Libroterapia: come le storie possono aiutare a guidare il processo terapeutico

Redazione di FCP - FormazioneContinuaInPsicologia.it... Leggi la Bio

Usare i libri per guarire

Quando si affrontano problemi personali o dolori come ansia e depressione, a volte può essere difficile capire le proprie condizioni fisiche e mentali, soprattutto se non si ha altra esperienza con cui confrontarle. Lo scopo della libroterapia è aiutare il paziente a migliorare la propria vita attraverso l’uso della letteratura. Il metodo è fornire informazioni, supporto e guida attraverso attività di lettura sotto forma di libri e storie

 

Cosa si intende per libroterapia

Il concetto di lettura è un modo per aiutare a promuovere il processo di guarigione e raggiungere gli obiettivi del trattamento ed è una strategia comune che si trova in molti approcci terapeutici. Tuttavia, ciò che distingue la libroterapia da altre teorie psicoterapeutiche accettate come la psicoterapia cognitivo-comportamentale, è il fatto che i terapeuti di solito trattano la libroterapia come un metodo di trattamento e quindi la usano come un’altra parte del processo terapeutico.

Poiché la terapia bibliografica viene solitamente utilizzata per supportare altre forme di terapia, è adatta sia a situazioni individuali che di gruppo ed è adatta a persone di tutte le età. Si è spesso visto che i terapeuti usano le storie quando lavorano con giovani clienti come bambini o adolescenti.

Quando viene utilizzata nella terapia di gruppo, la libroterapia consente ai partecipanti di dare e ricevere feedback sulle loro interpretazioni della letteratura e su come si relaziona ai loro problemi. Aiuta anche a migliorare la comunicazione e incoraggia i partecipanti a impegnarsi in un dialogo e un contatto più profondi.

Sblocca i tuoi 50 crediti ECM in omaggio con i corsi FCP con ECM

 

La libroterapia come interazione dinamica

Il dottor Sam Gladding (Ph.D) è un professore del programma Online Master in in Counseling and Human Services presso la Wake Forest University, specializzato nella consulenza. Lui descrive la libroterapia come un’interazione dinamica a tre vie che coinvolge l’uso di un libro, un consulente e un cliente. Ha affermato che:

il consulente e il cliente considerano il problema o l’area di stress nella vita del cliente. Quindi, il consulente ‘prescrive’ un libro o una storia che il cliente potrà leggere.”

Gladding ha sottolineato che è essenziale che il libro o la storia siano direttamente correlati alle difficoltà del cliente in modo che possa corrispondere con l’eroe del romanzo o della storia. Quindi, il consulente e il cliente tornano a discutere come il protagonista gestisce il suo problema e l’applicabilità di una o più delle soluzioni del libro alla situazione del cliente.

Un terapeuta matrimoniale e familiare, Chad Perman (MA, LMFT Licensed Marriage & Family Therapist) di New Page Therapy è d’accordo. Lui afferma che “in genere, i terapeuti useranno la libroterapia per assegnare ai clienti libri specifici da leggere al di fuori della sessione.” Questa strategia, dice Perman, può aiutare a facilitare l’empatia, l’intuizione, la conversazione e la crescita personale.

La maggior parte dei terapeuti formati in libroterapia avrà un elenco di libri che si riferiscono a diverse questioni. Esistono anche alcuni siti e database online che forniscono titoli suggeriti o consigliati in base a specifici problemi di salute mentale.

L’uso della libroterapia in contesti individuali e gruppali

Corso Online – Docente: Rachele Bindi

 

Ricevere benefici al di fuori del trattamento

Concordare un libro da leggere tra le sessioni offre al terapeuta un formato per assegnare “i compiti a casa” al di fuori del trattamento. Questo può aiutare ad approfondire il significato di una sessione terapeutica e facilitare un maggiore apprendimento. Un altro modo in cui un terapeuta può utilizzare la libroterapia, afferma Gladding, è attraverso un modello di prevenzione. Questo può aiutare le persone a imparare come affrontare le sfide della vita.

 

Problemi comuni trattati con la libroterapia

La libroterapia fornisce al paziente un’idea delle sfide personali che deve affrontare e aiuta a sviluppare strategie per risolvere i problemi più difficili. Può anche aiutare a promuovere la risoluzione dei problemi, la comprensione e la consapevolezza di sé.

Sebbene la lettura sia generalmente vantaggiosa per quasi tutti, Perman ha affermato che la terapia bibliografica mirata è particolarmente utile per i seguenti problemi:

  • L’ansia
  • La depressione
  • La dipendenza da sostanze
  • Disturbi del comportamento alimentare (DCA)
  • Problemi di relazione
  • Preoccupazioni esistenziali come isolamento, mancanza di significato, libertà e morte.

Gladding dice che la libroterapia può essere particolarmente rilevante per le questioni che coinvolgono le relazioni interpersonali, come la gestione della rabbia, comportamenti socialmente appropriati, la timidezza o la depressione. Inoltre, aggiunge che: “le questioni su come affrontare il dolore, il rifiuto, o quasi tutti gli ‘ismi’ negativi come il razzismo, il sessismo, l’età (ageism), possono essere affrontati anche attraverso la libroterapia.

Quando si utilizza la libroterapia, il terapeuta può scegliere un riferimento di auto-aiuto per le persone con ansia o altri problemi di salute mentale, come un manuale di esercizi sedativi. Oppure, può scegliere una storia con personaggi di fantasia per affrontare il dolore, traumi e perdite.

 

Ti interessa questo argomento?
Leggi anche:
➡️ La lettura come strumento di crescita lavorativa e personale
➡️ Libroterapia e benessere psicologico

Articolo liberamente tradotto e adattato. Fonte: Verywellmind.com

0 thoughts on “Libroterapia: come le storie possono aiutare a guidare il processo terapeutico

  • marilena massasso says:

    Buongiorno.
    Sarei interssata al corso….. posso avere informazioni circa i costi e le giornate di studio?
    Grazie.
    Marilena Massasso (psicologa -psicoterapeuta)

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>