Emotional Freedom Techniques (EFT) per il PTSD

L’Emotional Freedom Techniques (EFT – tecniche cliniche di libertà emotiva) è un intervento psicofisiologico che include elementi cognitivi e somatici, utilizzano tecniche sia della terapia cognitivo comportamentale (CBT) che della terapia dell’esposizione prolungata (PE).

Poiché esisteva una sola meta-analisi che esaminava le EFT per il disturbo da stress post-traumatico, questa revisione sistematica e meta-analisi rappresenta un aggiornamento.

L’importanza del PTSD per la salute pubblica

Il disturbo da stress post-traumatico (PTSD) è una sfida sempre più grande per la salute mentale in tutto il mondo (von der Warth et al., 2020). Si stima che il 30% di coloro che ritornano da una zona di combattimento svilupperà un disturbo da stress post-traumatico (Shalev et al., 2017). E il 6,8% degli americani probabilmente soffrirà di disturbo da stress post-traumatico nel corso della propria vita (Harvard Medical School, 2007), in quasi i due terzi dei casi a causa di violenza sessuale e interpersonale (Julia, 2022). La metà di questi individui non si sottoporrà mai a trattamenti o interventi (Kessler et al., 2017).

Il disturbo da stress post-traumatico può svilupparsi a causa di:

  • infortunio;
  • aggressione;
  • sparatoria;
  • disastro naturale;
  • morte improvvisa di una persona cara;
  • l’aver assistito alla morte o al grave ferimento di un altro (Julia, 2022).

I sintomi spesso debilitanti del disturbo da stress post-traumatico comprendono:

  • flashback;
  • incubi;
  • pensieri intrusivi;
  • ansia grave;
  • ipervigilanza;
  • disturbi del sonno;
  • aggressività fisica;
  • scarsa concentrazione (Bisson et al., 2015).

Questi sintomi si associano al deterioramento degli ambiti della vita personale, sociale e finanziaria.

 

Trattamento del PTSD

Sono disponibili sia interventi psicologici che farmacologici per trattare il disturbo da stress post-traumatico. Le terapie cognitive ed espositive si sono dimostrate efficaci, con una revisione dei primi studi che conclude che: “La letteratura attuale rivela prove robuste che la CBT è un intervento sicuro ed efficace per il disturbo da stress post-traumatico sia acuto che cronico conseguente a una serie di esperienze traumatiche in adulti, bambini, e adolescenti” (Kar, 2011, p. 167). Gli autori avvertono, tuttavia, che “la mancata risposta alla CBT da parte del disturbo da stress post-traumatico può raggiungere il 50%, a cui contribuiscono vari fattori, tra cui la comorbidità e la natura della popolazione in studio

Una revisione di 36 studi randomizzati e controllati (RCT) ha rilevato che due terzi del personale militare o dei veterani trattati per il disturbo da stress post-traumatico soddisfacevano ancora i criteri diagnostici per il disturbo da stress post-traumatico dopo l’elaborazione cognitiva e i trattamenti di esposizione prolungata (Steenkamp et al., 2015).

I trattamenti farmacologici (ad esempio gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina) riducono i sintomi. Tuttavia, la ricaduta è comune dopo la cessazione del trattamento (Alexander, 2012). Le linee guida cliniche in genere raccomandano che i trattamenti di prima linea siano psicoterapie focalizzate sul trauma (ad esempio, American Psychological Association, 2017).

Interventi basati sul corpo per il disturbo da stress post-traumatico

La ricerca sostiene l’uso di terapie orientate alla parola nel trattamento dei traumi. Ma sempre di più si riconoscono i vantaggi clinici derivanti dall’introduzione di elementi somatici nella terapia.

Bessel van der Kolk originariamente propose che i cambiamenti nelle risposte biologiche notate dopo il trauma indicassero che il trauma può essere immagazzinato come memoria corporea, suggerendo che i trattamenti dovrebbero utilizzare interventi somatici (van der Kolk, 1994). Gli approcci somatici possono colpire non solo il fisico, ma anche i correlati neurologici del trauma.

Pat Ogden et al. (2006), propongono un approccio al trauma “dal basso verso l’alto”, centrato sul corpo.

Efficacia delle Emotional Freedom Techniques

Il focus di questa analisi sono le Emotional Freedom Techniques (Clinical EFT), una modalità terapeutica che incorpora sia elementi cognitivi che somatici. Alla fine degli anni ’90, la Divisione 12 della Task Force for Empirically Validated Treatments dell’American Psychological Association (APA) ha pubblicato una serie di sette standard (basati su Chambless and Hope, 1996 e Chambless and Hollon, 1998). Questi sono stati progettati come guida per valutare la qualità delle prove a supporto dell’efficacia di una determinata modalità terapeutica. Hanno posto particolare enfasi sugli studi randomizzati e controllati (RCT), con due studi randomizzati indipendenti di alta qualità necessari per stabilire una terapia come “efficace”.

Per due decenni, le linee guida Chambless e Hope (1996) hanno fornito un insieme stabile, ben definito e pubblicato di standard comuni in base ai quali valutare l’efficacia di una tecnica terapeutica. Una revisione sistematica del 2013 ha confrontato la ricerca esistente sulle EFT cliniche con gli standard e ha scoperto che il metodo soddisfaceva i criteri come pratica “basata sull’evidenza” per ansia, depressione, fobie e disturbo da stress post-traumatico (Church, 2013a).

 

Emotional Freedom Techniques (EFT) Tapping per il trattamento Mente-Corpo di Ansia, Trauma e Dolore

Dal 10 al 24 aprile 2024 | 12 ore | 10 ECM

 

Emotional Freedom Techniques

Le Emotional Freedom Techniques sono state sviluppate negli anni ’80. Il manuale di trattamento standardizzato per le EFT cliniche è stato introdotto all’inizio degli anni ’90. Le EFT sono un intervento psicofisiologico che include elementi cognitivi e somatici. Utilizza tecniche sia della terapia cognitivo comportamentale (CBT) che della terapia dell’esposizione prolungata (PE).

Questi includono la costruzione della consapevolezza, l’esposizione immaginativa, la ristrutturazione cognitiva, la pre-inquadratura e la desensibilizzazione sistematica. A ciò si aggiunge l’ingrediente somatico della digitopressione. Piuttosto che usare aghi di agopuntura, i professionisti stimolano, o insegnano ai loro clienti ad autostimolarsi, i punti di agopuntura toccandoli con la punta delle dita, una pratica tratta dalle tradizioni curative orientali come la digitopressione, il Qigong e lo Shiatsu. Per questo motivo, le EFT vengono comunemente chiamate semplicemente “tapping”.

Il protocollo clinico delle Emotional Freedom Techniques

Il protocollo Clinico delle delle Emotional Freedom Techniques inizia con l’ottenimento da parte del cliente di un punteggio di Unità Soggettive di Distress (SUD) sul problema target (secondo Wolpe, 1969). I punteggi SUD possono variare da zero (che indica assenza di disagio o neutralità) a 10 (che indica il livello di disagio più alto possibile).

Il cliente utilizza quindi una “Frase di setup” che implica nominare l’evento angosciante abbinando al ricordo una dichiarazione di auto-accettazione (Church e Feinstein, 2017). Ciò combina l’esposizione con l’inquadramento cognitivo. Mentre viene pronunciata l’istruzione di impostazione, viene toccato un punto terapeutico sul lato della mano. Altri otto punti terapeutici vengono quindi toccati mentre si ripete una “frase promemoria” progettata per evocare la massima emotività. La formulazione viene modificata per i cicli successivi di tapping in base agli spostamenti nel punteggio SUD.

 

Cambiamenti fisiologici dopo sessioni di Emotional Freedom Techniques

Le prime ricerche hanno mostrato cambiamenti clinicamente significativi dell’elettroencefalogramma (EEG) in seguito ai trattamenti EFT. Le vittime di incidenti automobilistici affetti da disturbo da stress post-traumatico avevano un’ampiezza maggiore di 13-15 Hz sulla corteccia sensomotoria. Riportavano inoltre una diminuzione dell’eccitazione della corteccia frontale destra e un aumento di 3-7 Hz/16-25 Hz nell’occipite (Swingle et al., 2010).

Risultati simili si osservano per lesioni cerebrali traumatiche (Craig et al., 2009), claustrofobia (Lambrou et al., 2002) e disturbi convulsivi (Swingle, 2005). Le Emotional Freedom Techniques si associano anche alla regolazione della pressione sanguigna, della frequenza cardiaca e dei marcatori immunitari (Bach et al., 2019). Uno studio di Church et al. (2012) ha mostrato riduzioni maggiori dei livelli di cortisolo dopo una singola sessione di tapping rispetto a una sessione di terapia della parola. Un risultato replicato anche da Stapleton et al. (2020).

Progetti più sofisticati hanno misurato i cambiamenti nell’espressione genica (Church et al., 2016; Maharaj, 2016) così come le molecole di segnalazione epigenetica denominate microRNA (Yount et al., 2019). Yount et al. (2019) hanno identificato tre microRNA con livelli di espressione correlati in modo significativo con i test psicologici del disturbo da stress post-traumatico. I cambiamenti neurali utilizzando la risonanza magnetica funzionale (fMRI) hanno identificato una riduzione dell’attività nelle aree di ricompensa del cervello (Stapleton et al., 2019). Questa era associata a corrispondenti riduzioni del desiderio di cibo, dell’alimentazione emotiva e di una maggiore capacità di moderazione (Stapleton et al., 2019) al., 2019).

EFT e risultati neurobiologici

La diminuzione della connettività tra la corteccia prefrontale mediale (un’area che modula il dolore) e le aree bilaterali della materia grigia nella corteccia cingolata posteriore e nel talamo (Stapleton et al., 2022) era evidente dopo un intervento EFT di 6 settimane per chi soffre di dolore cronico e corrispondeva alla dichiarazione da parte dei partecipanti di:

  • diminuzione della gravità e dell’intensità del dolore;
  • minore disagio psicologico;
  • miglioramenti nella felicità e nella soddisfazione nella vita (Stapleton et al., 2022).

Il tapping dei punti terapeutici ha aumentato l’attivazione dell’amigdala e diminuito l’attivazione dell’ippocampo nei partecipanti con fobia del volo (Wittfoth et al., 2022). Mentre un’attivazione simile dell’amigdala e una diminuzione dell’attivazione della corteccia cingolata anteriore ventrale sono state identificate durante compiti di regolazione delle emozioni (Wittfoth et al., 2020).

Se il tapping apporti un contributo clinico o se gli effetti osservati dalle Emotional Freedom Techniques siano dovuti alle sue componenti cognitive ed espositive è stato studiato in sei studi e una meta-analisi (Church et al., 2018a). Tutti i sei studi individuali hanno riscontrato che il tapping sui punti terapeutici era più efficace del tapping sui punti fittizi o su altri punti di controllo. La meta-analisi ha identificato un ampio effetto del trattamento per l’intero protocollo clinico EFT e un effetto moderato superiore ai controlli. I risultati di queste indagini mostrano che il tapping è un ingrediente attivo nella procedura.

 

Il contributo dell’agopuntura e della digitopressione

Poiché la stimolazione dei punti di agopuntura è l’ingrediente somatico primario delle Emotional Freedom Techniques, è giustificata una breve panoramica delle evidenze di base sull’agopuntura e sulla digitopressione (a volte definita “agopuntura senza aghi”).

In letteratura compaiono oltre 13.000 studi e più di 2.500 revisioni sull’agopuntura e sulla digitopressione (Ma et al., 2016). Nel 2017 l’Acupuncture Evidence Project (McDonald e Janz, 2017) ha attinto e ampliato due precedenti revisioni complete della letteratura. Una condotta per il Dipartimento degli affari dei veterani degli Stati Uniti nel 2013. L’altra per il Dipartimento degli affari dei veterani australiano nel 2010. L’Acupuncture Evidence Project ha valutato gli studi esistenti utilizzando i livelli di criteri di evidenza del National Health and Medical Research Council (NHMRC) e il sistema Cochrane GRADE per la valutazione del rischio di bias di studio. L’obiettivo era presentare lo stato attuale delle prove e come la qualità e la quantità della ricerca siano cambiate dal 2005 al 2016.

Delle 122 condizioni mediche e psichiatriche esaminate in 14 ampie aree cliniche, la ricerca ha supportato l’efficacia dell’agopuntura per 117 di esse, con prove per 46 di loro di “qualità moderata o alta”. Solo cinque delle 122 condizioni sono state valutate come “nessuna prova di effetto”. Una tendenza importante identificata è stata che nel periodo di 11 anni coperto dalla revisione, il livello di evidenza era aumentato per 24 condizioni, corroborando i risultati precedenti.

Come funziona l’agopuntura?

Un concetto fondamentale dell’agopuntura è che la stimolazione di punti elettricamente sensibili sulla pelle invia impulsi agli organi correlati lungo “percorsi energetici” noti come meridiani. Un ostacolo all’accettazione dell’agopuntura all’interno della comunità medica è stato l’incapacità di trovare prove dell’esistenza dei meridiani nel sistema nervoso, nel sistema muscolo-scheletrico, nel sistema circolatorio o in altre strutture anatomiche conosciute (Leskowitz, 2018).

La ricerca degli ultimi due decenni, tuttavia, ha supportato l’ipotesi che il sistema dei meridiani sia incorporato nel tessuto connettivo interstiziale del corpo. Ad esempio, Langevin e Yandow (2002), utilizzando immagini ecografiche, hanno scoperto che l’80% dei punti di agopuntura e il 50% delle intersezioni dei meridiani, come identificati nella teoria tradizionale dell’agopuntura, coincidono con i piani del tessuto connettivo del braccio. Studi precedenti suggerivano anche corrispondenze anatomiche con i meridiani, come quando iniezioni di colorante tracciante radioattivo nei punti di agopuntura viaggiavano lungo percorsi che coincidevano con le descrizioni tradizionali dei meridiani (de Vernejoul et al., 1992; Darras et al., 1993).

Spiegazione anatomica dell’azione del tapping

La ricerca ha dimostrato che i singoli punti terapeutici hanno una minore resistenza elettrica, e quindi una maggiore conduttività elettrica, rispetto ai punti adiacenti (Li et al., 2012). Attraverso un processo ben consolidato noto come trasduzione meccanosensoriale, le cellule possono convertire uno stimolo meccanico (nel caso dell’agopuntura e della digitopressione, needling o tapping) in attività elettrica (Gillespie e Walker, 2001).

I segnali elettrici generati dal tapping vengono presumibilmente trasmessi lungo i percorsi dei meridiani che si è scoperto essere contenuti nel tessuto interstiziale del corpo, che ha un’alta concentrazione di collagene. Poiché il collagene è un semiconduttore, la rapida trasmissione degli impulsi elettrici lungo il tessuto connettivo del corpo fornisce una spiegazione anatomica plausibile per l’azione della stimolazione dei punti terapeutici

Una revisione sistematica ha identificato 66 studi che hanno confrontato la digitopressione su punti reali con la stimolazione di punti fittizi (Tan et al., 2015). La pressione su punti reali si è rivelata più efficace per molti problemi di salute rispetto al trattamento fittizio.

Presentiamo questa breve panoramica di alcuni dei meccanismi conosciuti coinvolti nel tapping dei punti terapeutici per suggerire che l’elemento somatico delle Emotional Freedom Techniques, la digitopressione, poggia su una base anatomica consolidata.

 

Emotional Freedom Techniques per il disturbo da stress post-traumatico

Si è accumulato un vasto corpus di ricerche che esaminano le Emotional Freedom Techniques per il disturbo da stress post-traumatico. Le popolazioni rappresentate nella ricerca includono:

  • veterani di guerra;
  • vittime di violenza sessuale;
  • coniugi di soggetti affetti da disturbo da stress post-traumatico;
  • sopravvissuti a incidenti automobilistici;
  • prigionieri;
  • pazienti ospedalieri;
  • adolescenti;
  • sopravvissuti a disastri naturali e causati dall’uomo (Sebastian e Nelms, 2017; Feinstein, 2022b).

Risultati clinici coerenti implicano che l’intervento è generalizzabile a una varietà di contesti e popolazioni. La singola meta-analisi per il protocollo clinico EFT e PTSD ha indicato un ampio effetto pre-post-trattamento in 4-10 sessioni (Sebastian e Nelms, 2017). Anche le meta-analisi per la depressione (Nelms e Castel, 2016) e l’ansia (Clond, 2016) hanno prodotto grandi dimensioni dell’effetto pre-post-trattamento.

Nei sette studi riportati nella meta-analisi esistente sull’EFT per il disturbo da stress post-traumatico (Sebastian e Nelms, 2017), il tasso medio di abbandono (definito come coloro che si sono ritirati dallo studio o sono stati persi al follow-up) era inferiore al 10% del partecipanti.

 

Risultati della meta-analisi

Le terapie che integrano una componente somatica nel trattamento, come l’EMDR e le Emotional Freedom Techniques, hanno incontrato ostacoli alla loro adozione diffusa in contesti clinici. Sebbene siano stati convalidati in oltre 100 studi clinici ciascuno, la loro base di prove è inferiore a quella delle terapie della parola come la terapia cognitiva che sono state praticate per decenni.

Ciononostante, un crescente numero di ricerche suggerisce che i loro effetti su disturbo da stress post-traumatico, ansia e depressione sono robusti, con risultati positivi mantenuti nel follow-up a lungo termine.

L’attuale revisione aggiornata dimostra che le Emotional Freedom Techniques producono:

  • una maggiore riduzione dei sintomi di disturbo da stress post-traumatico rispetto ai gruppi di controllo;
  • riduzioni dei sintomi;
  • ampi effetti del trattamento.

Questi risultati sono simili ad altre terapie basate sull’evidenza. I meccanismi fisiologici d’azione delle EFT sono stati identificati nelle dimensioni della riduzione dell’ormone dello stress, dell’espressione genetica, della regolazione cerebrale e dei biomarcatori come la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna.

Una terapia sicura

Le Emotional Freedom Techniques sono classificate come “terapia generalmente sicura” dalla US Veterans Administration (Church et al., 2017). Ulteriori prove della sua sicurezza sono fornite da studi clinici che non hanno identificato eventi avversi in studi che hanno coinvolto più di 2.000 partecipanti (Church et al., 2022).

Al contrario, si nota il miglioramento del disagio emotivo in brevi intervalli di tempo (Flint et al., 2005). E i rapidi effetti del trattamento sono una delle caratteristiche delle Emotional Freedom Techniques per il disturbo da stress post-traumatico (Feinstein, 2022a). Un’esplorazione delle esperienze dei terapeuti che utilizzano tali metodi per adulti sopravvissuti ad abusi sessuali infantili (Schulz, 2007) riporta che i clienti preferiscono l’intervento perché riduce la possibilità di un nuovo trauma.

 

 

Articolo liberamente tradotto e adattato. Fonte: Stapleton P, Kip K, Church D, Toussaint L, Footman J, Ballantyne P and O’Keefe T (2023) Emotional freedom techniques for treating post traumatic stress disorder: an updated systematic review and meta-analysis. Front. Psychol. 14:1195286. doi: 10.3389/fpsyg.2023.1195286

Articoli correlati

Polyvagal Theory
Il recupero dal trauma attraverso la Teoria Polivagale
La Teoria Polivagale, sviluppata dal Dr. Stephen Porges, offre una prospettiva innovativa sulla...
EMDR - Desensibilizzazione e Rielaborazione attraverso i Movimenti Oculari
Effetti dell’EMDR Flash Technique per i sintomi traumatici
Flash Technique è un protocollo EMDR (Desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti...

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>