalità sono considerati un importante fattore di rischio, caratterizzando circa il 15% dei suicidi nei pazienti ospedalizzati e quasi il 12% in quelli ambulatoriali (Bertolote & Fleishmann, 2002; Bertolote, Fleischmann, De Leo & Wasserman, 2004), soprattutto considerando i disturbi del cluster B.

Complessivamente, i comportamenti suicidi negli individui affetti da narcisismo patologico consistono in uno specifico tipo di rabbia e aggressività autodiretta legata a lesioni provocate all’Io da eventi che minacciano il senso di superiorità e importanza del narcisista (Ronningstam & Maltsberger, 1998).

 

Diagnosi e trattamento delle diverse forme di Narcisismo patologico

Diagnosi e trattamento delle diverse forme di Narcisismo patologico

 

 

Alcune caratteristiche comuni

Nonostante l’evidenza, non è possibile non considerare alcuni fattori che potrebbero intervenire nel rapporto tra narcisismo e ideazione suicidaria. Ad esempio, numerosi autori hanno suggerito che l’affettività negativa (cioè la tendenza a provare un’ampia gamma di emozioni negative) è fortemente legata al narcisismo, poiché l’instabilità della percezione del proprio valore è fluttuante e fortemente dipendente dai feedback del mondo esterno (Rhodenwalt, Madrian & Cheeney, 1998).

Disregolazione emotive

Considerando le dimensioni costitutive della disregolazione emotiva secondo il modello di Gratz e Roemer (2004), la ricerca evidenzia che le menomazioni nella regolazione delle emozioni negative sono estremamente legate a comportamenti disadattivi (Buckholdt, Parra, Anestis et al., 2015; Garofalo et al., 2018) e psicopatologie (Gillespie, Garofalo & Velotti, 2018; Rogier & Velotti, 2018; Sheppes, Suri & Gross, 2015), che comprendono i disturbi di personalità (Dimaggio, Popolo, Montano et al., 2017; Garofalo et al., 2018) .

Secondo Morf e Rhodewalt (2001), la continua ricerca di ammirazione, approvazione e gratificazione può essere un preciso indicatore dell’incapacità di regolare autonomamente i propri stati interni. Tenendo conto della relazione tra narcisismo e disregolazione emotiva, Besser e Priel (2010) hanno confrontato il narcisismo grandioso e il narcisismo vulnerabile in termini di reazioni emotive in risposta alle minacce legate al mancato raggiungimento dei risultati e ai rifiuti interpersonali, sottolineando che entrambi i tipi di narcisismo hanno mostrato associazioni con reattività emotiva negativa correlata a specifiche situazioni minacciose (Besser & Priel, 2010).

Ulteriori evidenze

Anche le difficoltà nella regolazione delle emozioni negative sono state associate positivamente all’ideazione e ai tentativi di suicidio (Hatkevich, Penner & Sharp, 2019).

La disregolazione emotiva può influenzare il senso di onnipotenza e controllo interno e mettere in difficoltà le persone con patologia narcisistica, cioè le emozioni negative come la vergogna possono attivare uno stato depressivo, rabbia narcisistica e intenzione autolesionista allo stesso tempo (Jaksic, Marcinko, Hanzek, Rebernjak e Ogrodniczuk, 2017).

Lo studio

Il presente studio si propone di indagare il modo in cui il narcisismo patologico e la disregolazione emotiva cooperano con l’ideazione suicida. Nello specifico, intendiamo indagare se alcuni aspetti del narcisismo e della disregolazione emotiva siano associati all’ideazione suicidaria, ipotizzando che la disregolazione emotiva media la relazione tra narcisismo vulnerabile e ideazione suicidaria.

Le domande di ricerca per questo studio erano: il narcisismo è un fattore di rischio per l’ideazione suicidaria? Quale dimensione del narcisismo è più legata all’ideazione del suicidio? La disregolazione emotiva gioca un ruolo nella relazione tra narcisismo e suicidio?

Partecipanti e procedura

La ricerca ha raggiunto un campione di 224 adulti. Il campione clinico è composto da 70 soggetti (44,1% maschi) reclutati in due servizi di salute mentale italiani con un’età media di 35,18 anni (DS = 15,62) che sono giunti all’attenzione clinica a seguito di ideazione o tentativo di suicidio. Il campione di confronto è composto da 154 soggetti (41,2% maschi) reclutati attraverso un campionamento a valanga, con un’età media di 27,41 anni (DS = 12,17).

Ai partecipanti è stato chiesto di compilare questionari di autovalutazione sotto la supervisione di uno psicologo. Tutte le procedure rispettavano le indicazioni ufficiali stabilite dall’American Psychological Association e sono state approvate dal Research Ethic Board dell’Università di Roma – Sapienza (N. 21/2018).

Le misure

Ciascun partecipante ha completato un protocollo di ricerca composto da questionari autosomministrati; un questionario iniziale ha raccolto informazioni demografiche (ad es. Età, sesso).

I livelli di narcisismo patologico sono stati misurati attraverso l’uso del Pathological Narcisism Inventory – PNI (Fossati, Feeney, Pincus, Borroni & Maffei, 2015; Pincus et al., 2009). Il questionario fornisce due punteggi principali che indicano i livelli di Narcisismo Grandioso e Narcisismo Vulnerabile attraverso la convergenza di sette sottoscale che identificano le componenti principali dei costrutti.

La disregolazione emotiva è stata valutata attraverso l’uso della Difficulties in Emotion Regulation Scale – DERS (Giromini, Velotti, de Campora, Bonalume & Cesare Zavattini, 2012; Gratz & Roemer, 2004). Questo questionario di autovalutazione è composto da sei sottoscale (36 item) basate sui sei fattori che riflettono la definizione multidimensionale di regolazione delle emozioni.

I livelli di ideazione del suicidio sono stati misurati mediante l’uso della scala Beck per l’ideazione del suicidio – BSI (Beck, Brown & Steer, 1997; Beck, Kovacs & Weissman, 1979). Questo questionario di autovalutazione è composto da 19 item che riflettono lo spettro delle preoccupazioni suicidarie.

I livelli di affettività negativa sono misurati attraverso il Personality Inventory for DSM-5-Brief Form (PID-5-BF), un inventario self-report di 25 item progettato per valutare i tratti della personalità del modello alternativo per i disturbi di personalità basato sulla disfunzione della personalità e tratti patologici della personalità introdotti con la pubblicazione della quinta edizione del Manuale Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM-5).

Analisi Statistica

Per l’analisi dei dati è stato utilizzato il software SPSS 25.0. L’analisi dei dati è effettuata sull’intero campione attraverso il calcolo delle medie, delle deviazioni standard e delle frequenze dei punteggi ottenuti dai soggetti. Per analizzare le relazioni tra narcisismo, disregolazione emotiva e ideazione suicidaria (sia per le scale totali che per le sottoscale) è calcolata una matrice per la correlazione di Pearson.

Per valutare accuratamente il ruolo predittivo del narcisismo e della disregolazione emotiva sull’ideazione del suicidio controllando l’effetto dell’età, del sesso e dell’affettività negativa, è stata eseguita una regressione lineare gerarchica multipla. Al fine di verificare l’ipotesi di mediazione è stato utilizzato SPSS Macro PROCESS (Hayes, 2012), che ha consentito di verificare gli effetti di mediazione, sia diretti che indiretti, dei coefficienti analizzati. La tecnica Bootstrap è stata utilizzata per calcolare gli effetti indiretti.

 

International Meeting on Personality Disorders

 

Risultati

Differenze tra i gruppi

Abbiamo esplorato se i due gruppi differissero nel narcisismo patologico utilizzando un’analisi multivariata della covarianza (MANCOVA). Prima di effettuare l’analisi, abbiamo testato l’omogeneità delle varianze attraverso il test di Levene sia per Grandiosità (F(1, 204) = 0.169, p = 0.681, g2p = 0.004) che per Vulnerabilità (F(1, 204) = 0.380, p = 0.538, g2p = 0.143), che si è rivelato non significativo per le variabili in esame e ha permesso di effettuare il confronto tra i gruppi.

I risultati hanno indicato che i due gruppi erano significativamente differenti su tutte le dimensioni riguardanti il ​​narcisismo.

Associazioni tra variabili

In accordo con le ipotesi formulate, le analisi hanno identificato una correlazione positiva significativa tra il punteggio dell’ideazione suicidaria e il punteggio totale della disregolazione emotiva (r = 0,324; p <0,001).

Le analisi hanno anche mostrato una correlazione positiva significativa tra ideazione suicidaria e vulnerabilità narcisistica (r = 0,227; p <0,001) e una correlazione non significativa con grandiosità narcisistica (r = 0,067; p = 0,416).

Ipotesi di mediazione

Abbiamo mirato a testare contemporaneamente le ipotesi che il narcisismo vulnerabile e la disregolazione emotiva predicono in modo diretto la gravità dell’ideazione suicidaria e che i livelli di disregolazione emotiva mediano la relazione tra narcisismo vulnerabile e ideazione suicidaria, controllando l’età, il sesso e l’affettività negativa. Pertanto, abbiamo eseguito questa analisi combinata utilizzando il macro PROCESSO per SPSS (Hayes, 2012).

Abbiamo verificato che il narcisismo vulnerabile (cioè la scala di vulnerabilità PNI) fosse un predittore significativo dei punteggi BSI; che il narcisismo vulnerabile ha predetto in modo significativo il nostro mediatore (cioè il punteggio totale DERS) (Fase 2) e che il punteggio totale DERS ha predetto significativamente i punteggi BSI oltre l’effetto del narcisismo vulnerabile (Fase 3).

Infine, abbiamo testato l’ipotesi di mediazione (Fase 4). Abbiamo scoperto che il punteggio DERS Total mediava totalmente la relazione tra narcisismo vulnerabile e punteggi BSI.

Discussione

La presente ricerca contribuisce al panorama delle indagini sul rischio di suicidio. Questo studio mira a definire meglio l’interazione tra narcisismo e disregolazione emotiva nel predire l’ideazione del suicidio.

Nello specifico, in linea con le evidenze che suggeriscono l’esistenza di percorsi differenti riguardo alle due dimensioni del narcisismo patologico (Ellison et al., 2013; Jauk & Kaufman, 2018) i risultati hanno mostrato sia l’assenza di una significativa associazione tra ideazione suicidaria e narcisismo grandioso sia un’associazione tra narcisismo vulnerabile e ideazione suicidaria.

Inoltre, i dati corroborano la forte associazione tra la dimensione delle strategie e l’ideazione del suicidio, in linea con l’ipotesi che il sentimento di impotenza nella gestione delle proprie risposte emotive, come conseguenza della percezione della mancanza di strategie efficaci, possa contribuire all’ideazione del suicidio.

I risultati di mediazione

Nel complesso, considerando la complessa interazione tra le variabili indagate nello studio, il dato più interessante riguarda il ruolo di mediazione della disregolazione emotiva nella relazione tra narcisismo vulnerabile e ideazione suicidaria. I nostri dati suggeriscono che l’influenza della vulnerabilità narcisistica sull’ideazione del suicidio può essere influenzata dalla difficoltà di regolare le emozioni negative più che dalle emozioni negative di per sé, che è una caratteristica che si trova spesso nel narcisismo patologico.

Ciò implica che un individuo con patologia narcisistica che sperimenta emozioni negative può avere pensieri suicidi dovuti all’incapacità di comprendere e regolare i suoi stati affettivi, piuttosto che alla presenza pervasiva di emozioni negative.

Limiti

Tuttavia, alcune limitazioni importanti devono essere discusse. La limitata dimensione del campione clinico e la tecnica a valanga adottata per il reclutamento del campione di controllo, non consente analisi statistiche più complesse e allo stesso tempo rende molto delicata la generalizzazione dei risultati ottenuti.

Inoltre, per testare il ruolo di mediazione della disregolazione emotiva nella relazione tra narcisismo e ideazione suicidaria, abbiamo scelto di concentrare le nostre analisi solo sul punteggio totale DERS.

Conclusioni

Nel loro insieme, i nostri risultati confermano l’importanza di considerare molteplici fattori interagenti nella spiegazione del comportamento suicidario. Miriamo a far luce su alcuni di essi, dimostrando che le caratteristiche della personalità, come il narcisismo vulnerabile, svolgono un ruolo significativo nell’ideazione del suicidio e che il suo contributo è totalmente mediato dalla disregolazione emotiva.

In attesa di ricerche che sveleranno il ruolo delle singole componenti della regolazione delle emozioni o di ulteriori elementi intermedi, ad esempio rappresentazioni dell’attaccamento (Pace et al., 2020), abilità di mentalizzazione, alessitimia o strategie di regolazione delle emozioni (Pace, Di Folco & Guerriero, 2018), i nostri risultati suggeriscono che la disregolazione emotiva rappresenta una delle variabili da considerare nella valutazione del rischio suicidario e nella pianificazione del trattamento per la sua riduzione, in particolare in presenza di caratteristiche narcisistiche.

 

Disturbo Ossessivo-Compulsivo – SUMMIT 2022

Disturbo Ossessivo Compulsivo – SUMMIT 2022

 

Liberamente tradotto e adattato.

Fonte: Ponzoni, S., Beomonte Zobel, S., Rogier, G., & Velotti, P. (2021). Emotion dysregulation acts in the relationship between vulnerable narcissism and suicidal ideation. Scandinavian Journal of Psychology, 62(4), 468-475. https://onlinelibrary.wiley.com/doi/full/10.1111/sjop.12730

Corsi correlati

Corso Online
36 ECM
Dialoghi sulla Relazione Terapeutica 2023
La live si terrà il 31 gennaio 2023
167€
Iscriviti al corso
Corso Online
45 ECM
Il Neurofeedback nella Pratica Clinica – Certificazione BCIA
La live si terrà il 07 marzo 2023
350€
o 58 € al mese a tasso 0.
Iscriviti al corso

Articoli correlati

Famiglia e Genitorialità
Strategie di relazione per supportare genitorialità positiva
Una relazione di attaccamento sicuro con almeno un adulto sano è essenziale affinché un...
Disturbi dell'Umore / Depressione
Depressione: 9 interventi di Psicoterapia Sensomotoria
Dato il modo in cui le nostre vite sono state sconvolte negli ultimi anni, molti dei nostri...

0 thoughts on “Narcisismo e Suicidio: il ruolo della Disregolazione Emotiva

  • Maria Migliaccio says:

    Esiste una popolazione di individui narcisisti di tipo vulnerabile ,,essi stessi a loro volta figli di genitori ipertraumatizzati e spesso venuti a contattto con situazioni in cui il suicidio poteva essere considerato una via d’uscita.Come comportarsi con queste persone che inconsapevolmente per tutta la vita si trascinano dietro un imprinting fortissimo al punto da identificarsi in esso anche se esso appartiene al genitore .Essi a loro volta formano una famiglia ,ovviamente non sono in grado di essere capi famiglia ,ma restano vittime e conducono sempre tale ruolo anche in ambito familiare ,facendo leva,nelle relazioni,sui sensi di colpa dei propri familiari
    Essi sono sensibilissimi ,vulnerabili e non in grado di sostenere una famiglia ….per cui vi saranno figli che soffrono a loro volta delle disregolazioni emotive del loro genitore ..il quale non sa prendere le distanze a sua volta dal proprio …e così si perpetua una vita basata su emotività distorte …NON È VITA ,soprattutto per i figli …che per fortuna riescono a mantenere la salute mentale ,spesso grazie all’altro genitore attento e capace di comprendere il disastro emotivo nel quale è costretto ad interagire ….
    Secondo la mia personale indagine di un vissuto diretto e reale ,
    Il colpevole è senza dubbio La Società, col suo sistema DISREGOLATO,dove chi ha il potere economico forse ha più margine di vivere in salute sia emotiva che psicofisica.
    Molto interessante ed anche illuminante conoscere quale tipologia di narcisista è più interessato al suicidio ,ma i parametri di aiuto sono cmq scarsi e applicabili solo a chi chiede aiuto e supporto psicologico….per tutti gli altri lo scenario non cambia anzi si cristallizza e si perpetua .

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Have no product in the cart!
0