Accedi

Trauma Infantile E Disturbi Alimentari

trauma infantile e disturbi alimentari

Il legame tra trauma infantile e disturbi alimentari

Milioni di persone negli Stati Uniti soffrono di disturbi alimentari come l’anoressia nervosa, il Binge Eating Disorder (BED) e la Bulimia Nervosa. Anche se colpisce sia gli uomini che le donne, le donne hanno più probabilità di sperimentare l’anoressia nervosa (75%) e disturbi da abbuffate (60%).

Diversi fattori possono contribuire all’insorgenza di un disturbo alimentare, come la genetica e la storia familiare. Tuttavia, uno dei fattori più comuni che collegano i disturbi alimentari è una storia di trauma infantile. I bambini che subiscono abusi emotivi, fisici o sessuali hanno maggiori probabilità di sviluppare problemi psicologici, tra cui quelli relativi all’immagine corporea e i disturbi alimentari.

Il ruolo del trauma infantile nei disturbi alimentari

Il legame tra abuso sessuale e disturbi alimentari è ben documentato e prontamente accettato dai professionisti. Di particolare rilievo, tuttavia, è la comprensione in evoluzione di altri traumi, come l’abuso fisico ed emotivo, e il ruolo che possono giocare nello sviluppo di un disturbo alimentare. L’abuso emotivo, per esempio, può portare a bassa autostima, autocritica e problemi con l’immagine del corpo. I disturbi alimentari diventano un meccanismo per mantenere il controllo quando una persona si sente impotente e servono come modo per evitare il trauma emotivo a testa alta.

Il trauma può essere così grave da sconvolgere il funzionamento del sistema nervoso, al punto che è difficile o impossibile regolare le proprie emozioni. Comportamenti negativi come l’abbuffata o l’anoressia diventano meccanismi di coping che impediscono alle vittime del trauma di elaborare le emozioni difficili. Molto simile al Disturbo Post Traumatico da Stress (PTSD), la disregolazione dei sistemi psicobiologici del corpo risulta dall’esposizione al trauma infantile.

Abuso emotivo e disturbi alimentari

L’abuso emotivo prende la forma di critiche continue, insulti o attacchi contro il bambino. Nel corso del tempo, questi bambini interiorizzano le critiche, forse anche credendo che siano vere. Questo abuso emotivo e la sua interiorizzazione rende i bambini suscettibili di disturbi alimentari e altri comportamenti disfunzionali. I bambini che sono emotivamente abusati hanno la stessa probabilità di sviluppare disturbi alimentari di quelli che subiscono abusi fisici o sessuali.

Uno studio recente ha esplorato i collegamenti clinici tra i disturbi alimentari e l’abuso emotivo, notando che l’invalidazione emotiva è una componente centrale dello sviluppo della psicopatologia alimentare. L’abuso emotivo determina grandi fattori di rischio per i successivi disturbi alimentari, creando una scarsa tolleranza all’angoscia, uno sviluppo emotivo bloccato e problemi di inibizione emotiva. Le persone che sopportano il peso di insulti ripetuti o critiche eccessive, nel tempo, sviluppano una visione altrettanto critica di se stessi, che porta a problemi di immagine corporea che possono manifestarsi come anoressia, bulimia o BED.

Abuso sessuale e disturbi alimentari

Il legame tra l’abuso sessuale e la psicopatologia dei disturbi alimentari è stato ampiamente studiato, ma è ancora oggetto di un certo dibattito. Una recente revisione della letteratura ha rilevato che circa il 30% degli individui con disturbi alimentari presi in esame ha subito un trauma sessuale infantile o un abuso sessuale. Ci sono associazioni complesse tra il tipo di trauma, problemi inerenti all’autoregolazione e altri fattori di rischio che possono rendere difficile individuare l’effetto esatto dell’abuso sessuale sul rischio successivo di un disturbo alimentare. La ricerca indica, tuttavia, che le persone che hanno subito un abuso sessuale hanno una probabilità leggermente maggiore di sviluppare la bulimia nervosa rispetto all’anoressia, al BED o ad altre forme di disordini alimentari.

Alcuni esperti teorizzano che l’abuso sessuale può indurre una persona a sviluppare un disordine alimentare perché crede di dover apparire in un certo modo per essere considerata attraente. In questo modo, una persona può apparentemente avere il controllo della propria vita, ma anche trovare uno sfogo per il dolore emotivo e il tumulto del trauma sessuale.

Nel caso della bulimia, c’è un simbolismo intrinseco nell’eziologia del disturbo. Per esempio, il comportamento bulimico aiuta una persona a “spurgare” i sentimenti negativi associati al trauma, mentre il cibo aiuta a riempire un vuoto emotivo. Entrambi diventano meccanismi di coping che aiutano una persona ad evitare il trauma della loro esperienza. Tuttavia, non forniscono la risposta di cui l’individuo ha bisogno per guarire.

Mangiare sotto stress come comportamento disfunzionale

Anche se non come i disturbi alimentari tradizionali, ci sono studi interessanti sul mangiare nervoso e su come può svilupparsi nell’infanzia come risultato di un trauma. Per esempio, uno studio dell’University College di Londra su gemelli identici ha scoperto che i modelli alimentari disordinati possono iniziare già a due anni non a causa della genetica, ma a causa di fattori ambientali. Anche nei casi in cui i genitori erano obesi, il mangiare emotivo era guidato dall’ambiente, non dai geni.

Nello studio, di fronte allo stress, alcuni bambini andavano a cercare la loro merenda preferita, mentre altri perdevano l’appetito. I genitori dei bambini hanno riconosciuto questi comportamenti come risposte allo stato di ansia. I ricercatori hanno osservato che la sottoalimentazione emotiva o la sovralimentazione nell’infanzia potrebbe porre le basi per un possibile disordine alimentare successivo nella vita, quando lo stress aumenta. Uno studio simile alla Huntington University ha scoperto che più alto era il livello di stress, più gli studenti erano propensi a mangiare.

 

Trauma e Disturbi Alimentari, con Natalia Seijo

Trauma e Disturbi Alimentari

Mangiare come una dipendenza

La psicologia moderna considera sia il mangiare emotivo che le abbuffate come comportamenti di dipendenza. Proprio come le droghe illecite, una persona che mangia emotivamente o si abbuffa ottiene una sensazione di “high” dall’esperienza dall’aumento dei livelli di dopamina. Come le sostanze illecite, una persona che si abbuffa vorrà sempre di più o si sentirà come se non fosse mai abbastanza. Questa è chiamata dipendenza da processo: è caratterizzata da un comportamento compulsivo che alla fine diventa una minaccia per la salute perché porta all’obesità e a tutti i rischi per la salute ad essa associati.

L’emotional eating e lo stress eating possono non essere ufficialmente designati disturbi nel DSM 5, ma entrambi hanno legami con il binge eating disorder e il trauma. Entrambi possono evolvere da una bassa autostima e da cicli di vergogna, senso di colpa e sovralimentazione. Quando l’alimentazione emotiva e le abbuffate disturbano il funzionamento quotidiano e la qualità della vita, può diventare un disturbo da abbuffate (BED)

C’è un legame tra il trauma infantile e i disturbi alimentari?

I ricercatori hanno trovato un legame interessante tra il Disturbo Post Traumatico da Stress (PTSD) e i disturbi alimentari. Per esempio, le donne che presentano disturbi alimentari mostrano anche segni di PTSD o disturbi d’ansia come condizioni preesistenti o in comorbilità. Spesso, la presenza del trauma crea ansia o PTSD, e il disturbo alimentare emerge come un meccanismo di coping per quei sintomi.

Infatti, alcune ricerche suggeriscono che il disturbo post-traumatico da stress può effettivamente essere un mediatore tra l’esperienza di un trauma e lo sviluppo di un disturbo alimentare. Per esempio, un National Women’s Study ha trovato che un’alta percentuale di donne che hanno sperimentato un disturbo alimentare aveva anche una diagnosi di PTSD. Molti sopravvissuti a traumi infantili hanno almeno alcuni sintomi di PTSD, suggerendo che hanno manifestazioni sotto-soglia del disturbo.

Ad un livello di base, ci sono molti punti in comune tra il disturbo post-traumatico da stress e i disturbi alimentari. Per esempio, le persone con entrambe le condizioni tendono ad essere impulsive e possono sperimentare la dissociazione. È importante notare, tuttavia, che il metodo di dissociazione può essere diverso. Abbuffarsi e spurgarsi è un metodo per dissociarsi dal trauma, così come usare droghe illecite o alcol per fuggire.

Come trauma infantile e disturbi alimentari influenzano la salute mentale

I disturbi alimentari hanno evidenti effetti negativi sulla salute. Da un punto di vista fisico, una persona con un disturbo alimentare può essere a maggior rischio di:

  • Obesità
  • Malnutrizione
  • Condizioni derivanti da carenze di micronutrienti
  • Osteoporosi
  • Alcuni tipi di cancro (per esempio, il cancro esofageo da spurgo)

A parte i problemi di salute fisica, una persona con un disturbo alimentare ha spesso un disturbo mentale co-occorrente. Per esempio, una persona con un disturbo alimentare può avere PTSD, depressione, ansia o altre patologie dissociative. Per allontanarsi ancora di più dal trauma, non è raro che una persona con un disturbo alimentare abbia anche un disturbo da uso di sostanze o di alcol.

Purtroppo, i sintomi di un disturbo alimentare rispecchiano da vicino quelli di altri disturbi. È essenziale per i professionisti della salute mentale scoprire tutti i possibili problemi di salute mentale e di abuso di sostanze co-occorrenti, al fine di facilitare un recupero a lungo termine.

Ricorda che un disturbo alimentare è solo uno dei possibili metodi per affrontare il trauma dell’abuso emotivo, fisico o sessuale.  Una persona può avere diversi meccanismi malsani di coping che le impediscono di affrontare il trauma della sua esperienza infantile. Solo affrontando il trauma in modo sano un individuo affetto da un disturbo alimentare o da condizioni co-occorrenti può aspettarsi di recuperare in modo significativo.

Come possiamo trattare il trauma infantile e i disturbi alimentari?

Il trattamento dei disturbi alimentari è sfaccettato. A causa dei complessi fattori coinvolti e della storia di trauma infantile, una persona non può semplicemente “fermare” le abbuffate o altri comportamenti alimentari disordinati. Il recupero da un disturbo alimentare richiede un intervento professionale, di solito con un team multidisciplinare.

Il trattamento dei disordini alimentari di solito inizia nello studio dei medici di base. Spesso, il primo passo per ricevere il trattamento è ammettere che esiste un problema. Un medico di base può aiutare a collegare ogni individuo con le risorse della comunità, dagli specialisti della salute mentale ai gruppi di sostegno che permettono alle persone di parlare del loro trauma.

Una volta collegato con uno specialista di salute mentale, il trattamento per il disturbo alimentare e qualsiasi problema di salute mentale co-occorrente può iniziare. Un approccio integrato e informato al trauma è essenziale per facilitare un recupero a lungo termine.

Qualsiasi numero di professionisti può essere coinvolto nel processo di trattamento dei disturbi alimentari: medici e terapisti possono aiutare a gestire gli aspetti fisici e psicologici del disturbo, mentre i dietologi registrati possono fornire consigli su come seguire uno stile di vita sano pieno di alimenti che arricchiscono e fanno bene. Per assicurare che il recupero continui a lungo termine, è essenziale un sostegno continuo sotto forma di terapia di gruppo.

In particolare, i seguenti interventi possono essere efficaci nel trattamento dei disturbi alimentari:

  • Terapia cognitivo-comportamentale (CBT). Questo approccio basato sull’evidenza aiuta le persone a sfidare e superare le loro percezioni cognitive distorte, migliorando così la regolazione emotiva e aiutando le persone a sviluppare meccanismi di coping sani per i loro problemi.
  • Trattamento residenziale/ospedaliero. In molti casi, il trattamento in ricovero è necessario per aiutare le persone a rompere inizialmente il ciclo della vergogna e dell’alimentazione disordinata.
  • Terapia comportamentale dialettica. Con un ampio corpo di prove per il trattamento di anoressia, bulimia e BED, la DBT lavora anche per cambiare i comportamenti disadattivi. Gli interventi si concentrano sulla costruzione della consapevolezza, sulla reazione sana all’angoscia e sulla regolazione delle emozioni.
  • Gruppi di sostegno e impostazioni ambulatoriali. Il sostegno continuo e gli spazi sicuri per parlare del trauma e di altri fattori scatenanti del disordine alimentare forniscono alle persone gli strumenti necessari per sostenere il recupero.

I pericoli dei disturbi alimentari non trattati

I disturbi alimentari possono essere mortali senza un intervento appropriato. L’anoressia, in particolare, può uccidere una persona colpita a causa di aritmie cardiache, insufficienza epatica, insufficienza renale e altre conseguenze della malnutrizione. Una persona con bulimia è a più alto rischio di sviluppare alcuni tipi di cancro a causa della quantità di acido nell’esofago. L’obesità, una conseguenza naturale del binge eating disorder, mette le persone a più alto rischio di infarto, ictus, pressione alta e cancro.

Recupero a lungo termine da trauma infantile e disturbi alimentari

Il trattamento è disponibile per i disturbi alimentari e può essere incredibilmente efficace. Comprendete, tuttavia, che i disturbi alimentari non “vanno via”. A causa della loro storia passata, una persona che si riprende da un disturbo alimentare è sempre suscettibile di ricaduta. Ecco perché è così importante per una persona capire i fattori complessi e i fattori scatenanti che contribuiscono al loro disturbo.

Il trauma infantile è un filo conduttore in molte persone che sperimentano disturbi alimentari. D’altra parte, di solito è solo una sfaccettatura della condizione più ampia. Altri traumi complessi, come il PTSD e altre condizioni di salute mentale co-occorrenti, possono anche giocare un ruolo nello sviluppo di modelli alimentari disordinati.

I disturbi alimentari possono portare a effetti negativi sulla salute fisica e mentale. Se non trattati, gli individui che soffrono di disturbi alimentari sono a più alto rischio per una varietà di malattie e persino per la morte. Fortunatamente, trattamenti efficaci sono disponibili e consistono in psicoterapia integrata, diete sane e farmaci. I professionisti della salute mentale, i medici e i coetanei possono tutti giocare un ruolo fondamentale nel sostenere il trattamento e il recupero di una persona.

Un team multidisciplinare dovrebbe usare cure informate sul trauma e trattamenti basati sull’evidenza come la terapia cognitiva comportamentale o la terapia dialettica comportamentale nel trattamento dei disturbi alimentari. Dopo che una persona completa il ricovero o l’intervento ambulatoriale intensivo, il supporto continuo sotto forma di terapia di gruppo è essenziale per sostenere un lungo recupero. Affrontando il trauma sottostante e sviluppando meccanismi di coping sani, una persona con un disturbo alimentare può superare i suoi ostacoli e condurre una vita sana e felice.

Esperienze traumatiche e Disturbi Alimentari. Valutazione e Trattamento, con Johan Vanderlinden

Esperienze traumatiche e Disturbi Alimentari

 

Articolo liberamente tradotto e adattato. Fonte: EgglestonYouthCenter.org

Corsi correlati

Articoli correlati

Trauma Collettivo
L’eredità del Trauma può essere trasmessa alle generazioni successive?
Nel 1864, verso la fine della guerra civile americana, le condizioni dei campi per prigionieri...
Trauma / PTSD
Il trattamento dei Disturbi Dissociativi
Questa revisione ad opera di Bethany Brand esamina i risultati empirici sul trattamento dei...

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Have no product in the cart!
0