Accedi

Le tappe dello Sviluppo Cognitivo

Le tappe dello Sviluppo Cognitivo

Le tappe cognitive rappresentano importanti passi avanti nello sviluppo del bambino.

Nel corso della storia dell’umanità, i bambini sono stati spesso considerati come semplici esseri passivi. Prima del XX secolo, i bambini erano spesso visti semplicemente come versioni in miniatura degli adulti. Solo quando psicologi come Jean Piaget hanno proposto che i bambini pensano in modo diverso dagli adulti, si è cominciato a considerare l’infanzia e l’adolescenza come un periodo unico di crescita e sviluppo.

Gli adulti hanno spesso ignorato le notevoli capacità intellettuali dei neonati e dei bambini molto piccoli, ma i pensatori e i ricercatori moderni hanno scoperto che i bambini in realtà imparano, pensano ed esplorano continuamente il mondo che li circonda. Persino i neonati sono attivi nell’acquisizione di informazioni e nell’apprendimento di nuove cose. Oltre a raccogliere nuove informazioni sulle persone e sul mondo che li circonda, i bambini scoprono costantemente nuove cose su se stessi.

 

Sviluppo Cognitivo dalla nascita ai 3 mesi

I primi 3 mesi di vita del bambino sono un periodo di meraviglia. Le principali tappe dello sviluppo a questa età sono incentrate sull’esplorazione dei sensi di base e sulla conoscenza del corpo e dell’ambiente. In questo periodo, la maggior parte dei neonati inizia a:

  • Dimostrare comportamenti di anticipazione, come il radicamento e la suzione in corrispondenza del capezzolo o del biberon.
  • Percepire le differenze di tono e di volume dei suoni
  • Riconoscere più chiaramente gli oggetti entro una distanza di 33 centimetri
  • Mettere a fuoco gli oggetti in movimento, compresi i volti di chi li accudisce
  • Vedere tutti i colori dello spettro visivo umano
  • Distinguere i sapori: dolce, salato, amaro e acido
  • Utilizzare le espressioni facciali per rispondere all’ambiente circostante.

Sviluppo Cognitivo dai 3 ai 6 mesi

Nella prima infanzia, le capacità percettive sono ancora in fase di sviluppo. A partire dall’età di 3-6 mesi, i bambini iniziano a sviluppare un senso di percezione più forte. A questa età, la maggior parte dei bambini inizia a:

  • Imitare le espressioni facciali
  • Reagire a suoni familiari
  • Riconoscere volti familiari
  • Rispondere alle espressioni facciali di altre persone

Sviluppo Cognitivo dai 6 ai 9 mesi

Guardare dentro la mente di un neonato non è un compito facile. Dopo tutto, i ricercatori non possono semplicemente chiedere a un bambino cosa sta pensando in un determinato momento. Per saperne di più sui processi mentali dei neonati, i ricercatori hanno ideato una serie di compiti creativi che rivelano il funzionamento interno del cervello dei bambini.

A partire dall’età di 6-9 mesi, i ricercatori hanno scoperto che la maggior parte dei bambini inizia a:

  • Guardare più a lungo cose “impossibili”, come un oggetto sospeso a mezz’aria.
  • Distinguere le differenze tra immagini che raffigurano un numero diverso di oggetti
  • Comprendere le differenze tra oggetti animati e inanimati
  • Utilizzare le dimensioni relative di un oggetto per determinare la sua distanza.

Sviluppo Cognitivo dai 9 ai 12 mesi

Quando i bambini diventano più abili fisicamente, sono in grado di esplorare il mondo che li circonda in modo più approfondito. Stare seduti, gattonare e camminare sono solo alcune delle tappe fisiche che permettono ai bambini di acquisire una maggiore comprensione mentale del mondo che li circonda.

Quando si avvicinano a 1 anno di età, la maggior parte dei bambini è in grado di:

  • Guardare con piacere i libri illustrati
  • Imitare i gesti e alcune azioni di base
  • Manipolare gli oggetti girandoli, cercando di mettere un oggetto in un altro, ecc.
  • Rispondere con gesti e suoni
  • Comprendere il concetto di permanenza degli oggetti, ovvero l’idea che un oggetto continua a esistere anche se non può essere visto.

 

Sviluppo Cognitivo da 1 a 2 anni

Dopo l’anno di età, lo sviluppo fisico, sociale e cognitivo dei bambini sembra crescere a passi da gigante. A questa età i bambini passano una quantità enorme di tempo a osservare le azioni degli adulti, quindi è importante che i genitori e chi si occupa di loro diano buoni esempi di comportamento.

La maggior parte dei bambini di un anno inizia a

  • Identificare oggetti simili
  • Imitare le azioni e il linguaggio degli adulti
  • Imparare attraverso l’esplorazione
  • Indicare oggetti e persone familiari nei libri illustrati
  • Dire la differenza tra “io” e “tu”.
  • Capire e rispondere alle parole

Sviluppo Cognitivo da 2 a 3 anni

A 2 anni i bambini diventano sempre più indipendenti. Poiché ora sono in grado di esplorare meglio il mondo, gran parte dell’apprendimento in questa fase è frutto delle loro esperienze.

La maggior parte dei bambini di due anni è in grado di:

  • Riconoscere il proprio riflesso nello specchio, chiamandolo per nome
  • Imitare azioni adulte più complesse (giocare in casa, fingere di fare il bucato, ecc.)
  • Associare gli oggetti ai loro usi
  • Nominare gli oggetti in un libro illustrato
  • Rispondere a semplici indicazioni dei genitori e di chi si prende cura di loro
  • Ordinare gli oggetti per categoria (ad esempio, animali, fiori, alberi, ecc.)
  • Impilare gli anelli su un piolo dal più grande al più piccolo

Sviluppo Cognitivo da 3 a 4 anni

I bambini diventano sempre più capaci di analizzare il mondo che li circonda in modi più complessi. Osservando le cose, iniziano a classificarle e a suddividerle in diverse categorie, spesso definite schemi.

Poiché i bambini diventano molto più attivi nel processo di apprendimento, iniziano anche a porsi domande sul mondo che li circonda. “Perché?” diventa una domanda molto comune a questa età.

All’età di tre anni, la maggior parte dei bambini è in grado di:

  • Porre domande sul “perché” per ottenere informazioni
  • Dimostrare consapevolezza del passato e del presente
  • Imparare osservando e ascoltando le istruzioni
  • Mantenere un tempo di attenzione più lungo, da 5 a 15 minuti circa
  • Organizzare gli oggetti per dimensione e forma
  • Cercare risposte alle domande
  • Capire come raggruppare e abbinare gli oggetti in base al colore

Sviluppo Cognitivo da 4 a 5 anni

Quando si avvicinano all’età scolare, i bambini diventano più abili nell’uso delle parole, nell’imitazione delle azioni degli adulti, nel contare e in altre attività di base importanti per la preparazione scolastica.

La maggior parte dei bambini di quattro anni è in grado di:

  • Creare immagini che spesso nominano e descrivono
  • Contare fino a cinque
  • Disegnare la forma di una persona
  • Nominare e identificare molti colori
  • Fare la rima
  • Dire dove vivono

Come aiutare i bambini a raggiungere le loro tappe di sviluppo cognitivo?

Per molti genitori, incoraggiare lo sviluppo intellettuale dei bambini è un punto di grande preoccupazione. Fortunatamente, i bambini sono desiderosi di imparare fin dall’inizio. Anche se l’istruzione diventerà presto una parte importante della vita di un bambino in crescita, i primi anni di vita sono influenzati soprattutto dalle relazioni familiari, in particolare quelle con i genitori e le altre persone che si prendono cura di lui.

Ciò significa che i genitori si trovano in una posizione unica per contribuire a plasmare il modo in cui i loro figli imparano, pensano e si sviluppano. In casa, i genitori possono incoraggiare le capacità intellettuali dei figli aiutandoli a dare un senso al mondo che li circonda. Quando un neonato mostra interesse per un oggetto, i genitori possono aiutarlo a toccarlo ed esplorarlo, oltre a dirgli di cosa si tratta.

Per esempio, quando un bambino guarda con attenzione un sonaglio giocattolo, il genitore può prendere l’oggetto e metterlo in mano al bambino dicendo: “Giovanni vuole il sonaglio?” e poi scuotere il sonaglio per dimostrargli cosa fa.

Quando i bambini crescono, i genitori devono continuare a incoraggiarli a esplorare attivamente il mondo. Cercate di avere pazienza con i bambini piccoli che sembrano avere una serie infinita di domande su tutto ciò che li circonda. I genitori possono anche porre le loro domande per aiutare i bambini a diventare più creativi nella risoluzione dei problemi.

Quando ci si trova di fronte a un dilemma, si possono porre domande come “Cosa pensi che succederebbe se…?” o “Cosa potrebbe succedere se…?“. Consentendo ai bambini di trovare soluzioni originali ai problemi, i genitori possono incoraggiare lo sviluppo intellettuale e la fiducia in se stessi.

 

Favorire lo Sviluppo Mentale del Bambino e dell’Adolescente 2022

Favorire lo Sviluppo Mentale del Bambino e dell’Adolescente - 2022

 

Liberamente tradotto da “Cognitive Developmental Milestones“, su https://ww w.verywe llmind.com/c ognitive-devel opmental-miles tones-279510 9

Corsi correlati

Corso Online
36 ECM
Dialoghi sulla Relazione Terapeutica 2023
La live si terrà il 31 gennaio 2023
167€
Iscriviti al corso

Articoli correlati

LGBT
Il genere che non ti aspetti
La sigla TGNC (Transgender e Gender non conforming) rappresenta ad oggi una delle possibilità...

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Have no product in the cart!
0