L’Autolesionismo E Il Suicidio: Come Prevederli E Prevenirli?

l'autolesionismo e il suicidio

L’autolesionismo e il suicidio sono spesso correlati. Ma uno predice l’altro? E’ in generale possibile prevederli e prevenirli?

Punti Chiave: 

  • L’autolesionismo e il suicidio sono problemi di salute pubblica sostanziali, ma sono essenzialmente impossibili da prevedere nei singoli casi.
  • L’autolesionismo è un fattore di rischio per il suicidio, ma la proporzione di persone con pensieri suicidi che vanno a completarsi è meno di 1 su 200.
  • In generale, una buona assistenza per la salute mentale, la comunicazione con le famiglie e un buon follow-up aiutano probabilmente a ridurre il rischio di suicidio.
  • Importanti ed efficaci sono anche l’istruzione pubblica e le misure per limitare l’accesso ai mezzi di autolesionismo.

 

Ogni anno, più di 700.000 persone muoiono per suicidio. Molti altri attuano autolesionismo. Di conseguenza, ci sono stati ampi sforzi per prevedere e prevenire entrambi.

I principali fattori di rischio per l’autolesionismo non fatale includono il genere femminile, la giovane, lo scarso supporto sociale, i principali eventi della vita, la povertà, la disoccupazione, il divorzio, la malattia mentale e l’autolesionismo precedente.

I principali fattori di rischio per il suicidio includono il genere maschile, lo scarso supporto sociale, i principali eventi della vita, la malattia cronica dolorosa, la storia familiare di suicidio, la malattia mentale e l’autolesionismo precedente. Sia per l’autolesionismo che per il suicidio, la disponibilità di mezzi è significativa (es. facile disponibilità di compresse).

Il suicidio è associato a depressione maggiore (rischio di suicidio a lungo termine: 10-15 percento), disturbo affettivo bipolare (10-20 percento), schizofrenia (10 percento) e sindrome da dipendenza da alcol (15 percento). Inoltre, le persone che praticano deliberatamente l’autolesionismo hanno un rischio 30 volte maggiore di suicidio completato nei successivi quattro anni.

Sblocca i tuoi 50 crediti ECM in omaggio con i corsi FCP con ECM

Predire l’autolesionismo e il suicidio: è possibile?

Nonostante queste associazioni che emergono dalla ricerca, la maggior parte delle persone con questi fattori di rischio non morirà per suicidio. Questo perché gli aumenti di rischio associati a questi fattori di rischio sono piccoli e, nonostante la tragedia e le sue implicazioni, il suicidio è (da un punto di vista matematico) un evento statisticamente raro.

Di conseguenza, è impossibile prevedere il suicidio a livello dell’individuo.

Ci sono stati molti studi e tutti hanno prodotto risultati simili. Uno studio classico ha seguito quasi 5.000 pazienti psichiatrici ricoverati dopo la dimissione, utilizzando una combinazione di fattori di rischio noti per cercare di prevedere il suicidio in questo gruppo particolarmente ad alto rischio. Sebbene questo studio sia riuscito a prevedere 35 su 67 suicidi successivi, il loro modello ha anche generato oltre 1.200 “falsi positivi” (ovvero ha previsto il suicidio in oltre 1.200 individui che non sono morti per suicidio).

Questo perché il suicidio è statisticamente un evento raro e gli eventi rari sono molto difficili o impossibili da prevedere. I fattori di rischio per il suicidio (genere maschile, scarso supporto sociale, ecc.) sono entrambi molto aspecifici e molto comuni nella popolazione, quindi la stragrande maggioranza delle persone con questi fattori di rischio non morirà per suicidio.

Questo è vero anche per le persone che hanno pensieri suicidi, poiché la proporzione di persone con pensieri suicidi che effettivamente lo mettono in atto è inferiore a uno su 200. Ciò suggerisce che è improbabile che il semplice screening della popolazione per pensieri suicidi sia efficace o efficiente nell’identificazione dei soggetti a rischio di suicidio.

Nel complesso, quindi, è impossibile prevedere il suicidio in ogni singolo caso.

Le famiglie in lutto a volte credono che ci siano stati segni che non hanno notato o che gli operatori sanitari avrebbero dovuto prevedere l’esito in caso di suicidio. Statisticamente, tuttavia, non è possibile prevedere il suicidio in un singolo caso.

Cosa si può fare per prevedere l’autolesionismo e il suicidio?

Se il rischio è impossibile da prevedere con precisione a livello individuale, cosa si può fare? Molto.

In primo luogo, nonostante l’impossibilità di previsione nei singoli casi, valutazioni cliniche attente e realistiche e l’esplorazione del rischio sono ancora molto utili per guidare il trattamento e fornire supporto alle persone che presentano una crisi suicidaria o una malattia mentale, anche se va ricordato che queste valutazioni non forniscono una base per la previsione statistica di quali individui si impegneranno deliberatamente in atti di autolesionismo o suicidio e quali no.

In generale, tuttavia, una buona assistenza per la salute mentale, una buona comunicazione con le famiglie e un buon follow-up probabilmente contribuiscono a ridurre il rischio di suicidio.

Un buon trattamento della depressione nelle cure primarie (da parte dei medici di famiglia) è essenziale, così come il trattamento dell’abuso di sostanze (incluso l’alcol) e la gestione di specifici disturbi mentali da parte di équipe specializzate.

Nel disturbo di personalità emotivamente instabile, le terapie psicologiche possono rivelarsi utili, compresi gli adattamenti della terapia cognitivo-comportamentale (CBT) e della terapia dialettico-comportamentale (DBT).

La DBT è in qualche modo simile alla CBT e coinvolge anche sessioni di gruppo, la costruzione di abilità come la consapevolezza e lo sviluppo di strategie di coping diverse dall’autolesionismo deliberato per affrontare l’instabilità emotiva. La DBT è impegnativa, ma può essere molto efficace per ridurre l’autolesionismo in determinate condizioni, incluso (ma non limitato a) il disturbo di personalità emotivamente instabile.

 

Salute pubblica: essenziale per l’autolesionismo e il suicidio

Dal punto di vista della salute pubblica, l’educazione pubblica e le misure per limitare l’accesso ai mezzi di autolesionismo sono importanti ed efficaci.

I regolamenti che disciplinano le vendite di acetaminofene (paracetamolo) sono un ottimo esempio in quanto riducono notevolmente i danni derivanti da sovradosaggio. Porre barriere in luoghi noti per il suicidio (ad es. alcuni ponti) è un altro metodo efficace per scoraggiare l’autolesionismo e il suicidio.

La ricerca mostra che un gran numero di persone che sono scoraggiate in questo modo riconsidereranno i loro pensieri suicidi e moltissime non procederanno alla ricerca di altri mezzi di autolesionismo.

Una buona assistenza primaria, una buona assistenza per la salute mentale e adeguate misure di salute pubblica sono, quindi, essenziali per affrontare l’autolesionismo e il suicidio deliberati. Queste misure dovrebbero essere rivolte a tutti, non solo a coloro che hanno pensieri di autolesionismo deliberato o suicidio. Spesso non ci sono segnali di avvertimento.

Fondamentali sono anche gli approcci radicati al di fuori dei servizi sanitari: ridurre i senzatetto, riformare il sistema di giustizia penale e migliorare l’accesso all’assistenza sociale.

Questo è importante per tutti. Una persona su quattro svilupperà una malattia mentale ad un certo punto della vita.

Non ci sono “loro”. C’è solo “noi”.

 

 

Riferimenti bibliografici

Kelly, B. (2017) Salute mentale in Irlanda: la guida completa per pazienti, famiglie, operatori sanitari e tutti coloro che vogliono stare bene. Dublino: Liffey Press.

Pokorny AD. Prevenzione del suicidio nei pazienti psichiatrici: rapporto di uno studio prospettico, in Maris RW, Berman AL, Matlsberger JT, Yufit RI, eds., Assessment and Prediction of Suicide. New York: Guilford Press, 1992 (pp. 105-29).

 

 

Vuoi saperne di più su come intervenire sull’autolesionismo in adolescenza?

▶️CLICCA QUI e leggi il programma “Autolesionismo in Adolescenza. Dalla valutazione al Trattamento”

Autolesionismo in Adolescenza valutazione trattamento

 

Articolo liberamente tradotto e adattato. Fonte: PsychologyToday.com

 

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>