Comprendere i Bisogni dei Giovani che si Autolesionano

giovani

L’autolesionismo è comune e associato ad esiti negativi. Manca una comprensione approfondita di quali possano essere i fattori scatenanti dell’impulso all’autolesionismo, anche nei giovani che vengono trattati con un intervento clinico. Pertanto, c’è poca conoscenza delle tecniche che i giovani trovano utili per affrontare gli stimoli all’autolesionismo quando si presentano.

Lo scopo dello studio

Questo studio qualitativo ha coinvolto sette giovani. Essi  hanno esperienza di autolesionismo. L’analisi tematica utilizzando un approccio induttivo generale ha rivelato emozioni angoscianti e un senso di isolamento come temi chiave, con altri fattori scatenanti associati all’ induzione.

Alcune informazioni sul fenomeno

È stata evidenziata la vasta gamma di situazioni ed emozioni che possono essere scatenanti, così che un ulteriore tema chiave è stato la natura idiosincratica delle strategie di auto-aiuto che i giovani hanno trovato utili. Gli interventi che sono sviluppati per sostenere i giovani che si autolesionano devono affrontare questa complessità e i risultati evidenziano la necessità per i giovani di mantenere una certa autonomia e controllo, pur essendo sostenuti a connettersi con gli altri per il sostegno. Questa ricerca si aggiunge alla letteratura sulle strategie di auto-aiuto per sostenere i giovani nei momenti in cui stanno sperimentando emozioni angoscianti, si sentono isolati e hanno un impulso all’autolesionismo, fornendo una visione importante per la prevenzione e l’intervento per l’autolesionismo tra i giovani.

 

Non esiste una definizione standard di autolesionismo

Per gli scopi di questo documento è definito come auto-avvelenamento o autolesionismo intenzionale, indipendentemente dall’intenzione(Hawton et al., 2003). Mentre ci si riferisce in vari modi all’autolesionismo non suicida (NSSI) e all’autolesionismo deliberato; il primo è stato criticato perché il termine presuppone l’assenza di intento, ma è accettato che l’intento può essere difficile da determinare e coloro che si impegnano in NSSI hanno tassi più alti di ideazione suicidaria (intento) e tentativo di suicidio (Whitlock et al., 2006; Joiner et al., 2012), e il secondo a causa dell’autolesionismo che spesso si verifica in uno stato dissociativo in modo che la persona possa non essere completamente consapevole di ciò che sta facendo (Robinson, 2017).

Sblocca i tuoi 50 crediti ECM in omaggio con i corsi FCP con ECM

Alcuni dati

L’autolesionismo è un problema critico che colpisce fino al 25% dei giovani e può portare a risultati negativi, tra cui la ripetizione dell’autolesionismo, il suicidio e la mortalità, la morbilità della salute mentale, un’istruzione più scadente e risultati occupazionali, e una qualità di vita complessivamente ridotta, oltre ad essere oneroso da trattare (Fergusson et al., 2005; Harrington et al., 2006; Madge et al., 2008; Bergen et al., 2012; Clark et al., 2013; Mars et al., 2014; Robinson, 2016).

Il secondo sondaggio australiano sulla salute mentale e il benessere dei bambini e degli adolescenti riporta che circa l’8% dei giovani tra i 12 e i 17 anni ha compiuto atti di autolesionismo senza intento suicida nei 12 mesi precedenti. I tassi erano più alti in coloro che si sono identificati come affetti da un qualsiasi disturbo mentale (Lawrence et al., 2015; Zubrick et al., 2016).

Uno studio neozelandese

Uno studio neozelandese che ha esaminato i tassi di autolesionismo non suicida ha trovato tassi di vita del 48,7%. (Garisch and Wilson, 2015). Rispetto ai giovani che non praticano l’autolesionismo, quelli che lo fanno hanno maggiori probabilità di riferire ideazioni suicide e piani di suicidio e di riferire maggiori livelli di disagio emotivo, difficoltà con la rabbia e bassa autostima, così come un comportamento antisociale e comportamenti a rischio per la salute come l’uso di droghe illecite (Laye-Gindhu and Schonert-Reichl, 2005).

In effetti, i tassi di tentativi di suicidio sono più alti in coloro che si sono impegnati in NSSI (autolesionismo senza tentativo di suicidio) (Asarnow et al., 2011; Wilkinson et al., 2011; Guan et al., 2012; Klonsky et al., 2013; Knorr et al., 2016; Muehlenkamp et al., 2018).

La letteratura sui fattori di rischio

C’è una letteratura significativa che descrive i fattori di rischio per l’autolesionismo, la cui comprensione è importante per sviluppare interventi. La letteratura sui fattori di rischio nei giovani è stata riassunta in una recente revisione che evidenzia l’abuso precedente, il disturbo dell’umore, il disturbo borderline e altri disturbi di personalità, la gravità dei sintomi di depressione e disperazione e l’ideazione suicidaria (Witt et al., 2018) come rischi chiave.

Gli studi sulla comunità

Gli studi basati sulla comunità evidenziano allo stesso modo il disturbo dell’umore e la storia di abuso, e aggiungono il bullismo come più distante dall’impegno nell’autolesionismo, l’uso di sostanze, così come le caratteristiche psicologiche (Plener et al., 2015). Molti interventi attualmente raccomandati per i giovani che si autolesionano sono basati sulla clinica, forniti da clinici della salute mentale, e mirati principalmente ad affrontare i sottostanti disturbi dell’umore e della personalità (Hawton et al., 2015; Ougrin et al., 2015; Carter et al., 2016).

Gli interventi

Questi interventi sono fondamentali da fornire; tuttavia, molti giovani non si affidano ai tradizionali servizi di salute mentale faccia a faccia (Whitlock et al., 2006; Ystgaard et al., 2009; Michelmore and Hindley, 2012; Doyle et al., 2015), e per quelli che lo fanno, l’impulso all’autolesionismo può continuare a verificarsi, spesso e al di fuori del contesto clinico, per qualche tempo. Mentre questi interventi includono strategie specifiche per aiutare un giovane ad affrontare l’impulso “al momento” di autolesionarsi, c’è poca letteratura che esplora come i giovani percepiscono queste strategie, e più in particolare la misura in cui le strategie specifiche progettate per aiutarli ad affrontare l’impulso di autolesionarsi sono utili o meno.

Gli obiettivi dello studio

Per garantire che i giovani abbiano accesso a strategie efficaci quando sperimentano l’impulso all’autolesionismo, è necessario passare dalla descrizione dei fattori di rischio generici all’esame dei fattori scatenanti di questo impulso all’autolesionismo. Comprendere la fenomenologia dell’autolesionismo dal punto di vista dei giovani con esperienza vissuta è fondamentale (Brown and Kimball, 2013).

Una conoscenza approfondita delle prospettive dei giovani sui fattori scatenanti dell’autolesionismo e su ciò che potrebbe mitigare l’impulso all’autolesionismo nel momento in cui si verifica, fornisce opportunità per strategie più potenti, comprese quelle che i giovani stessi possono usare al di fuori dell’ambiente della clinica.

Materiali e Metodi

Questo studio ha ricevuto l’approvazione etica dal Melbourne Health Human Research Ethics Committee (HREC/15/MH/340).

Sono stati utilizzati metodi qualitativi perché permettono un’esplorazione approfondita dell’esperienza vissuta dai partecipanti (Fossey et al., 2002). I dati grezzi che supportano le conclusioni di questo manoscritto saranno resi disponibili dagli autori, senza indebite riserve, a qualsiasi ricercatore qualificato.

Ambientazione e partecipanti

Lo studio è stato intrapreso in un servizio terziario di salute mentale giovanile, Orygen Youth Health, e in diversi servizi secondari di salute mentale, Headspace Glenroy e Headspace Craigieburn (McGorry et al., 2014; Rickwood et al., 2014). Questi servizi sono tutti situati a Melbourne, Australia. I giovani sono stati reclutati dalla Youth Mood Clinic (Rice et al., 2017) Questi servizi sono tutti situati a Melbourne, Australia.

I giovani sono stati reclutati dalla Youth Mood Clinic presso l’Orygen Youth Health e dai gruppi di partecipazione giovanile che operano all’interno dell’Orygen Youth Health e dei servizi Headspace, e attraverso un campionamento a catena in cui i partecipanti hanno informato i giovani che pensavano potessero essere idonei all’inclusione.

Il reclutamento

I giovani erano eleggibili se avevano un’età compresa tra i 18 e i 25 anni e un’esperienza di ideazione suicidaria e/o autolesionismo (cioè, avevano sperimentato un’ideazione suicidaria o si erano impegnati in atti di autolesionismo in una fase della loro vita); ma non erano eleggibili se si erano coinvolti in atti di autolesionismo o avevano sperimentato una grave ideazione suicidaria (pensieri frequenti che indicavano l’intenzione di uccidersi) negli ultimi 3 mesi.

Il reclutamento è stato mirato ed è continuato fino alla saturazione (non sono emersi nuovi dati/concetti). Guest et al. (2006) hanno suggerito che i meta-temi emergono spesso entro sei interviste; abbiamo reclutato sette giovani.

Procedura

I giovani che erano interessati allo studio sono stati indirizzati dai loro clinici e dai coordinatori dei gruppi di consulenza giovanile a una pagina web dove potevano registrare il loro interesse. Uno dei ricercatori (SH), uno psicologo clinico, ha contattato i giovani interessati per descrivere lo studio, vagliare i criteri di esclusione, e organizzare un tempo e un luogo per ottenere il consenso informato scritto e condurre l’intervista. Abbiamo rimborsato tutti i partecipanti per il loro tempo (30 dollari Australiani all’ora).

La procedura

Abbiamo condotto interviste semi-strutturate, della durata tra i 40 e i 60 minuti, usando domande aperte, che hanno permesso flessibilità e l’opportunità di chiarire ed esplorare le risposte (Knox and Burkard, 2009). Inizialmente, abbiamo fornito un breve riassunto dello studio, ribadendo gli obiettivi, e abbiamo dichiarato i partecipanti come esperti della loro esperienza per evitare la loro tendenza a omettere informazioni quando percepiscono che i ricercatori sono gli esperti (Leech, 2002).

Le domande

Le domande meno potenzialmente minacciose sono state poste per prime e le domande sono state formulate in modo non minaccioso e non giudicante, per esempio, hanno chiesto dell’uso di alcol o droghe piuttosto che dell’abuso di sostanze (Leech, 2002). I suggerimenti informali e la ripetizione (senza reinterpretare) delle risposte dei partecipanti ci hanno permesso di mostrare interesse nelle risposte, confermare la comprensione e incoraggiare la divulgazione (Leech, 2002).

Il programma dell’intervista

Il programma dell’intervista (vedere Online Supplementary Material)  è stato sviluppato sulla base di una sintesi sistematica della letteratura online accademica con recensione paritaria e grigia. Quattro database elettronici (PsycINFO, MEDLINE, EMBASE e SCOPUS) e le piattaforme Google di Stati Uniti, Australia, Nuova Zelanda e Regno Unito (google.com, google.com.au, google.co.nz, and google.co.uk) sono stati consultati. All’interno della letteratura accademica sono stati usati termini del vocabolario controllato (MeSH) insieme alle parole chiave.

La terminologia

I termini di ricerca online sono stati sviluppati iterativamente fino a trovare un livello accettabile di rilevanza. I revisori indipendenti hanno vagliato gli studi recuperati e hanno incluso gli studi in lingua inglese relativi a partecipanti di età compresa tra i 15 e i 25 anni, che erano rilevanti per l’autolesionismo. Ci sono differenze nella terminologia usata per descrivere l’autolesionismo, in particolare per quanto riguarda il suo intento sottostante (Madge et al., 2008; Muehlenkamp et al., 2012); pertanto, una serie di termini sono stati utilizzati nella ricerca.

La registrazione

Abbiamo sviluppato un modello per registrare le risposte alle interviste e abbiamo incluso le domande e i suggerimenti pianificati che formavano il programma dell’intervista semi-strutturata, insieme allo spazio per registrare ogni idea emersa per ogni domanda.

Analisi

Abbiamo intrapreso un’analisi tematica utilizzando un approccio induttivo generale (Thomas, 2006), che ha permesso di derivare temi nel contesto di obiettivi specifici. I dati grezzi sono stati condensati nel contesto per essere guidati dagli obiettivi. I dati grezzi erano le risposte dei partecipanti registrate da un ricercatore che assisteva ad ogni intervista nel nostro modello progettato a priori da un ricercatore.

 

Autolesionismo in Adolescenza. Dalla valutazione al Trattamento

Valu

 

I tre principi

Tre principi di affidabilità nella ricerca qualitativa hanno sostenuto l’analisi per assicurarne la solidità (Guba and Lincoln, 1985, 1989; Koch, 2006). Il primo principio è quello della credibilità, per cui ai partecipanti è stato fornito un riassunto delle loro risposte al termine dell’intervista per verificarne l’accuratezza e consentire ulteriori risposte. I dati sono stati poi codificati indipendentemente da due ricercatori e le discrepanze sono state discusse e sistemate con il consenso. Le interviste sono state registrate in audio per assicurare l’accuratezza delle citazioni dirette per esemplificare i temi.

Il principio dell’affidabilità

Il secondo principio era l’affidabilità, per cui abbiamo seguito una procedura stabilita per l’analisi.

Il secondo principio era l’affidabilità, per cui abbiamo seguito una procedura stabilita per l’analisi. Questo era il metodo di Braun e Clarke (2006), che comprende sei fasi di analisi: (1) Familiarizzazione con i dati, compresa la trascrizione, la lettura e la rilettura delle trascrizioni; (2) Generazione di codici iniziali (sulla base degli obiettivi piuttosto che delle domande di ricerca); (3) Ricerca di temi, raggruppando i codici in temi potenziali; (4) Revisione dei temi e generazione di una mappa tematica dell’analisi; (5) Definizione e denominazione dei temi; e (6) Produzione della relazione.

Migliorare le risposte

La trasferibilità o il grado di rappresentatività delle risposte è stato migliorato reclutando da diversi servizi e abbiamo prestato attenzione al background e alle caratteristiche dei partecipanti reclutati per garantire che fosse inclusa una gamma di esperienze.

Fattori scatenanti e trigger per l’autolesionismo

Da 48 diversi fattori scatenanti identificati dai partecipanti, sono emersi sei temi: (1) emozioni angoscianti, (2) senso di isolamento, (3) esposizione all’autolesionismo, (4) difficoltà di relazione, (5) confronto sociale, e (6) difficoltà scolastiche/lavorative.

Le emozioni angoscianti 

Il tema delle emozioni angoscianti è il principale fattore scatenante degli impulsi all’autolesionismo, insieme al senso di isolamento, con altri temi che diventano fattori scatenanti causando emozioni angoscianti.

I partecipanti hanno notato che in alcuni casi si sono sentiti responsabili e impotenti in risposta all’autolesionismo degli altri, il che avrebbe innescato in loro stessi impulsi all’autolesionismo: “Mi sono sentita responsabile soprattutto perché ero molto vicina ad alcuni di loro, quindi sapendo che stavano passando [momenti difficili] mi sono incolpata” (Pt 5).

Alcuni estratti

Una partecipante si sentiva in colpa perché non si sentiva degna di essere depressa perché aveva una buona famiglia e non stava vivendo grandi difficoltà rispetto agli altri: “Queste persone hanno passato cose reali e io sono solo un’adolescente triste” (Pt 1). I partecipanti hanno descritto la sensazione di essere un peso: “Loro [i miei genitori] non avevano intenzione di avermi, così quando hanno avuto a che fare con me è stato un enorme stress finanziario… Mi sentivo come se fosse colpa mia,  non sarei dovuto nascere” (Pt 4).

Anche i sentimenti di vergogna e di imbarazzo dopo l’uso di alcol sono  fattori scatenanti; i partecipanti hanno dichiarato che l’autolesionismo non era scatenato dall’essere intossicati, ma dalle emozioni provate dopo un uso eccessivo di alcol: “[Mi] sono sentito così imbarazzato perché l’ho delusa” (Pt 1).

Cosa dicono i partecipanti?

I partecipanti hanno descritto il sentirsi sopraffatti a causa della loro salute mentale e delle loro emozioni: “Ero così confuso… non sapevo come sentirmi, ed ero così abituato a sentirmi inutile” (Pt 7) e con lo stress scolastico: “C’è così tanta pressione su di te, in particolare al 12° anno. [c’è tanta] pressione per fare bene” (Pt 6). La frustrazione e la rabbia sono  fattori scatenanti; in relazione al tema 5 (confronto sociale) una partecipante ha descritto di essere scatenata quando ha visto persone “normali” su Facebook: “Mi sento… arrabbiata perché vedo quello che loro fanno e che io non posso fare”.

Il senso di isolamento

In relazione al tema 2 (senso di isolamento), i partecipanti hanno descritto come l’incapacità di esprimere emozioni o preoccupazioni ha scatenato sentimenti di rabbia e un senso di isolamento: “Avrei rabbia a qualsiasi ora del giorno… erano tutti i sentimenti repressi che sfociavano nella rabbia” (Pt 5).

Un senso di isolamento (tema 2) è stato riferito come derivante da problemi con gli amici o la famiglia e questo ha innescato l’impulso all’autolesionismo: “Loro [la mia famiglia] non mi amano più, non significo nulla per loro” (Pt 4); “100% sentivo di non avere sostegno [dalla famiglia]… non riuscivo a trovare qualcuno con cui confidarmi” (Pt 6). Sperimentare lo stigma come risultato di un diverso orientamento sessuale e a causa di una malattia mentale è riportato per portare ad un senso di isolamento.

L’esposizione all’autolesionismo

L’esposizione all’autolesionismo (tema 3) includeva il sentire parlare delle esperienze altrui, vedere cicatrici e immagini di autolesionismo, e leggere storie personali di autolesionismo; questo nel contesto delle relazioni personali: “Avendo lei [partner] intorno e guardandola mentre lo faceva, ho sentito il bisogno di farlo anch’io” (Pt 6) e più in generale: “Conosco alcune persone del nono e del decimo anno… sentirne parlare e sapere che anche altri lo stavano facendo è stato scatenante” (Pt 3).

i contenuti dei social

I contenuti visivi su piattaforme online come Tumblr e Instagram sono stati notati come scatenanti: “Quando ero triste a volte non volevo farmi del male perché avevo paura, così… guardavo quei blog, mi sembrava normale e poi lo facevo [autolesionismo]” (Pt 1). Vedere le cicatrici dell’autolesionismo, sia su se stessi che su altri, è stato anche riportato come scatenante: Quando il taglio si rimarginava e cominciava a cicatrizzare, pensavo “sta andando via, rifacciamolo”” (Pt 1), e le cicatrici degli altri “Vedere le ferite aperte e le nuove cicatrici degli altri [era scatenante]” (Pt 2). In particolare nell’ambiente online, le storie personali di altre persone che si sono impegnate nell’autolesionismo potrebbero essere scatenanti, in particolare quelle con dettagli sui metodi.

Difficoltà relazionali

Le difficoltà relazionali (tema 4) tra familiari, amici o partner intimi sono  potenzialmente scatenanti.

Non soddisfare le aspettative dei genitori, e la percezione di un giovane che la sua famiglia non era di supporto e non era disposta a parlare apertamente dei problemi è stata considerata scatenante: “Sono stato innescato molto dai miei genitori che non volevano che vedessi qualcuno [malattia mentale/autolesionismo]” (Pt 3); “Hanno visto che mi ero autolesionata e mi hanno preso in giro più che sostenermi e questo è stato davvero difficile… era la sensazione di inutilità che veniva dai miei genitori che mi abbatteva” (Pt 4). Anche il cyberbullismo è un fattore scatenante: “È stata una continuazione del liceo, perché non c’era altro modo per arrivare a me se non Facebook, così il bullismo è continuato attraverso quello” (Pt 5).

Alcune testimonianze

Sia le relazioni intime che la rottura con un partner sono fattori scatenanti: “Ho avuto un partner che era molto chiuso e non voleva parlare delle sue o delle mie emozioni” (Pt 3); “La mia prima relazione seria… quello è stato un fattore scatenante per me, quando è finito tutto… Non sono mai stata una persona da relazioni forti e lo stress di tutto ciò mi stava coinvolgendo” (Pt 5).

Il tema del confronto sociale

Il tema del confronto sociale includeva il confronto delle ferite da autolesionismo: “Quando ho visto le foto online è [i miei tagli sono] troppo piccoli, non è così [le immagini]” (Pt 1) e del sé rispetto alle norme sociali percepite “Soddisfare quei criteri sociali. vedi cose e sai che non rientri in quella norma sociale e ti senti male con te stesso” (Pt 2). Questo a sua volta ha aumentato un senso di isolamento (tema 2).

Le difficoltà scolastiche e lavorative (tema 6) sono scatenanti, specialmente la pressione a scuola, come già descritto, ma anche le pressioni lavorative.

Strategie utili quando si prova un impulso all’autolesionismo

Sono emersi cinque temi riguardo alle strategie utili che potrebbero essere utilizzate dai giovani quando resistono all’impulso di autolesionarsi: (1) la natura idiosincratica dell’auto-aiuto, (2) l’importanza della distrazione, (3) la connessione, (4) il cambiamento nell’ambiente, e (5) le strategie di imitazione.

la natura idiosincratica delle strategie

Il tema principale che è emerso è stata la natura idiosincratica delle strategie di auto-aiuto utilizzate dai partecipanti. I partecipanti hanno dichiarato che l’utilità di una strategia dipendeva da una serie di fattori, per esempio l’umore, il livello di angoscia, gli interessi personali, se erano esperti nella strategia o meno, e il contesto (casa da soli, scuola): “Cose diverse funzionano per persone diverse e in momenti/giorni diversi e in situazioni diverse… dipende da quanto è brutta la tua giornata e qual è la situazione” (Pt 2), “La prima volta l’ho odiato ma l’ho provato quando avevo una giornata migliore… e mi calma.

Cosa dicono i soggetti?

Così imparando… ho letto qualcosa a riguardo” (Pt 5). I partecipanti hanno notato che è probabile che l’utilità di una strategia dipenda dalla natura del fattore scatenante e che è importante avere una comprensione dei propri fattori scatenanti: “Scoprire quali sono i tuoi fattori scatenanti, conoscerli e stabilire dei limiti per te stesso” (Pt 5). Il resto dei temi descriveva strategie specifiche, e all’interno di ciascuna di queste, i partecipanti hanno continuato a riflettere su come la loro efficacia variava a seconda del contesto, dei fattori scatenanti e di altri fattori.

Un fattore potenzialmente scatenante

Le difficoltà relazionali (tema 4) tra familiari, amici o partner intimi sono potenzialmente scatenanti. Non soddisfare le aspettative dei genitori, e la percezione di un giovane che la sua famiglia non era di supporto e non era disposta a parlare apertamente dei problemi è stata considerata scatenante: “Sono stato innescato molto dai miei genitori che non volevano che vedessi qualcuno [malattia mentale/autolesionismo]” (Pt 3); “Hanno visto che  ero autolesionista e mi hanno preso in giro più che sostenermi e questo è stato davvero difficile… era la sensazione di inutilità che veniva dai miei genitori che mi abbattevano” (Pt 4).

Cyberbullismo e altri fattori

Anche il cyberbullismo è un fattore scatenante: “È stata una continuazione del liceo, perché non c’era altro modo per arrivare a me se non Facebook, così il bullismo è continuato attraverso quello” (Pt 5).

Sia le relazioni intime che la rottura con un partner sono fattori scatenanti: “Ho avuto un partner che era molto chiuso e non voleva parlare delle sue o delle mie emozioni” (Pt 3); “La mia prima relazione seria… quello è stato un fattore scatenante per me, quando è finito tutto… Non sono mai stata una persona da relazioni forti e lo stress di tutto ciò mi stava colpendo” (Pt 5).

L’importanza della connessione con l’altro

I partecipanti hanno descritto l’importanza di connettersi con gli altri (tema 3) come una strategia di auto-aiuto, e hanno evidenziato i tipi e gli scopi della connessione. Questo includeva il superamento dei sentimenti di isolamento: “Per me si tratta di sentirmi reale… e come se non fossi da solo” (Pt 3), affrontare i pensieri negativi: “ne parleremmo per un po’ e cercheremmo di razionalizzarli” (Pt 4), e aumentare un senso di sicurezza e di essere accuditi: “Quindi, se puoi sederti con qualcuno… nemmeno parlare veramente con loro… ma solo sederti ed essere al sicuro” (Pt 3).

Resistere alla connessione

I partecipanti hanno anche parlato di come hanno resistito alla connessione: “Ho parlato con amici che poi l’hanno detto a mia madre, che era la cosa giusta, ma in quel momento ero così arrabbiato e questo ha peggiorato le cose” (Pt 1), di quanto possa essere difficile impegnarsi con gli altri: “Dovrebbe esserci un testo pre-scritto che puoi mandare automaticamente. Alcune delle barriere sono il non sapere cosa dire e l’essere preoccupati di come reagiranno… è difficile esprimersi” (Pt 6).

I partecipanti hanno evidenziato il valore delle linee di aiuto e dei forum online perché possono connettersi con qualcun altro con meno conseguenze per essere aperti e onesti: “Ho chiamato una linea di aiuto alcune volte. eheadspace con le chat… solo parlare con qualcuno che ascolterà davvero ma non lo dirà ai tuoi genitori. E’ strano parlare con gli amici a volte” (Pt 1).

Alcune precauzioni

Mentre i partecipanti hanno trovato i forum online utili, hanno anche messo in guardia sul loro uso: “Decisamente utile… c’è solo bisogno di cautela quando si mettono insieme persone con gli stessi problemi, c’è un livello di supporto a cui si arriva, ma anche un livello di abilitazione a cui si può arrivare” (Pt 7).

Gli ambienti pubblici

I partecipanti hanno riferito che uscire (tema 4) in luoghi pubblici, e fare attività utili come l’esercizio fisico o andare in ambienti utili (ad esempio, la casa di amici) è stato efficace quando c’era un impulso ad autolesionarsi. Essere in un ambiente pubblico, in un contesto strutturato, o in presenza di altri, significava che si stavano allontanando da un fattore scatenante e non erano in grado di praticare l’autolesionismo. “Era utile essere in posti dove c’era una struttura e non potevo andarmene.

In pubblico non mi sarei fatto del male, perché cosa sarebbe successo allora? Cosa farebbe la gente?”. (Pt 2), “se faccio esercizio sono in uno spazio mentale molto migliore” (Pt 3), “perché spesso è innescato da qualcosa che non è reale ecc… quindi c’è bisogno di capire l’emozione e poi tornare al problema reale… quindi rimuovere te stesso ti dà la possibilità di fare questo”. (Pt 6).

L’imitazione

Le strategie di imitazione (tema 5) erano azioni descritte dai partecipanti che fornivano la stessa sensazione dell’autolesionismo, ma senza le conseguenze (ad esempio, far scorrere un elastico intorno al polso, tenere un cubetto di ghiaccio in mano). Questi sono per lo più utili; tuttavia, un partecipante ha sottolineato la loro importanza per l’uso in luoghi pubblici: “Non ti dà la stessa sensazione ma va bene quando sei fuori” (Pt 2).

Cosa descrivono i partecipanti?

Per lo più, i partecipanti hanno descritto queste strategie di mimetismo in modo negativo: “Queste strategie [elastico e ghiaccio] sono accondiscendenti… non comunicano realmente quanto sia valido il mio disagio” (Pt 4); “Queste cose [colpire un elastico] non sono davvero la stessa cosa in termini di non fare davvero male… il sangue è importante… e ottenere il dolore fisico per mascherare il dolore emotivo è importante”. (Pt 2); “Ho provato l’elastico per un po’… ma mi sono lasciato trasportare e l’ho fatto sempre. Ma in realtà mi ha fatto diventare autolesionista in qualche modo… ho continuato a farlo sempre peggio”. (Pt 6).

 

Nuovi Disagi in Adolescenza. Diagnosi, Prognosi e Intervento

Nuovi Disagi in Adolescenza. Diagnosi, Prognosi e Intervento

 

Raccomandazioni per lo sviluppo di un intervento online per i giovani a rischio di autolesionismo

Un intervento online e in particolare un’app è uno strumento potenzialmente utile che potrebbe essere un luogo dove memorizzare tutto ciò che potrebbe essere utile per gestire l’impulso all’autolesionismo. I partecipanti hanno descritto una serie di cose potenzialmente utili che potrebbero essere incluse in un’app, come immagini e video che li fanno sentire bene, ridere o esprimere altre emozioni, giochi online utili per distrarsi, promemoria delle persone che li amano e si prendono cura di loro, e link ad altre app per sostenere le strategie di auto-aiuto come la consapevolezza e la meditazione.

L’entusiasmo dei partecipanti

I partecipanti erano entusiasti di una funzione all’interno di un intervento sviluppato che avrebbe permesso loro di condividere le strategie di auto-aiuto con gli altri, affermando che sentire le strategie da altri giovani con esperienza vissuta era preferibile: “È un sostegno da parte di persone che sanno effettivamente cosa significa passare attraverso certe cose e che hanno provato le cose suggerite e hanno avuto successo, e anche riconoscere che potrebbe non funzionare per tutti, ma vale la pena provare” (Pt 7).

Connettersi con persone che hanno esperienze simili è potenzialmente utile, anche se i partecipanti erano consapevoli del rischio: “‘C’è ancora speranza’ storie di viaggio. Avere collegamenti a questo genere di cose sarebbe utile… avere una playlist di cose che esplorano la malattia mentale/salute… ma questo potrebbe essere scatenante per alcune persone”. (Pt 5).

Come superare le barriere alla connessione sociale?

Anche i modi per superare le barriere alla connessione sociale sono discussi come una funzione importante di un intervento: “mi piace l’idea di un’opzione per far sì che l’app invii un messaggio alla persona nominata per dire che non stai bene… in modo che possa contattarti e iniziare la conversazione” (Pt 2), anche se i partecipanti volevano mantenere il controllo su questo tipo di funzione: “non deve essere automatico… ha bisogno di una casella che dica: sembra che tu stia avendo una brutta giornata, vuoi che questa informazione sia passata a X.” (Pt 1).

In relazione a questo, i partecipanti hanno dichiarato che sarebbe utile una funzione che permetta loro di inviare un messaggio pre-scritto a una persona di supporto nominata quando si sentono in difficoltà: “Quando sei in quello spazio è troppo difficile elaborare qualsiasi cosa, quindi hai bisogno di cose che sono già lì e pronte a partire”. (Pt 3).

La personalizzazione

Inoltre, i partecipanti evidenziano la necessità di personalizzazione, per esempio applicando particolari restrizioni sui contenuti disponibili, la capacità di modificare quando le notifiche push, e l’adattamento delle persone in diverse fasi di recupero.

Discussione

Questo studio è tra i primi ad esplorare l’esperienza vissuta dai giovani che sono autolesionisti ed è unico nel suo esame delle cause immediate dell’impulso all’autolesionismo rispetto ai fattori di rischio generici per l’autolesionismo. Questa ricerca si aggiunge alla letteratura sulle strategie di auto-aiuto che possono essere usate “al momento” per mitigare l’impulso all’autolesionismo, fornendo strategie che i giovani hanno trovato utili per superare il disagio emotivo e sentirsi più socialmente connessi.

Le evidenze

Sperimentare emozioni angoscianti e un senso di isolamento erano temi chiave, considerati fattori scatenanti primari, perché altri fattori scatenanti erano associati alla loro induzione (ad esempio, i partecipanti hanno riferito che l’esposizione all’autolesionismo, le difficoltà di relazione, il confronto sociale e le difficoltà scolastiche/lavorative portano a emozioni angoscianti e ad un senso di isolamento, che a loro volta scatenano l’impulso all’autolesionismo). Che il disagio psicologico sia un fattore scatenante dell’autolesionismo è coerente con le ricerche precedenti (Landstedt and Gådin, 2011; Townsend et al., 2016), ma questo studio evidenzia l’ampia gamma di emozioni angoscianti riportate dai giovani come scatenanti, e che queste emozioni nascono da una gamma altrettanto ampia di situazioni.

Gli altri temi

Un senso di isolamento è riportato in una serie di contesti, ma comunemente i giovani hanno descritto di sentirsi isolati quando si sono percepiti come diversi dagli altri (ad esempio, in termini di orientamento sessuale, avendo un disturbo diagnosticato). Questo può spiegare in qualche modo i meccanismi che portano a ciò che sappiamo essere più alti tassi di autolesionismo in queste popolazioni (4).

Il confronto sfavorevole con le norme sociali percepite, sia di persona che attraverso i social media, è riportato come causa di un senso di non adattamento. Inoltre, i giovani che hanno riferito di sentirsi meno supportati da, o in grado di confidarsi con, genitori, insegnanti o coetanei, hanno riferito che questo potrebbe lasciare a un impulso di autolesionismo, che è un risultato coerente con la ricerca precedente (Portzky et al., 2008; Swahn et al., 2012).

Rispetto alla letteratura precedente

Ricerche precedenti hanno anche trovato un’associazione tra le critiche dei genitori e l’autolesionismo (Yates et al., 2008), e nel presente studio, i giovani hanno menzionato che sentirsi disconnessi o non sostenuti dalla famiglia, sperimentando difficoltà relazionali e conflitti, era un fattore scatenante dell’autolesionismo.

I rapporti dei giovani nello studio attuale suggeriscono che il conseguente senso di isolamento o le emozioni angoscianti agiscono come mediatore tra le difficoltà di relazione e il conflitto e l’autolesionismo. L’appartenenza contrastata (nel nostro studio “isolamento sociale”) è una componente chiave di Joiner (2005) teoria interpersonale del suicidio, il cui rischio è elevato in coloro che si impegnano nell’autolesionismo. Capire come la teoria di Joiners potrebbe applicarsi all’autolesionismo può essere una direzione utile per il campo (3).

Le sfumature che derivano dai dati

Essere esposti all’autolesionismo altrui è identificato come un fattore scatenante dell’autolesionismo, il che è coerente con la letteratura (McMahon et al., 2013; O’Connor et al., 2014), ma lo studio ha evidenziato sfumature significative per quanto riguarda il modo in cui questa esposizione potrebbe innescare un giovane ad impegnarsi nell’autolesionismo.

Confrontare l’estensione della ferita potrebbe agire come un fattore scatenante per i giovani che sentono che la loro ferita non è abbastanza grave in confronto: la ricerca precedente ha dimostrato che le immagini grafiche portano al confronto e alla competitività per quanto riguarda la gravità delle ferite, e che le immagini grafiche possono portare i giovani a credere che l’autolesionismo sia un metodo di coping accettabile (Lewis and Baker, 2011; Baker and Lewis, 2013).

Esplorare l’idiosincrasia

Un tema chiave di questo studio, forse non sorprendentemente dato i risultati sulla vasta gamma di situazioni ed emozioni che possono essere scatenanti, è stata la natura idiosincratica delle strategie di auto-aiuto che i giovani hanno trovato utili. I giovani sono stati categorici sul fatto che ciò che può essere considerato utile varia a seconda dell’individuo, del suo ambiente, della situazione scatenante, dell’umore e del livello di sofferenza.

Questo risultato ha senso nel contesto della ricerca che mostra che gli individui si autolesionano per una varietà di ragioni (Rodham et al., 2004; Claes and Vandereycken, 2007). Pertanto, una scoperta importante di questo studio è che le strategie per sostenere i giovani che si autolesionano devono affrontare queste complessità.

Comunicare e stringere legami

Costruire legami con gli altri è  una strategia importante per superare il senso di isolamento, identificato come un importante fattore scatenante. Tuttavia, in linea con la ricerca precedente (Doyle et al., 2015), molti partecipanti hanno descritto di aver trovato particolarmente difficile comunicare con gli altri, specialmente quando erano in difficoltà.

I partecipanti volevano canali e modelli per sostenerli nel creare connessioni quando ne avevano più bisogno e hanno fornito una serie di suggerimenti utili per un intervento digitale per sostenere la connessione sociale attraverso messaggi ad altri significativi e una funzione di chat moderata.

Costruire una connessione

Per quanto riguarda la costruzione della connessione, i giovani hanno anche descritto il “cambiare l’ambiente” come una strategia importante per gestire gli stimoli all’autolesionismo, e questo spesso implicava uscire fuori o uscire con gli amici per impegnarsi in attività. Cambiare l’ambiente è una strategia che è particolarmente ben supportata dalla ricerca precedente in quanto non solo facilita l’impegno con gli altri – riducendo i sentimenti di isolamento – ma coinvolge anche l’attivazione comportamentale, una componente chiave della terapia cognitivo-comportamentale, che coinvolge piccoli compiti realizzabili che aumentano l’effetto positivo creando un senso di padronanza o di cambiamento nel focus (Hopko et al., 2003).

Strategie di mimica

Questo studio è stato l’unico ad essere in grado di valutare l’esperienza dei giovani sulle “strategie di mimica”, che sono spesso raccomandate dai clinici. I partecipanti a questo studio hanno riconosciuto che possono essere utili come un metodo discreto da usare quando sono in pubblico. Tuttavia, hanno anche notato che le strategie di mimica sono inadeguate di fronte a un grave disagio, e possono essere percepite come potenzialmente condiscendenti e invalidanti.

Forze e Limiti

I partecipanti a questo studio erano individui in cerca di aiuto che avevano cercato un aiuto professionale attraverso i servizi di salute mentale secondaria e terziaria, così come attraverso la medicina generale e i servizi psicologici privati. Dato ciò, questi risultati potrebbero non essere generalizzabili ai giovani che si autolesionano ma non hanno cercato aiuto.

Per esempio, le risposte dei partecipanti alle strategie di mimica nello studio attuale possono riflettere la natura del campione che era alla ricerca di aiuto e in remissione per 3 mesi e che questi partecipanti possono aver imparato strategie di regolazione emotiva più efficaci per affrontare gli impulsi di autolesionismo rispetto agli individui che devono ancora cercare aiuto.

Altri limiti

Mentre i partecipanti erano tutti alla ricerca di aiuto, non abbiamo raccolto sistematicamente informazioni sulle diagnosi di salute mentale. Il fatto che i nostri partecipanti rappresentassero una serie di diagnosi e problemi psicosociali può anche in parte contribuire alla scoperta della natura idiosincratica delle strategie di auto-aiuto. Infine, data la natura retrospettiva dello studio, i partecipanti potrebbero aver dimenticato o ricordato in modo impreciso i dettagli dei fattori scatenanti e delle strategie utili.

I punti di forza comprendono la revisione sistematica della letteratura intrapresa per guidare lo sviluppo del programma di interviste per garantire che tutte le domande fossero pertinenti, e i solidi quadri seguiti per l’analisi qualitativa.

 

Trauma, attaccamento, disregolazione emotiva e vergogna: terapia dei comportamenti autodistruttivi, con Lisa Ferentz

Trauma, attaccamento, disregolazione emotiva e vergogna: terapia dei comportamenti autodistruttivi, con Lisa Ferentz

 

Implicazioni e conclusioni

I giovani a rischio di autolesionismo hanno bisogno di strategie per sostenerli nei momenti in cui stanno vivendo emozioni angoscianti e hanno un impulso ad autolesionarsi. Nonostante i giovani possano avere bisogno di interventi a lungo termine per sostenere il loro viaggio verso la guarigione, le intuizioni di questa ricerca sulle strategie “al momento” o a breve termine per gestire l’impulso all’autolesionismo sono importanti.

Cosa evidenzia la ricerca?

La ricerca ha evidenziato che queste strategie devono aiutare i giovani a gestire le emozioni angoscianti e sostenerli a connettersi con gli altri. Un aspetto importante di queste strategie è aiutare i giovani a diventare consapevoli dei loro fattori scatenanti, compresi i contesti e le situazioni, ma anche il disagio psicologico che precede l’impulso all’autolesionismo. Questo, per esempio, potrebbe essere fatto dalla persona che sostiene il giovane attraverso tecniche come l’analisi funzionale o “a catena” che supporta un individuo a scoprire tutti i fattori che hanno portato all’impulso di autolesionarsi.

Cosa evidenziano i risultati?

I giovani in questo studio hanno identificato un gran numero di strategie potenzialmente utili per gestire gli impulsi autolesionistici, pur sottolineando che strategie diverse funzioneranno per persone diverse, in ambienti diversi e in momenti diversi. Pertanto, in termini di sviluppo di strategie per aiutarli con “l’angoscia del momento”, è importante che i giovani diventino consapevoli di ciò che più li aiuta.

Gli interventi digitali sembrano offrire un grande potenziale per sostenere i giovani che si autolesionano, soprattutto se forniscono opportunità per un giovane di pensare ai propri fattori scatenanti individuali.

L’importanza della ricerca

Attraverso i suoi risultati unici relativi al ruolo di mediazione delle emozioni angoscianti e dell’isolamento sociale nel sollecitare l’impulso all’autolesionismo, le potenziali inadeguatezze delle strategie di imitazione. E le attività alternative che i giovani intraprendono e trovano utili quando sperimentano l’impulso all’autolesionismo. Questa ricerca evidenzia l’importanza delle strategie individuali che aiutano un giovane a utilizzare strategie che aiutano la regolazione delle emozioni e a sentirsi più connessi agli altri.

Liberamente tradotto e adattato.

Fonte: Hetrick, S. E., Subasinghe, A., Anglin, K., Hart, L., Morgan, A., & Robinson, J. (2020). Understanding the needs of young people who engage in self-Harm: A qualitative investigation. Frontiers in psychology, 10, 2916. //doi.org/ 10.3389/ fpsyg.2019.02916

0 thoughts on “Comprendere i Bisogni dei Giovani che si Autolesionano

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>