La consulenza psicologica in coppie con problemi di infertilità

Patrizia Vaccaro
Psicologa Psicoterapeuta, mi sono specializzata nel 2008 in Psicoterapia cognitiva e cognitivo-comportamentale presso il centro “Studi Cognitivi” di Milano. Sin dai primi anni della formazione ... Leggi la Bio
consulenza psicologica infertilità

In Italia 2 coppie su 10 hanno problemi di fertilità e su queste il 4% è sterile.

L’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità), definisce sterilità la situazione di una coppia in cui uno o entrambi i membri sono affetti da una condizione fisica permanente che non rende possibile il concepimento. Si parla, invece, di infertilità quando una coppia, per cause relative all’uomo o alla donna, non riesce ad ottenere una gravidanza dopo un anno di rapporti costanti e non protetti. Il termine infertilità, quindi, al contrario di sterilità, non si riferisce ad una condizione assoluta, bensì ad una situazione generalmente risolvibile e legata ad uno o più fattori interferenti. L’infertilità viene quindi considerata una patologia e come tale può essere sottoposta a cura.

Se prima si riteneva che l’infertilità fosse una condizione tipica di un’ età avanzata, ora si riscontra questa condizione anche in coppie relativamente giovani. Le cause dell’infertilità possono essere maschili nel 35% dei casi, femminili nel 35% dei casi, di entrambi (15%) o essere sconosciute (15%).

Fino a qualche tempo fa l’infertilità veniva considerata un problema fisico, ma oggi è noto che le componenti psicologiche giocano un ruolo importante non solo come elemento causale, ma anche come conseguenza dell’iter diagnostico e terapeutico.

Corso Ondemand: Il sostegno psicologico nell’infertilità
Corso Ondemand: Il sostegno psicologico nell’infertilità

Diversi studi hanno mostrato che la maggior parte degli individui infertili mostrano alti livelli di ansia, sintomi depressivi, bassa soddisfazione nella vita, senso di colpa, inadeguatezza, problemi relazionali sia all’interno della coppia che fuori, problemi sessuali. L’infertilità dunque, sia durante la diagnosi che durante il trattamento può danneggiare la qualità di vita. Come in tutte le situazioni di stress, anche questa condizione fa emergere le risorse e le eventuali disfunzionalità della coppia e dei singoli individui.

Sblocca i tuoi 50 crediti ECM in omaggio con i corsi FCP con ECM

Le caratteristiche individuali e di coppia hanno un ruolo fondamentale in senso positivo o negativo sul modo in cui viene affrontata l’infertilità e sullo stato psichico conseguente. Infatti, in alcune situazioni si instaura un circolo vizioso in cui le scarse risorse non permettono una buona gestione dello stress, che a sua volta indebolisce ulteriormente le risorse. In questo modo le probabilità di successo al trattamento diminuiscono.

Inoltre, non bisogna dimenticare l’impatto sociale e culturale che una diagnosi di questo tipo comporta: affrontare l’infertilità significa scontrarsi con un tipo di modello culturale che vede la coppia come base per evolvere in genitori, la donna come madre e l’uomo come padre. Sia per l’uomo e che per la donna significa rimettere in discussione la propria identità che non può più fondarsi sul proprio potere riproduttivo, ma deve essere rivista in altri termini. Stare in coppia senza avere figli significa ridefinire un progetto di vita e impegnarsi per rinnovarlo insieme.

Per questo motivo in Italia la legge 40 che regola la normativa in merito alla procreazione medicalmente assistita indica la necessità di un servizio di sostegno psicologico all’interno di questi centri.

Infine, in un periodo in cui anche nel nostro paese si discute di fecondazione eterologa non bisogna dimenticare che nell’ambito del congresso Europeo della European Society of Human Reproduction and Embryology (Eshre) è stata ribadita l’importanza del counseling psicologico per le coppie e le donne che affronteranno la fecondazione eterologa. Quest’ultima pone infatti un’ulteriore questione: l’accettazione di materiale genetico esterno alla coppia mette di fronte alla propria impossibilità a procreare.

L’attività di consulenza psicologica deve tener conto dei tre passaggi fondamentali che una coppia attraversa durante la PMA:

  1. decisionale: prima dell’inizio del trattamento,  occorre fornire il sostegno e l’informazione su tutti i risvolti emotivi e relazionali della decisione di intraprendere un percorso di Pma
  2. di sostegno: accompagna la coppia nei momenti di difficoltà e di decisioni difficili durante la Pma
  3. terapeutica: si aiuta la coppia o il singolo a far fronte alle conseguenze negative della diagnosi di infertilità, o l’eventuale fallimento del trattamento.

Tuttavia, nonostante esistano indicazioni specifiche sul ruolo dello psicologo nei centri PMA, al momento attuale non esiste una formazione specifica per chi vuole approfondire questo settore.

Avere una formazione specifica significa:

  1. possedere le conoscenze relative all’infertilità e ai meccanismi dello stress
  2. sapere interagire con l’equipe medica
  3. essere in grado di cogliere il funzionamento della coppia e dei singoli individui nelle situazioni di stress
  4. conoscere quali aspetti psichici ed emotivi emergono con maggiore facilità

Avere le competenze necessarie significa soprattutto aiutare la coppia ad accettare la diagnosi, sostenerla nel percorso, ma soprattutto accompagnarla nell’elaborazione del lutto in caso di insuccesso. Senza un’adeguata accettazione e elaborazione, non può esserci spazio per un nuovo progetto all’interno della coppia. In caso di successo significa affrontare le ansie nel diventare madre/padre/genitori che spesso sono più elevate rispetto a chi non ha avuto problemi nel realizzare la gravidanza.

0 thoughts on “La consulenza psicologica in coppie con problemi di infertilità

  • Giacomo Alia says:

    Sottovalutate patologie per le quali è impossibile procreare,per cui la psicoterapia si attacca al tram!

    • patrizia vaccaro says:

      gent.le Giacomo, la psicoterapia non è una medicina per l’infertilità, ma è fondamentale per sostenere chi affronta un percorso di questo tipo. E nelle patologie che causano sterilità diventa ancora più importante trovare il modo per riuscire ad elaborare la diagnosi e riprogettare la propria vita individuale e di coppia. Ovviamente non vale per tutti e ognuno attinge alle proprie risorse e ai modi (e mezzi) che trova più adeguati per sè e per la propria coppia.

  • pia vicinanza says:

    Le componenti psicologiche giocano un ruolo importante….semplicemente perché siamo anche psiche. E durante un percorso di PMA emergono pensieri, sensazioni, emozioni a cui è importante dare spazio.
    Uno spazio di condivisione, elaborazione. La consulenza psicologica può fornire quello spazio

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>